Monsanto accusata di economia killer in India

Monsanto accusata di economia killer in orienteIeri il giornale online di Aljazeera ha lanciato una forte accusa alla politica della multinazionale Monsanto ( presente anche in Italia da almeno 30 anni).

Sono morti suicidi 300.000 contadini indiani dopo aver contratto dei debiti insormontabili  e il fatto viene legato al prezzo dei semi di cotone che la stessa Monsanto vende, e che sono aumentati da 7 a 17.000 rupie.

Per questo ora il cotone viene chiamato anche l’Oro Bianco Sporco.

Il vero problema dei semi di cotone, che viene da sempre coltivato in India, è che i nuovi semi geneticamente modificati, non fanno piante che danno semi riutilizzabili dai contadini, quindi ogni anno gli stessi semi devono essere ricomprati dalla Monsanto, in quanto ormai quelli ‘vecchi’ non si possono più piantare in quanto nel frattempo si sono sviluppati nuovi parassiti che cercano di sopravvivere agli OGM.

Le vecchie piante di cotone da sempre presenti in India inoltre, permettavano di fare delle colture cicliche, cioè un anno cotone ed un anno cereali, mentre con i nuovi semi della Monsanto si può ripiantarte solo altro cotone, in quanto i campi non sono più fertili per altri tipi di còlture.

Purtroppo sembra che queste notizie siano finora passate in secondo ordine..

monsanto ogm

Sopra: in Oriente c’è da tempo una campagna contro la Monsanto accusata, tra l’altro, di uso industriale di veleni di provenienza organica terribili:

  1. Pcb (che si produceva anche in Italia fino al 1983 su licenza Monsanto),
  2. Diossine (che si produceva anche in Italia , ma all’epoca di Seveso l’industria CMESA faceva parte ci Hoffman-Laroche)
  3. Agente Arancio (quest’ultimo era defogliante usato dalle truppe USA che distrusse intere aree di foreste e cpoltivazioni di vario genere in Vietnam e Cambogia) 

Fonte:

  1. http://www.aljazeera.com
Monsanto accusata di economia killer in Indiaultima modifica: 2012-12-09T13:49:00+01:00da arrigosarti
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento