Aumentare gli Stipendi: una sfida di politica economica fondamentale

Tutti i paesi del mondo hanno sofferto della crescente disparità di reddito e della crescita cronicamente lenta del tenore di vita degli americani a basso e moderato reddito, questo vale per l’economia americana che per la Nostra, come specificato su Economia Italia.. Questa deludente crescita del tenore di vita – che in realtà è stata causata dalla crescente disparità di reddito – ha persino preceduto la Grande Recessione. Fortunatamente, le disparità di reddito e gli standard di vita della classe media sono ora all’ordine del giorno dell’agenda politica. Ma nonostante la loro crescente rilevanza, questi problemi sono troppo spesso discussi in termini astratti. Questo documento – e il progetto Raising America’s Pay che lancia – espone la radice di facile comprensione dell’aumento delle disparità di reddito, della lenta crescita degli standard di vita e di una serie di altre sfide economiche chiave: la quasi stagnazione della crescita oraria dei salari per grande maggioranza dei lavoratori americani rispetto alle generazioni passate.

Non dovrebbe sorprendere che le tendenze nella crescita oraria dei salari abbiano profonde conseguenze per gli standard di vita americani. Dopotutto, la stragrande maggioranza degli americani fa affidamento sui loro stipendi per far quadrare i conti. Per queste famiglie, i salari e le prestazioni fornite dal datore di lavoro comprendono la maggior parte delle entrate, seguite da altre fonti di reddito legate all’andamento del mercato del lavoro, come i crediti d’imposta salariali, le pensioni e le assicurazioni sociali. Anche per il quinto inferiore delle famiglie, i redditi salariali rappresentano la maggior parte del reddito totale. In effetti, il reddito correlato ai salari è stato una quota crescente del reddito totale inferiore al quinto nel corso del tempo, poiché la rete di sicurezza si sposta verso i supporti al reddito salariali (come il credito d’imposta sul reddito guadagnato) mentre i supporti non salariali (come Declino dell’assistenza temporanea per le famiglie bisognose.

Guerra Commerciale USA CINA ultime novità

Guerra Commerciale USA CINA ultime novità

SUPPLEMENTARE DATI: Scarica le tabelle in appendice che accompagnano questo rapporto qui .

Le chiare connessioni tra salari, reddito e standard di vita significano che i progressi nel invertire la disuguaglianza, aumentare gli standard di vita e alleviare la povertà saranno straordinariamente difficili senza affrontare la crescita dei salari. In effetti, convertire la crescita lenta e diseguale dei salari degli ultimi tre decenni e mezzo in crescita salariale su ampia base è la principale sfida economica del nostro tempo.

La crescita lenta e diseguale dei salari negli ultimi decenni deriva da un cuneo crescente tra produttività complessiva e retribuzione. Nei tre decenni successivi alla seconda guerra mondiale, la compensazione oraria della stragrande maggioranza dei lavoratori è aumentata in linea con la produttività. Ma per la maggior parte della generazione passata (ad eccezione di un breve periodo alla fine degli anni ’90), la paga per la stragrande maggioranza è rimasta in ritardo rispetto alla produttività complessiva. Questa ripartizione della crescita delle retribuzioni è stata particolarmente evidente nell’ultimo decennio, interessando sia i lavoratori con un diploma universitario che quelli non istruiti nonché i colletti blu e bianchi.

Questo documento sostiene che la crescita dei salari su larga scala è necessaria per affrontare una costellazione di sfide economiche che gli Stati Uniti affrontano: stimolare la crescita del reddito per gli americani a basso e moderato reddito, controllare o invertire l’aumento delle disparità di reddito, migliorare la mobilità sociale, ridurre la povertà e favorendo la sicurezza delle attività di costruzione e pensionamento. Il documento sottolinea inoltre che una forte crescita dei salari per la stragrande maggioranza può favorire la crescita macroeconomica e la stabilità a medio termine chiudendo il deficit cronico della domanda aggregata (un problema a volte chiamato “stagnazione secolare”). Infine, il documento sostiene che qualsiasi analisi delle cause della crescente disuguaglianza e del ristagno dei salari deve prendere in considerazione il ruolo dei cambiamenti nelle politiche del mercato del lavoro e nelle pratiche commerciali, a cui viene data troppa poca attenzione da ricercatori e responsabili delle politiche.

I risultati dei dati chiave del documento includono:

Nonostante l’aumento della produttività in tutta l’economia, i salari per la stragrande maggioranza dei lavoratori americani sono rimasti stagnanti o in calo dal 1979, e questa debole crescita dei salari si estende anche a coloro che hanno un diploma universitario.

  • Dal 1979, la retribuzione oraria per la stragrande maggioranza dei lavoratori americani è divergente dalla produttività in tutta l’economia e questa divergenza è alla base di numerose sfide economiche americane.
    • Tra il 1979 e il 2013, la produttività è cresciuta del 64,9 per cento, mentre la compensazione oraria della produzione e dei lavoratori senza supervisione, che rappresentano l’80 per cento della forza lavoro del settore privato, è cresciuta dell’8,2 per cento. La produttività è quindi cresciuta otto volte più velocemente rispetto alla retribuzione tipica dei lavoratori.
    • Gran parte di questa crescita della produttività è stata attribuita a quelli con i salari più alti. L’1 percento superiore dei redditi ha visto un aumento cumulativo dei salari annuali del 153,6 percento tra il 1979 e il 2012, ben oltre la produttività dell’intera economia.
  • I salari orari della stragrande maggioranza dei lavoratori americani sono rimasti in stagnazione o in calo dal 1979, ad eccezione di un periodo di forte crescita salariale generalizzata alla fine degli anni ’90.
    • I salari orari mediani sono aumentati solo dello 0,2 percento annuo tra il 1979 e il 2013, rispetto a un declino annuale dello 0,2 percento per il lavoratore del 10o percentile (ovvero, il lavoratore che guadagna più del solo 10 percento dei lavoratori) e un guadagno annuale dell’1 percento per il Lavoratore al 95 ° percentile.
    • Tra il 2000 e il 2013, i salari orari della stragrande maggioranza dei lavoratori sono diminuiti (30 percento inferiore) o erano sostanzialmente stabili (40 percento successivo) e solo il 95 ° percentile ha visto una crescita dei salari avvicinarsi all’1% annuo.
    • La fine degli anni ’90 è stato l’unico periodo tra il 1979 e il 2013 in cui la crescita dei salari è stata robusta e ampiamente condivisa; in effetti, la crescita dei salari è stata in realtà la più forte per il 40 percento inferiore.
  • Mentre le disparità salariali per genere si sono gradualmente ridotte negli ultimi tre decenni e mezzo, le disparità salariali per razza ed etnia non si sono ridotte.
    • Le differenze tra i salari orari delle donne e degli uomini si sono lentamente ridotte dal 1979. Tuttavia, più in alto si osserva la distribuzione dei salari, più lenti sono stati i progressi. Tra le lavoratrici, il salario orario al 10o percentile era del 91,8 percento del 10o percentile degli uomini nel 2013, mentre il salario medio delle donne era dell’83,4 percento del salario medio degli uomini e il 95o percento delle donne era il 76,1 percento del salario del 95o percentile degli uomini.
    • Gli spazi tra i salari orari dei lavoratori neri e ispanici rispetto ai lavoratori bianchi non si sono colmati nel tempo. Queste lacune sono rimaste sostanzialmente invariate nella fascia bassa della distribuzione dei salari e si sono effettivamente allargate a livelli più alti.
  • La debole crescita dei salari si estende anche a coloro che hanno un diploma universitario di quattro anni, mentre quelli con un diploma di scuola superiore e senza ulteriori studi sono andati ancora peggio.
    • La stragrande maggioranza dei laureati hanno visto solo piccoli guadagni salariali dal 2000. Anche al 90 ° percentile, salari orari laureati sono aumentate solo del 4,4 per cento cumulativamente 2000-2013.
    • Le retribuzioni orarie entry-level sono diminuite in media sia per le donne che per i laureati dal 2000 al 2013 (8,1 per cento tra le donne e 6,7 per cento tra gli uomini).
    • I lavoratori senza una laurea di quattro anni sono andati ancora peggio durante l’intero periodo 1979-2013, poiché il rapporto tra i salari dei lavoratori con istruzione universitaria rispetto a questo gruppo si è ampliato rapidamente negli anni ’80 e nei primi anni ’90, ed è cresciuto (anche se molto più lentamente ) da.

La disuguaglianza alimentata dall’ampia stagnazione salariale è di gran lunga il fattore più determinante del rallentamento della crescita degli standard di vita rispetto alla generazione passata ed è stata enormemente costosa per l’ampia classe media (famiglie tra il 20 ° e l’80 ° percentile di reddito) .

  • Tra il 1979 e il 2007, oltre il 90 percento delle famiglie americane ha visto i propri redditi crescere più lentamente della crescita del reddito medio (che è stata sostenuta da una crescita straordinariamente rapida nella parte superiore).
  • Entro il 2007, il crescente cuneo tra la crescita media del reddito in tutta l’economia e la crescita del reddito dell’ampia classe media – un cuneo che a volte chiamiamo “imposta sulla disuguaglianza” – ha ridotto i redditi della classe media di quasi $ 18.000 all’anno.
  • La lenta crescita del reddito per la maggior parte delle famiglie americane è dovuta principalmente alla debole crescita dei salari orari. Nel 1979, il reddito da lavoro rappresentava l’85,1% del reddito totale per le famiglie non anziane 1  nell’ampia classe media, ma la crescita oraria delle compensazioni rappresentava solo circa il 17% dell’aumento dei redditi delle famiglie tra il 1979 e il 2007, il che significa che era molto inferiore il suo peso.
    • Tutta la crescita oraria della compensazione per la classe media ampia si è verificata tra il 1995 e il 2000.
    • L’aumento delle ore di lavoro (rispetto alla maggiore retribuzione oraria) ha inciso per circa i due terzi dell’aumento del reddito da lavoro tra il 1979 e il 2007 per questo gruppo di famiglie non anziane nella vasta classe media.

L’incapacità dei salari di crescere per la stragrande maggioranza è la ragione principale per cui i progressi nella riduzione della povertà si sono arrestati negli ultimi tre decenni e mezzo.

  • La disuguaglianza basata sui salari ha reciso il legame tra riduzione della povertà e crescita economica generale. Se la riduzione e la crescita della povertà fossero strettamente correlate tra il 1959 e il 1973, la crescita avrebbe spinto il tasso di povertà, che è passato dall’11,7 per cento nel 1979 al 15,0 per cento nel 2012, praticamente a zero ormai. Questa constatazione generale rimane vera anche quando si usano misure alternative di povertà, come la misura supplementare di povertà (SPM).
  • Dal 1979 al 2012, l’impatto della crescente disuguaglianza è stato quasi cinque volte più importante nello spiegare le tendenze della povertà rispetto ai cambiamenti nella struttura familiare, mentre l’aumento del livello di istruzione dei lavoratori a basso salario ha effettivamente esercitato una pressione al ribasso sul tasso di povertà in quel periodo.
  • La crescita dei salari è la chiave per la riduzione della povertà: il quinto inferiore delle famiglie americane non anziane ha fatto affidamento sul reddito legato al lavoro (salari, benefici e crediti d’imposta salariali) per oltre i due terzi (69,7 per cento) del reddito totale in 2010.

Le principali evidenze economiche implicano le decisioni politiche – e in particolare i cambiamenti nelle politiche del mercato del lavoro e nelle pratiche commerciali – come più importanti nello spiegare il rallentamento dei salari orari per la stragrande maggioranza rispetto a molte spiegazioni comunemente accettate (come l’interazione tra il cambiamento tecnologico e le competenze e le credenziali dei lavoratori americani).

  • Vari divari salariali riflettono la forza relativa dei cambiamenti politici nell’influenzare i salari degli americani, rispetto ad altre influenze (come l’interazione tra tecnologia e istruzione).
    • La tempistica dei cambiamenti nel divario tra i salari al centro e alla base della distribuzione dei salari (o, il “rapporto salariale 50/10”) suggerisce che i cambiamenti del salario minimo e il tasso di disoccupazione spiegano la maggior parte della sua evoluzione.
    • Il divario tra i salari vicino alla cima della distribuzione dei salari e la metà (o, il “rapporto salariale 95/50”) è cresciuto molto più rapidamente dal 1995 rispetto ai ritorni a un diploma universitario di quattro anni. Ciò suggerisce che le crescenti richieste di questa credenziale non possono spiegare la maggior parte dei cambiamenti nel rapporto 95/50 da allora.
    • Il divario salariale tra quelli dell’1% superiore e altri lavoratori con salari molto alti (quelli tra il 90 ° e il 95 ° percentile) è aumentato più rapidamente e in modo più coerente rispetto a qualsiasi altro divario salariale esaminato in questo documento. Poiché l’1 percento superiore è dominato da dirigenti aziendali e professionisti del settore finanziario, ciò suggerisce che queste tendenze salariali sono guidate in gran parte dagli sviluppi nel governo societario e nella regolamentazione finanziaria che hanno conferito ai vertici il potere contrattuale che consente loro di rivendicare affitti economici.
  • L’evidenza diretta evidenzia i ruoli chiave dei due cambiamenti più visibili e ben documentati nella politica e nella pratica del mercato del lavoro rispetto alla generazione passata nel guidare le tendenze salariali: l’erosione del valore corretto per l’inflazione del salario minimo federale e il forte calo la quota della forza lavoro americana rappresentata da un sindacato.
    • Tra gli anni ’70 e la fine degli anni 2000, il salario minimo eroso spiega circa i due terzi del crescente divario salariale tra lavoratori a basso e medio salario, mentre i sindacati indeboliti spiegano da un quinto a un terzo dell’intero aumento della disparità salariale.

L’iniziativa EPI Raising America’s Pay evidenzia le politiche del mercato del lavoro e le pratiche commerciali alla base della scarsa crescita dei salari

Oltre a rivedere le tendenze in materia di retribuzione oraria del lavoro e collegare queste tendenze ai problemi principali nella vita economica americana, questo documento funge anche da sfondo per un progetto più ampio incentrato sull’Istituto di politica economica – il progetto Raising America’s Pay. Raising America’s Pay è un’iniziativa pluriennale di ricerca e istruzione pubblica per rendere la crescita dei salari una priorità urgente per le politiche nazionali. Raising America’s Pay mira non solo a evidenziare il ruolo centrale della performance dei salari orari nella vita economica americana, ma anche a suggerire rimedi concreti alla deludente crescita dei salari subita dalla stragrande maggioranza dal 1979.

In passato abbiamo notato (vedi Mishel et al. 2012 e Bivens 2011) una serie di influenze che possono aiutare a spiegare perché i salari della stragrande maggioranza sono cresciuti molto più lentamente della produttività economica. Queste influenze includono l’integrazione degli Stati Uniti e l’economia globale molto più povera a condizioni profondamente dannose per la stragrande maggioranza dei lavoratori americani, l’incapacità dei politici macroeconomici di perseguire in modo aggressivo la piena occupazione, forti tagli alle aliquote fiscali marginali che hanno notevolmente aumentato le motivare gli attori economici ben posizionati a esercitare pienamente il loro potere economico per inclinare la distribuzione dei premi sulla loro strada, deregolamentazione del settore finanziario che ha portato a maggiori rischi e premi per i gestori finanziari senza portare a migliori risultati economici,

Mentre tocchiamo alcune di queste influenze in questo documento, Raising America’s Pay cerca di dare un riconoscimento tardivo alle politiche del mercato del lavoro e alle pratiche commerciali che hanno represso la crescita dei salari privando i lavoratori americani di protezioni chiave e diluendo il loro potere contrattuale. Come appena notato, gli esempi più ovvi di politiche e pratiche corrosive sono la continua erosione della copertura sindacale e il valore reale (cioè adeguato all’inflazione) del salario minimo federale. Ma una serie di altri fattori meno visibili ha anche ridotto la retribuzione, dalla classificazione inappropriata dei dipendenti come appaltatori indipendenti alla crescente incidenza del “furto salariale” che si verifica quando i lavoratori, in particolare i lavoratori a basso salario e immigrati, non vengono pagati per il lavoro si sono esibiti. Infatti,

Oltre all’erosione della copertura sindacale e del valore reale del salario minimo, molti di questi cambiamenti alle politiche e alle pratiche del mercato del lavoro probabilmente non porterebbero da soli il quadrante sull’andamento complessivo dei salari. Tuttavia, come gruppo potrebbero avere effetti misurabili. I rappresentanti degli interessi dei datori di lavoro li considerano sicuramente importanti, in quanto spendono grandi sforzi e denaro per indebolire gli standard e le istituzioni che forniscono protezioni del mercato del lavoro a livello federale e statale (Lafer 2013). Le ricerche future condotte nell’ambito dell’iniziativa Raising America’s Pay identificheranno e valuteranno i cambiamenti nelle politiche del mercato del lavoro e nelle pratiche commerciali che genereranno una crescita sostanziale dei salari su ampia base.

Struttura del documento

Il resto del documento è strutturato come segue: La prima sezione illustra le tendenze dei salari (principalmente salari orari) attraverso la distribuzione dei salari americana negli ultimi decenni. La seconda sezione mostra come queste tendenze salariali siano la forza trainante dietro la crescente disuguaglianza dei redditi delle famiglie e la lenta crescita degli standard di vita per la stragrande maggioranza degli ultimi decenni. La sezione tre evidenzia il legame cruciale tra la crescita stagnante dei salari nella quinta parte inferiore della distribuzione dei salari e i progressi incerti sulla riduzione della povertà negli ultimi decenni. La sezione quattro discute in che modo la crescita oraria dei salari è cruciale per compiere progressi su una serie di altre sfide economiche, tra cui l’accumulo di ricchezza e la sicurezza pensionistica, la mobilità sociale e la stabilità macroeconomica. La sezione cinque trae le conclusioni politiche dalle prove raccolte,

Sezione prima: tendenze dei salari americani

Questa prima sezione fornisce una panoramica dettagliata dell’andamento dei salari e delle indennità (compresi i sussidi forniti dai datori di lavoro come contributi alle pensioni e ai premi dell’assicurazione sanitaria) per la stragrande maggioranza dei lavoratori americani negli ultimi decenni. Presta particolare attenzione alla crescita della compensazione oraria quando possibile, semplicemente perché l’aumento dei guadagni annuali ottenuti lavorando più ore non può essere equamente classificato come un aumento del tenore di vita degli americani. Inoltre, il fattore trainante della crescita diseguale del reddito da lavoro annuale sono state le disuguaglianze dei salari orari piuttosto che l’aumento delle disparità delle ore di lavoro .

La sezione inizia con un esame della disconnessione tra retribuzione e produttività; passa a un’analisi delle tendenze salariali per decile; presenta divari salariali per genere, razza ed etnia; dimostra che la lenta crescita dei salari non è stata guidata da prestazioni non salariali come l’assicurazione sanitaria fornita dai datori di lavoro e le pensioni; e conclude mostrando che i frutti della crescita della produttività si sono accumulati principalmente con quelli ai vertici.

Disconnetti tra retribuzione e produttività

La figura A prepara la scena per il resto della sezione, mostrando il crescente divario tra la produttività in tutta l’economia (una misura della quantità economica prodotta in media in ogni ora di lavoro) rispetto alla compensazione oraria reale (salari e benefici, adeguati per inflazione) per i lavoratori della produzione e senza supervisione (un gruppo che costituisce circa l’80% della forza lavoro del settore privato).

FIGURA A

Disconnetti tra produttività e retribuzione tipica dei lavoratori, * 1948–2013

Anno Compensazione oraria Produttività
1948 0,0% 0,0%
1949 6,3% 1,5%
1950 10,5% 9,3%
1951 11,8% 12,4%
1952 15,0% 15,6%
1953 20,8% 19,5%
1954 23,5% 21,6%
1955 28,7% 26,5%
1956 33,9% 26,7%
1957 37,1% 30,1%
1958 38,2% 32,8%
1959 42,6% 37,6%
1960 45,5% 40,0%
1961 48,0% 44,4%
1962 52,5% 49,8%
1963 55,0% 55,0%
1964 58,5% 60,0%
1965 62,5% 64,9%
1966 64,9% 70,0%
1967 66,9% 72,1%
1968 70,7% 77,2%
1969 74,7% 77,9%
1970 76,6% 80,4%
1971 82,0% 87,1%
1972 91,3% 92,0%
1973 91,3% 96,7%
1974 87,0% 93,6%
1975 86,9% 97,9%
1976 89,7% 103,4%
1977 93,2% 105,8%
1978 96,0% 107,8%
1979 93,4% 108,1%
1980 88,6% 106,5%
1981 87,6% 111.0%
1982 87,8% 107,9%
1983 88,3% 114,1%
1984 87,0% 119,7%
1985 86,4% 123,4%
1986 87,3% 128,0%
1987 84,6% 129,1%
1988 83.9% 131,8%
1989 83.7% 133,7%
1990 82.2% 137,0%
1991 82,1% 138,9%
1992 83,1% 147,6%
1993 83,4% 148,4%
1994 83,8% 150.8%
1995 82,7% 150.9%
1996 82,8% 157,0%
1997 84,8% 160.6%
1998 89,2% 165,9%
1999 92,0% 172,8%
2000 93,0% 179,2%
2001 95.7% 183.5%
2002 99,6% 191,4%
2003 101,8% 200,9%
2004 101,1% 209.1%
2005 100,3% 214,5%
2006 100,4% 216,5%
2007 101,9% 218.8%
2008 102,1% 219.4%
2009 110.1% 226,0%
2010 112,1% 235.4%
2011 109,6% 236,7%
2012 107,7% 240,9%
2013 109,2% 243,1%

Cumulative percent change since 1948243.1%109.2%ProductivityHourly compensation196019802000050100150200250300%

Nota:  dal 1948 al 1979, la produttività è aumentata del 108,1 percento e la compensazione oraria è aumentata del 93,4 percento. Dal 1979 al 2013, la produttività è aumentata del 64,9 per cento e la compensazione oraria è aumentata dell’8,2 per cento.

* I dati sono intesi a compensare la produzione / i lavoratori senza sorveglianza nel settore privato e la produttività netta (crescita della produzione di beni e servizi meno ammortamento all’ora lavorata) dell’intera economia. La compensazione oraria è derivata dal gonfiare i salari medi di produzione / lavoratori senza supervisione dalle statistiche sull’occupazione attuale del BLS (CES) in base a un rapporto di compensazione salariale. Il rapporto retribuzione salariale viene calcolato dividendo la retribuzione totale media (salari e stipendi più benefici) per la maturazione media salariale e salariale di tutti i dipendenti a tempo pieno e part-time dal Bureau of Economic Analysis (BEA) National Income and Tabelle interattive di Product Account (NIPA).

Fonte: analisi degli autori dei dati del programma BLS sulla produttività e sui costi del lavoro, statistiche sull’ufficio del lavoro Statistiche attuali sull’occupazione serie di dati pubblici e costi per i datori di lavoro per la retribuzione dei dipendenti e ufficio nazionale di analisi economica delle entrate e dei prodotti (tabelle 2.3.4, 6.2, 6.3, 6.9, 6.10 e 6.11)

AGGIORNATO DA: Figura 4U in The State of Working America, 12a edizione , un libro di Economic Policy Institute pubblicato dalla Cornell University Press nel 2012

La produttività e la retribuzione oraria di questi lavoratori sono cresciute in tandem all’incirca dal 1948 alla metà degli anni ’70. Dopo il 1979, tuttavia, la crescita della produttività ha continuato ad aumentare in modo coerente (anche se a un ritmo più lento rispetto al periodo precedente). Ma la retribuzione del lavoratore tipico iniziò a rimanere sempre più indietro. Infatti, tra il 1979 e il 2013, la produttività è cresciuta del 64,9 percento, mentre la compensazione oraria è cresciuta solo dell’8,2 percento. La produttività è quindi cresciuta quasi otto volte più velocemente della compensazione oraria.

Andamento salariale per decile

La tabella 1 presenta le tendenze nella crescita dei salari in diversi punti della distribuzione dei salari e fa luce su alcuni dei modelli di disuguaglianza dei salari orari che hanno caratterizzato gli ultimi decenni. 2

TABELLA 1

Retribuzioni orarie di tutti i lavoratori, per percentuale salariale, 1979-2013 (dollari 2013)

Salario per percentile *
Anno 10 20 30 40 50 60 70 80 90 95
Salario orario reale
1979 $ 8.84 $ 10.08 $ 11.83 $ 13.92 $ 15.75 $ 18.26 $ 21.58 $ 25.15 $ 30.76 $ 37.56
1989 7.55 9.40 11.27 13.47 15.65 18.28 21.75 26.00 32.85 40.37
1995 7.68 9.39 11.22 13.20 15.37 18.19 21.68 26.25 33.92 42.54
2000 8.53 10.51 12.27 14.19 16.56 19.59 23.23 28.22 36.88 47.04
2007 8.75 10.62 12.39 14.54 16.98 20.15 23.92 29.51 39.58 51.14
2013 8.37 9.99 11.94 14.19 16.70 19.75 23.88 29.81 40.44 52.80
Variazione percentuale annualizzata
1979-1995 -0,9% -0,4% -0,3% -0,3% -0,2% 0,0% 0,0% 0,3% 0,6% 0,8%
1995-2000 2.1 2.3 1.8 1.5 1.5 1.5 1.4 1.5 1.7 2.0
2000-2013 -0.1 -0.4 -0.2 0.0 0.1 0.1 0.2 0.4 0.7 0.9
1979-2013 -0.2 0.0 0.0 0.1 0.2 0.2 0.3 0.5 0.8 1.0

* Il salario all’X-percentile è il salario con cui il x% dei salari guadagna di meno e (100-x)% guadagna di più.

Fonte: analisi degli autori dei microdati del gruppo di rotazione in uscita dell’indagine attuale sulla popolazione

AGGIORNATO DA: Tabella 4.6 in The State of Working America, 12a edizione , un libro di Economic Policy Institute pubblicato dalla Cornell University Press nel 2012

Probabilmente la misura più illustrativa contenuta nella Tabella 1 è il salario orario del lavoratore mediano. Questo è semplicemente il lavoratore al 50 ° percentile della distribuzione dei salari, che guadagna salari orari più alti della metà della forza lavoro americana e salari orari inferiori rispetto all’altra metà. Il salario mediano reale complessivo è aumentato cumulativamente del 6,1 percento negli ultimi 34 anni, rispetto a una crescita della produttività economica di poco meno del 65 percento. In sostanza, oltre il 90 percento della crescita della produttività dell’economia nella generazione passata è trapelato dal salario dei lavoratori mediani.

La tabella 1 fornisce anche dati sull’andamento dei salari per i lavoratori di ciascun decile (ogni decimo percentile) nella distribuzione dei salari, consentendo così un esame della crescita salariale (o declino) dei lavoratori a basso, medio e alto salario. I dati sono anche presentati per il 95o percentile, il più alto percentile salariale che può essere misurato in modo affidabile con il Current Population Survey (CPS), l’origine dati per questa tabella. Questi dati sono “top coded” ai fini della privacy, il che significa che i valori salariali al di sopra di una determinata soglia non sono riportati al valore effettivo fornito all’Ufficio censimenti, ma a un salario massimo specificato (circa il 3% dei lavoratori nel CPS è assegnato un salario con il codice più alto). Come vedremo più avanti, poiché gran parte della crescita complessiva si è accumulata al vertice (anche l’1 percento superiore) della distribuzione, questa codifica superiore, insieme a campioni di piccole dimensioni e un’ampia variazione dei salari nella parte superiore, impedisce una piena comprensione di ciò che sta accadendo nell’economia americana. Anche così, i dati nella Tabella 1 forniscono una forte idea di ciò che sta accadendo.

I dati sono presentati per gli anni del picco del ciclo economico 1979, 1989, 2000 e 2007, nonché per il 1995 (il punto durante il ciclo economico degli anni ’90 dopo il quale i salari sono cresciuti in modo drammatico) e per il 2013 (l’ultimo anno per il quale i dati sono a disposizione).

Il pannello inferiore mostra la variazione percentuale annua dei salari in determinati periodi di tempo. In termini generali, mostra salari piatti o in calo per la stragrande maggioranza dei lavoratori tra il 1979 e il 1995, una rapida crescita dei salari tra il 1995 e il 2000 e un ritorno ai salari sostanzialmente piatti o in calo dal 2000. La riga inferiore presenta la variazione percentuale annua nei salari per l’intero periodo 1979-2013.

Dal 1979 al 1995, per la stragrande maggioranza dei lavoratori, i salari sono calati del tutto (per il 50 percento inferiore) o sono rimasti sostanzialmente piatti (fino al 70 ° percentile). Anche i lavoratori con salari più alti hanno visto una crescita dei salari orari straordinariamente modesta nello stesso periodo, aumentando dello 0,3 percento annuo all’80 ° percentile. La crescita dei salari al 90 ° e al 95 ° percentile, tuttavia, è stata più che doppia rispetto all’80 ° percentile dal 1979 al 1995.

Durante l’intero periodo tra il 1979 e il 1995, la crescita dei salari è stata più rapida con salari più alti che con salari più bassi: più alto è il percentile nella distribuzione dei salari, più veloce è la crescita dei salari. Tuttavia, a partire dalla fine degli anni ’80, i lavoratori a basso salario hanno iniziato a registrare una crescita salariale paragonabile o addirittura superiore a quella dei lavoratori a medio reddito. Di conseguenza, il divario salariale tra il centro e il fondo è diminuito e poi stabilizzato (i dati al riguardo sono presentati più avanti nella Tabella 9 e discussi in dettaglio nella sezione cinque). L’aumento del salario minimo all’inizio e alla fine degli anni ’90, insieme alla bassa disoccupazione, può spiegare la maggior parte della chiusura di questo divario tra il fondo e la metà.

Il periodo tra il 1995 e il 2000 ha visto un’inversione significativa e benvenuta delle scarse tendenze salariali negli ultimi 16 anni. I salari sono cresciuti di almeno l’1,4 percento annuo per ogni decile salariale e la crescita salariale è stata in realtà la più rapida per il 40 percento inferiore (sostenuta, ancora una volta, da un aumento del salario minimo alla fine degli anni ’90). Come notiamo in seguito, questo periodo di rapida crescita salariale generalizzata alla fine degli anni ’90 dovrebbe essere molto più influente nei dibattiti politici di quanto non sia stato. Oltre ai positivi aumenti del salario minimo federale, la rapida crescita dei salari è stata trainata anche dai mercati del lavoro molto stretti della fine degli anni ’90. Ciò ha dato ai lavoratori americani su e giù per la distribuzione dei salari un potere contrattuale nei confronti dei loro datori di lavoro per la prima volta in una generazione.

Dopo lo slancio del mercato del lavoro a piena occupazione tra la fine degli anni ’90 e l’inizio degli anni 2000, la recessione e la ripresa senza lavoro dei primi anni 2000 sono state interrotte, le povere e ineguali tendenze salariali pre-1995 si sono riaffermate. I salari del 30 percento inferiore dei salariati sono diminuiti tra il 2000 e il 2013, mentre i salari dei lavoratori tra il 40 ° e il 70 ° percentile erano sostanzialmente stagnanti (in crescita dello 0,2% annuo o meno). Solo il 95 ° percentile ha visto una crescita dei salari che si avvicinava persino all’1% annuo. Se osserviamo solo le tendenze salariali dal 2002, dopo che lo slancio della crescita salariale della fine degli anni ’90 è svanito, i salari sono diminuiti per il 70 percento inferiore, di ben lo 0,6 percento annuo per il 30 percento inferiore (vedere le tabelle dell’appendice e Mishel e Shierholz 2013).

Spinta dai lunghi periodi di problemi salariali (1979-1995 e 2000-2013) per la stragrande maggioranza, durante l’intero arco del 1979-2013, la crescita media annua dei salari aumenta costantemente man mano che si aumenta la distribuzione dei salari. Le variazioni vanno da un declino dello 0,2 percento per il salario del 10 ° percentile, a una crescita dello 0,2 percento per il salario mediano e fino a un aumento dello 0,8 percento per il salario del 90 ° percentile e un guadagno dell’1% al salario del 95 ° percentile. Mentre questi dati mostrano chiaramente il massimo distacco dal resto, i maggiori guadagni salariali sono in realtà concentrati all’interno del primo 5 percento dei salariati, che come spiegato in precedenza non sono acquisiti dai dati CPS (anche se riusciamo a ottenere alcuni dati che è in grado di tracciare le tendenze tra i salari più alti, che mostreremo nella Figura F a venire).

Differenze salariali per genere, razza ed etnia

Proprio come le tendenze salariali medie mascherano le variazioni in diverse parti all’interno della distribuzione dei salari, anche le tendenze salariali complessive oscurano risultati diversi per uomini e donne, nonché per i lavoratori di diversa etnia e razza. L’appendice dei dati mostra una serie completa di dati per ogni decile e il 95 ° percentile per i lavoratori di sesso maschile e femminile, nonché per i lavoratori bianchi, neri e ispanici. Questi dati mostrano, ad esempio, che mentre il salario mediano degli uomini nel 2013 era superiore a quello delle donne ($ 18,11 contro $ 15,10), il salario mediano è cresciuto tra il 1979 e il 2013 ad un tasso medio annuo dello 0,6 per cento tra le donne e è diminuito di un media dello 0,3 per cento all’anno per gli uomini.

La Figura B mostra il rapporto tra i salari maschili e femminili al 10 °, 50 ° e 95 ° percentile di ciascuna distribuzione tra il 1979 e il 2013. Ad esempio, il salario orario del 10 ° percentile nel 2013 per le donne era di $ 8,09 e per gli uomini di $ 8,82. Il rapporto tra questi salari era del 91,8 percento, il che significa che le donne al decimo percentile della distribuzione dei salari delle donne guadagnavano il 91,8 percento rispetto agli uomini al decimo percentile della distribuzione maschile. Si tratta di confronti salariali grezzi che non tengono conto delle differenze in fattori quali l’età, l’istruzione, l’esperienza e l’occupazione. Questi rapporti salariali potrebbero ovviamente essere esaminati anche come divari salariali . Ad esempio, un rapporto salariale del 76,1 percento al 95o percentile corrisponde a un divario salariale del 23,9 percento tra i salari maschili e femminili, il che significa che le donne al 95 ° percentile della distribuzione dei salari femminili fanno il 23,9% in meno degli uomini al 95 ° percentile della distribuzione dei salari maschili.

FIGURA B

Salari orari delle donne come percentuale dei salari orari degli uomini, al 10 °, 50 ° e 95 ° percentile salariale, 1979-2013

Anno 10o percentile  50o percentile 95o percentile
1979 86,7% 62,7% 62,9%
1980 83,2% 63,4% 64,8%
1981 88,7% 64,2% 63,6%
1982 88,9% 64,8% 64,8%
1983 89,3% 66,5% 62,9%
1984 87,2% 67,4% 64,1%
1985 85,8% 67,1% 63,2%
1986 84,7% 66,9% 66,2%
1987 83,5% 69,1% 65,8%
1988 81,5% 71,1% 68.0%
1989 81,3% 73,1% 71,9%
1990 83,4% 74,4% 72,7%
1991 86,8% 74,9% 72,8%
1992 89,7% 76,2% 73,9%
1993 90,9% 77,6% 74,4%
1994 90,8% 78,4% 76,3%
1995 88.2% 76,7% 76,6%
1996 87,2% 77,6% 77,0%
1997 87,0% 79,0% 75,2%
1998 89,4% 78,2% 76,7%
1999 87,6% 76,9% 77,0%
2000 87,3% 78,0% 75,6%
2001 87,3% 78,5% 75,7%
2002 89.6% 80,1% 76,2%
2003 89,4% 81.0% 76,8%
2004 89,3% 81,8% 75,3%
2005 88,3% 82,0% 77,2%
2006 88,8% 82.2% 77,9%
2007 89,9% 81,5% 77,2%
2008 90,3% 82,6% 77,0%
2009 92,3% 81,7% 74,6%
2010 92,9% 83,3% 76,8%
2011 93,4% 84,0% 77,9%
2012 91,7% 82,8% 74,5%
2013 91,8% 83,4% 76,1%

91.8%83.4%76.1%10th percentile50th percentile95th percentile198019902000201060708090100%

Nota: il salario all’X-percentile è il salario con cui il x% dei salari guadagna di meno e (100-x)% guadagna di più.

Fonte: analisi degli autori dei microdati del gruppo di rotazione in uscita dell’indagine attuale sulla popolazione

Come si evince dalla Figura B, i salari delle donne al 10 °, 50 ° e 95 ° percentile sono sempre più bassi dei salari degli uomini in questi punti della loro distribuzione. I maggiori progressi in termini di parità salariale di genere entro il 2013 sono stati conseguiti tra i lavoratori con salari più bassi. E ancora, un fattore chiave del progresso è stato probabilmente l’aumento del salario minimo federale; poiché i lavoratori a basso salario sono donne sproporzionatamente, un piano salariale crescente ha aiutato ad alzare i salari delle donne più vicino agli uomini nella parte inferiore della distribuzione dei salari.

La Figura B indica anche che il divario salariale orario tra uomini e donne aumenta man mano che si sale la scala salariale: il divario salariale mediano è maggiore del divario del 10o percentile e il divario del 95o percentile è maggiore del divario salariale mediano. Infatti, poiché il divario salariale mediano ha continuato a ridursi nel corso degli anni 2000, il divario salariale al 95 ° percentile è rimasto relativamente piatto per quasi gli ultimi 20 anni, con un rapporto tra i salari orari delle donne e quelli degli uomini di circa il 76%. Nel 2013, i rapporti al 10o percentile e alla mediana erano molto più alti, rispettivamente al 91,8 percento e all’83,4 percento.

Le figure C1 e C2 si trasformano in rapporti salariali per razza ed etnia. Mostrano i salari orari dei lavoratori neri e ispanici come una percentuale dei salari orari bianchi al 10 °, 50 ° e 95 ° percentile di ogni distribuzione salariale. I dati salariali orari più completi per razza ed etnia sono disponibili nelle tabelle dell’appendice . Come nel confrontare le donne con gli uomini, i salari dei lavoratori neri e ispanici in ogni punto della distribuzione sono inferiori a quelli dei lavoratori bianchi. Il divario aumenta nuovamente quando si sale la scala salariale. 3

FIGURA C-1

Salari orari dei lavoratori di colore come percentuale dei salari orari bianchi, al 10 °, 50 ° e 95 ° percentile salariale, 1979–2013

ANNO 10o percentile 50o percentile 95o percentile
1979/01/01 94,7% 82,8% 78,9%
1980/01/01 93,2% 81,9% 78,1%
1981/01/01 95,9% 82,4% 79,5%
1982/01/01 95,4% 79,6% 75,3%
1983/01/01 95,3% 80,6% 76,2%
1984/01/01 94,3% 79,6% 77,4%
1985/01/01 93,7% 78,4% 75,1%
1986/01/01 92,6% 80,2% 75,2%
1987/01/01 91,0% 80,1% 77,5%
1988/01/01 89,5% 81.2% 77,3%
1989/01/01 88,7% 79,5% 76,0%
1990/01/01 87,8% 78,5% 72,9%
1991/01/01 88,7% 78,8% 76,0%
1992/01/01 91,2% 79,2% 77,4%
1993/01/01 92,4% 79,8% 78,1%
1994/01/01 92,8% 78,3% 76,1%
1995/01/01 92,4% 78,1% 75,8%
1996/01/01 89,7% 77,8% 73,5%
1997/01/01 88,3% 76,7% 73,9%
1998/01/01 92,2% 80,1% 73,9%
1999/01/01 92,2% 78,6% 72,8%
2000/01/01 90,5% 79,2% 72,1%
2001/01/01 89.6% 77,1% 72,4%
2002/01/01 91,9% 77,6% 72,6%
2003/01/01 92,9% 79,7% 73,1%
2004/01/01 il 92,1% 79,8% 72,6%
2005/01/01 90,2% 76,8% 72,5%
2006/01/01 90,1% 78,1% 74,5%
2007/01/01 il 92,1% 76,3% 72,9%
2008/01/01 92,6% 76,2% 72,5%
2009/01/01 94,0% 77,6% 70,5%
2010/01/01 93,8% 77,6% 70,4%
2011/01/01 93,5% 76,9% 73,1%
2012/01/01 91,6% 75,4% 70,5%
2013/01/01 90,8% 76,7% 70,0%

90.8%76.7%70.0%10th percentile50th percentile95th percentile198019902000201065707580859095100%

Nota: il salario all’X-percentile è il salario con cui il x% dei salari guadagna di meno e (100-x)% guadagna di più. Le aree ombreggiate indicano recessioni. Le categorie di razza / etnia si escludono a vicenda (vale a dire, bianche non ispaniche, nere non ispaniche e ispaniche di qualsiasi razza).

Fonte: analisi degli autori dei microdati del gruppo di rotazione in uscita dell’indagine attuale sulla popolazione

FIGURA C-2

Salari orari dei lavoratori ispanici in percentuale dei salari orari bianchi, al 10 °, 50 ° e 95 ° percentile salariale, 1979–2013

Anno 10o percentile 50o percentile 95o percentile
1979/01/01 95,5% 81.2% 78,6%
1980/01/01 94,6% 81,4% 77,7%
1981/01/01 96,0% 79,6% 79,1%
1982/01/01 95,9% 79,0% 75,1%
1983/01/01 95,5% 79,4% 75,3%
1984/01/01 94,8% 78,7% 78,0%
1985/01/01 94,1% 77,3% 76,2%
1986/01/01 92,0% 76,1% 78,4%
1987/01/01 91,1% 76,2% 74,0%
1988/01/01 91,2% 76,1% 75,2%
1989/01/01 90,0% 73,9% 74,0%
1990/01/01 87,4% 71,8% 72,9%
1991/01/01 86,5% 72.0% 74,2%
1992/01/01 88.2% 73,3% 77,3%
1993/01/01 86,9% 72,9% 74,7%
1994/01/01 86,1% 70,8% 73,0%
1995/01/01 86,4% 69,8% 71,5%
1996/01/01 86,2% 70,3% 70,1%
1997/01/01 85,5% 68,6% 71,3%
1998/01/01 86,8% 70,0% 70,1%
1999/01/01 86,8% 69,3% 69,6%
2000/01/01 85,6% 68,8% 68,3%
2001/01/01 85,3% 69,8% 65,7%
2002/01/01 86,8% 69,0% 66,4%
2003/01/01 87,8% 68,5% 67,7%
2004/01/01 88.2% 67,7% 67,5%
2005/01/01 86,7% 68,5% 67,9%
2006/01/01 87,1% 69,8% 67,5%
2007/01/01 89,2% 70,7% 69,4%
2008/01/01 91,4% 70,8% 68,1%
2009/01/01 91,5% 69,8% 69,1%
2010/01/01 92,5% 68,6% 69,0%
2011/01/01 92,5% 68,7% 67,6%
2012/01/01 91,4% 68,3% 66,1%
2013/01/01 90,0% 68,5% 66,5%

90.0%68.5%66.5%10thpercentile50th percentile95th percentile198019902000201060708090100%

Nota: il salario all’X-percentile è il salario con cui il x% dei salari guadagna di meno e (100-x)% guadagna di più. Le aree ombreggiate indicano recessioni. Le categorie di razza / etnia si escludono a vicenda (vale a dire, bianche non ispaniche, nere non ispaniche e ispaniche di qualsiasi razza).

Fonte: analisi degli autori dei microdati del gruppo di rotazione in uscita dell’indagine attuale sulla popolazione

Un semplice sguardo alle linee piatte o inclinate verso il basso suggerisce che negli ultimi tre decenni e mezzo si sono registrati progressi a lungo termine (e persino qualche regresso) poco o per niente. Probabilmente, le lacune al 10o percentile sono state relativamente piatte, mentre le lacune al 95o percentile sono aumentate in modo inequivocabile (cioè, il rapporto tra i salari neri e ispanici rispetto ai salari bianchi è diminuito). Alla mediana il divario salariale bianco-nero è più costante nel tempo, mentre il divario salariale bianco-ispanico è aumentato in modo più netto. 4 È evidente dall’esame di questi salari orari grezzi e non rettificati che i salari dei lavoratori neri e ispanici non hanno colmato il divario rispetto ai salari dei lavoratori bianchi con la stessa rapidità con cui i salari delle donne sono confluiti con i salari degli uomini dal 1979.

Infine, i dati alla base di queste cifre possono far luce su un’affermazione spesso formulata per giustificare scarse tendenze salariali complessive: che tali tendenze sono semplicemente guidate da una quota crescente di lavoratori non bianchi (in particolare immigrati ispanici) nella forza lavoro, che riduce meccanicamente i salari complessivi ( a volte chiamato un effetto compositivo). Ciò che questi dati mostrano è che la crescita dei salari è stata lenta per tutte le razze ed etnie; anche i salari dei lavoratori bianchi con retribuzione media sono aumentati solo dello 0,3 percento ogni anno tra il 1979 e il 2013, meno di un terzo dell’aumento annuale del salario orario complessivo del 95 ° percentile.

La crescita lenta dei salari non è stata guidata da benefici non salariali

I dati sui salari orari ottenuti dai microdati CPS non misurano i benefici forniti dal datore di lavoro. Alcuni hanno suggerito che la compensazione complessiva (compresi i sussidi sanitari e pensionistici e i salari) potrebbe essere aumentata in modo significativamente più rapido rispetto ai soli salari negli ultimi decenni, in particolare a causa del rapido aumento dei costi dell’assistenza sanitaria, che si riflette spesso nei premi pagati dai datori di lavoro per l’assicurazione sanitaria dei loro lavoratori. Questa sezione esamina se i benefici crescenti compensino (o possano spiegare) l’incapacità dei salari di aumentare per la stragrande maggioranza.

Innanzitutto, dovremmo notare che la Figura A ha illustrato la chiara disconnessione tra produttività e compensazione , non semplicemente salari, del lavoratore tipico. 5 Inoltre, è importante notare che la quota della forza lavoro coperta da prestazioni accessorie fornite dal datore di lavoro, come pensioni e assicurazioni sanitarie, è in realtà diminuita da oltre un decennio e per gran parte degli ultimi tre decenni. Pertanto, un esame delle tendenze delle indennità indica una serie aggiuntiva di preoccupazioni relative alla qualità del lavoro e all’erosione della retribuzione per molti lavoratori. Figure D ed Eesaminare i cambiamenti nella copertura previdenziale e assicurativa sanitaria fornita dal datore di lavoro, rispettivamente, tra il 1979 e il 2012. Come mostra la figura D, la copertura pensionistica erosa tra i lavoratori del settore privato dal 1979 al 1993, è aumentata alla fine degli anni ’90 e ha ricominciato a cadere nel 2000. Durante l’intero periodo, la copertura previdenziale fornita dal datore di lavoro è scesa di 8,3 punti percentuali, dal 50,6% al 42,3%. Come per i salari, i benefici dei lavoratori variano in base al livello di istruzione. Nel 2012, i laureati avevano pensioni pari a una volta e mezza il tasso dei diplomati, 55,0 per cento contro il 35,2 per cento. È anche chiaro che i laureati hanno guidato gli aumenti della copertura pensionistica complessiva negli anni ’90.

FIGURA D

Quota di lavoratori del settore privato con copertura previdenziale fornita dal datore di lavoro, per titolo di studio, 1979-2012

Tutti Diploma di scuola superiore Laureato
1979 50,6% 51,2% 61,0%
1980 50,0% 50,8% 58,3%
1981 49,0% 48,8% 58,0%
1982 48,0% 47,9% 55,9%
1983 47,5% 47,7% 57,3%
1984 46,0% 45,7% 56,4%
1985 46,2% 45,3% 56,8%
1986 45,4% 44,5% 56,4%
1987 42,5% 42,0% 52,8%
1988 42,8% 42,8% 52,6%
1989 43,7% 42,9% 55,4%
1990 43,9% 43,3% 55,8%
1991 44,5% 42,7% 56,3%
1992 44,5% 43,0% 56,6%
1993 43,7% 41,4% 56,9%
1994 45,7% 43,2% 59,1%
1995 45,8% 43,2% 58,8%
1996 47,1% 44,2% 61,7%
1997 47,1% 43,8% 61,9%
1998 48,5% 46,0% 63,3%
1999 48,6% 44,9% 63,1%
2000 48,3% 43,8% 63,7%
2001 47,1% 42,8% 62,1%
2002 45,5% 41,4% 59,9%
2003 45,9% 40,9% 60,2%
2004 45,5% 40,2% 60,6%
2005 44,1% 39,0% 58,7%
2006 42,8% 37,1% 57,0%
2007 44,6% 38,8% 58,2%
2008 43,4% 38,1% 56,3%
2009 42,6% 36,3% 54,9%
2010 42,8% 36,3% 56,1%
2011 42,4% 35,7% 54,0%
2012 42,3% 35,2% 55,0%

55.0%42.3%35.2%College graduateAllHigh school graduate19801985199019952000200520103040506070%

Nota: il campione è costituito dai salari del settore privato di età compresa tra 18 e 64 anni che hanno lavorato almeno 20 ore a settimana e 26 settimane all’anno.

Fonte: analisi degli autori dei microdati del supplemento sociale ed economico annuale del sondaggio attuale sulla popolazione

FIGURA E

Quota di lavoratori del settore privato con assicurazione sanitaria fornita dal datore di lavoro, per razza ed etnia, 1979-2012

Tutti bianca Nero ispanico
1979 69,0% 70,3% 63,1% 60,4%
1980 70,2% 71,4% 64,7% 62,2%
1981 70,5% 71,8% 65,1% 61,5%
1982 69,6% 70,6% 65,5% 61,9%
1983 68,6% 69,7% 64,1% 61,3%
1984 67,1% 68,6% 63,0% 56,0%
1985 67,0% 68,6% 62,1% 55,6%
1986 66,2% 68,1% 61,3% 52,9%
1987 62,4% 64,9% 55,1% 46,1%
1988 61,7% 64,1% 54,1% 47,2%
1989 61,5% 64,0% 56,3% 46,0%
1990 59,9% 62,4% 53,3% 45,1%
1991 59,7% 62,4% 52,2% 44,9%
1992 58,3% 61,2% 50,4% 41,6%
1993 58,9% 62,0% 52,2% 43,0%
1994 58,7% 61,8% 54,4% 40,1%
1995 58,5% 61,7% 53.0% 42,1%
1996 59,1% 62,1% 55,7% 42,4%
1997 58,0% 61,2% 54,4% 41,2%
1998 58,7% 62,1% 53,9% 41,7%
1999 58,9% 62,4% 55,7% 41,3%
2000 58,9% 62,7% 55,4% 41,8%
2001 58,2% 62,1% 55,7% 40,5%
2002 57,3% 61,2% 54,4% 41,0%
2003 56,4% 60,3% 54,3% 39,3%
2004 55,9% 59,7% 54,1% 39,7%
2005 54,9% 58,9% 52,5% 38,6%
2006 55,0% 59,6% 52,4% 37,3%
2007 55,0% 59,6% 52,4% 37,3%
2008 55,4% 59,7% 53,4% 38,6%
2009 53,6% 58,2% 50,2% 35,9%
2010 53,1% 57,8% 49,5% 36,3%
2011 52,3% 56,9% 50,0% 35,7%
2012 51,6% 56,3% 48,5% 35,3%

56.3%51.6%48.5%35.3%WhiteAllBlackHispanic1980198519901995200020052010304050607080%

Nota: le categorie di razza / etnia si escludono a vicenda (vale a dire, bianche non ispaniche, nere non ispaniche e ispaniche di qualsiasi razza). Il campione è costituito dai salariati del settore privato di età compresa tra 18 e 64 anni che hanno lavorato almeno 20 ore a settimana e 26 settimane all’anno. La copertura è definita come inclusa in un piano fornito dal datore di lavoro per il quale il datore di lavoro ha pagato almeno parte della copertura.

Fonte: analisi degli autori dei microdati del supplemento sociale ed economico annuale del sondaggio attuale sulla popolazione

AGGIORNATO DA: Figura 4I in The State of Working America, 12a edizione , un libro dell’Istituto di politica economica pubblicato dalla Cornell University Press nel 2012

La figura E illustra il declino pressoché ininterrotto dell’assicurazione sanitaria fornita dai datori di lavoro tra i lavoratori del settore privato dal 1979 al 2012. I tassi di copertura complessivi sono scesi complessivamente di 17,4 punti percentuali, dal 69,0 percento al 51,6 percento. La figura evidenzia anche le disparità nei benefici per razza ed etnia. Nel 2013, i bianchi non ispanici avevano tassi di copertura 7,8 punti percentuali in più rispetto ai neri e 21,1 punti percentuali in più rispetto agli ispanici.

Questo calo dell’incidenza dei principali benefici forniti dal datore di lavoro fornisce importanti indizi sul perché la crescita della retribuzione non salariale non possa avvicinarsi alla spiegazione della divergenza complessiva tra retribuzione per la stragrande maggioranza e produttività in tutta l’economia. La tabella 2 presenta una ripartizione della crescita della retribuzione non retributiva, o benefici, utilizzando i dati sui costi per i datori di lavoro dell’Ufficio di statistica del lavoro per i compensi dei dipendenti. Questi dati (basati su un’indagine condotta dai datori di lavoro) mostrano che il valore della compensazione totale non salariale, comprese le imposte sui salari e le prestazioni sanitarie e pensionistiche, è cresciuto di soli $ 0,27 tra il 1987 e il 2013 (da $ 5,61 a $ 5,88). 6 Questa crescita delle prestazioni ammonta a circa un centesimo all’anno e certamente non compensa né spiega le perdite salariali tra i lavoratori americani.

TAVOLO 2

Crescita delle prestazioni accessorie specifiche, 1987-2013 (2013 dollari)

Prestazioni volontarie Le imposte sui salari Benefici totali e
compensazione non salariale
Anno* Pensione Salute** totale parziale
Benefici orari
1987 $ 0.96 $ 2.41 $ 3.36 $ 2.25 $ 5.61
1989 0,78 2,50 3.27 2.34 5.61
1995 0,80 2.25 3.05 2.44 5.48
2000 0.81 1.97 2.78 2.29 5.07
2007 0.99 2.43 3.42 2.51 5.93
2013 1.06 2.42 3.48 2.40 5.88
Cambio annuale del dollaro
1989-2000 $ 0.00 – $ 0.05 – $ 0,04 – $ 0,01 – $ 0.05
1989-1995 0.00 -0.04 -0.04 0.02 -0.02
1995-2000 0.00 -0.06 -0.05 -0.03 -0.08
2000-2007 0.03 0,07 0,09 0.03 0,12
2007-2013 0.01 0.00 0.01 -0.02 -0.01
Variazione percentuale annuale
1989-2000 0,4% -2,1% -1,5% -0,2% -0,9%
1989-1995 0.5 -1.7 -1.2 0.6 -0.4
1995-2000 0.3 -2.6 -1.8 -1.3 -1.6
2000-2007 3.0 3.0 3.0 1.3 2.3
2007-2013 1.2 -0.1 0.3 -0.7 -0.1

* I dati sono per marzo.
** Deflazionato dall’indice dei prezzi delle cure mediche

Fonte: analisi degli autori del Bureau of Labor Statistics Costi dei datori di lavoro per la serie di dati pubblici sulla retribuzione dei dipendenti

AGGIORNATO DA: Tabella 4.9 in The State of Working America, 12a edizione , un libro di Economic Policy Institute pubblicato dalla Cornell University Press nel 2012

In poche parole, la spesa per benefici e la prestazione di benefici complessivi non stanno mitigando la mancanza di significativi guadagni salariali nella parte centrale e inferiore della distribuzione dei salari.

Dove è andata la crescita della produttività? Verso l’alto

Finiremo qui iniziando a rispondere a una domanda che sarà affrontata in modo più approfondito nella sezione successiva: poiché non si è presentata nelle buste paga della stragrande maggioranza dei lavoratori americani, proprio dove ha fatto tutta la crescita della produttività generata nell’ultima generazione partire? Dalla figura A sappiamo che la stragrande maggioranza della retribuzione dei lavoratori è rimasta molto indietro rispetto alla crescita della produttività in tutta l’economia. Sappiamo anche che mentre i lavoratori al 90 ° e al 95 ° percentile hanno visto una crescita significativamente più rapida rispetto a quelli al di sotto di loro nella distribuzione dei salari, anche se non hanno visto una crescita dei salari orari superiore all’1% all’anno per la maggior parte del periodo post-1979. Ciò pone la domanda: dove è andato il resto di quella crescita della produttività?

Una semplice risposta (e che diventerà un tema comune in tutto questo rapporto) è che molti di essi sono stati accumulati da coloro con i salari più alti, cioè al di sopra del 95 ° percentile. I salari di questi lavoratori sono così alti che non vengono catturati nei dati CPS con il codice più alto.

La figura F passa a un’altra origine dati, una non codificata in alto. Mostra la crescita dei salari annuali reali utilizzando i dati della Social Security Administration (SSA), che ci consentono di prendere in giro i cambiamenti entro il 5% superiore della distribuzione dei salari. Nella Figura F, questi dati mostrano che i salari annuali reali del 90 percento inferiore sono cresciuti cumulativamente del 16,7 percento dal 1979 al 2007. Tra cui i recenti anni di recessione, i salari annuali del 90 percento inferiore sono cresciuti solo del 17,1% dal 1979 al 2012.

FIGURA F

Variazione cumulativa dei salari annuali reali, per gruppo salariale, 1979-2012

Top 1% 95-99% 90-95% Inferiore 90% Media
1979 0,0% 0,0% 0,0% 0,0% 0,0%
1980 3,4% -0,2% -1,3% -2,2% -1,4%
1981 3,1% -0.1% -1,1% -2,6% -1,7%
1982 9,5% 2,2% -0,9% -3,9% -1,9%
1983 13,6% 3,6% 0,7% -3,7% -1,1%
1984 20,7% 6,0% 2,5% -1,8% 1,2%
1985 23,0% 8,1% 4,0% -1,0% 2,4%
1986 32,6% 12,5% 6,4% 1,1% 5,3%
1987 53,5% 15,0% 7,4% 2,1% 8,0%
1988 68,7% 18,4% 8,2% 2,2% 9,7%
1989 63,3% 18,2% 8,1% 1,8% 9,0%
1990 64,8% 16,5% 7,1% 1,1% 8,3%
1991 53,6% 15,5% 6,9% 0,0% 6,5%
1992 74,3% 19,2% 9,0% 1,5% 9,8%
1993 67,9% 20,6% 9,2% 0,9% 9,1%
1994 63,4% 21,0% 11,2% 2,0% 9,8%
1995 70,2% 24,1% 12,2% 2,8% 11,3%
1996 79,0% 27,0% 13,6% 4,1% 13,3%
1997 100,6% 32,3% 16,9% 7,0% 18,0%
1998 113.1% 38,2% 21,3% 11,0% 22,9%
1999 129,7% 42,9% 25,0% 13,2% 26,6%
2000 144,8% 48,0% 26,8% 15,3% 29,9%
2001 130,4% 46,4% 29,0% 15,7% 29,3%
2002 109,3% 43,2% 29,0% 15,6% 27,2%
2003 113.9% 44,9% 30,3% 15,7% 28,0%
2004 127.2% 47,1% 30,8% 15,6% 29,2%
2005 135,4% 48,7% 30,8% 15,0% 29,6%
2006 143,4% 52,1% 32,5% 15,7% 31,2%
2007 156,2% 55,4% 34,1% 16,7% 33,4%
2008 137,5% 53,8% 34,2% 16,0% 31,4%
2009 116,2% 53,6% 35,4% 16,0% 29,9%
2010 130.9% 55,7% 35,7% 15,2% 30,8%
2011 134.0% 56,9% 36,2% 14,5% 30,7%
2012 153.6% 61,6% 39,2% 17,1% 34,8%

Cumulative wage growth since 1979153.6%61.6%39.2%34.8%17.1%Top 1%95–99%90–95%AverageBottom 90%-50050100150200%1980199020002010

Fonte: analisi degli autori su Kopczuk, Saez e Song (2010) e statistiche sui salari della Social Security Administration

Al contrario, tra il 1979 e il 2007 i salari sono cresciuti del 156,2 percento per l’1 percento superiore delle persone che guadagnavano, ovvero circa 10 volte più velocemente della crescita salariale tra il 90 percento inferiore nello stesso periodo. E anche dopo la caduta dei salari più alti durante la Grande Recessione, l’1% in alto ha visto una crescita dei salari del 153,6% dal 1979 al 2012. Il 0,1% dei guadagni (non rappresentato nella figura) ha visto una crescita del 337% dal 1979 al 2012 Al contrario, il gruppo di percettori dal 95 ° al 99 ° percentile ha visto i salari salire all’incirca in linea con la produttività dell’economia: il 61,6% dal 1979 al 2012, meno della metà di quello dell’1%, ma ancora 3,6 volte quello di il 90 percento inferiore.

Solo quelli tra i primi 10 percento della distribuzione dei salari hanno registrato una crescita salariale corrispondente o superiore alla media. Questa estrema inclinazione dei guadagni salariali chiarisce ancora una volta che i guadagni di produttività non sono stati ampiamente condivisi. La sezione successiva delinea le implicazioni di questa diseguale crescita salariale per la disuguaglianza economica e gli standard di vita delle famiglie a basso e moderato reddito negli ultimi decenni.

Sezione seconda: il rallentamento della crescita oraria dei salari per la stragrande maggioranza spiega le tendenze generali nella disparità di reddito

La sezione precedente ha principalmente esaminato le tendenze dei salari orari per la stragrande maggioranza dei lavoratori americani rispetto alle generazioni passate. Questa sezione prevede un esame dell’interazione tra salari e reddito. Il reddito è al centro degli standard di vita delle famiglie e delle famiglie americane; include i salari nonché i rendimenti degli investimenti e / o i pagamenti dei trasferimenti pubblici.

Questa sezione inizia fornendo il contesto per l’aumento della disuguaglianza e il rallentamento della crescita degli standard di vita della classe media che sono diventati problemi così salienti nella politica americana. Documenta quindi il grado in cui la disuguaglianza di reddito è aumentata negli ultimi decenni e illustra come le deludenti tendenze salariali presentate in precedenza possano spiegare la grande maggioranza di questo aumento della disuguaglianza. Mostra quindi che queste tendenze dei salari orari spiegano anche pienamente il drammatico rallentamento della crescita degli standard di vita per la stragrande maggioranza delle famiglie americane nell’ultima generazione, un fenomeno a volte chiamato “compressione della classe media”. Successivamente, la sezione spiega come il rapido aumento della disuguaglianza sia la spiegazione dominante del perché la crescita del reddito per la stragrande maggioranza dal 1979 è molto indietro rispetto alla crescita del reddito della generazione precedente.

Contesto: disuguaglianza e grande rallentamento della crescita degli standard di vita della classe media

Per mettere questo rallentamento nella crescita degli standard di vita in una certa prospettiva, si può ricordare che un articolo dell’economista Robert J. Gordon del 2012 ha innescato una tempesta di dibattiti che si è riversata fuori dal mondo accademico e sulle pagine del New York Times e del Washington Post . Questo articolo di Gordon intitolato The US Economic Growth Over Over?– ha ipotizzato una futura distopia in cui il progresso tecnologico avrebbe rallentato così tanto che la crescita degli standard di vita per la stragrande maggioranza degli americani sarebbe stata ridotta fino a raggiungere uno 0,5 percento terribilmente basso all’anno. Ma tra il 1979 e il 2010, la crescita del reddito per le famiglie tra il 20 ° e l’80 ° percentile è stata in media dello 0,6% all’anno. Se il futuro di Gordon sembrava spaventoso, la cosa peggiore era che l’ampia classe media americana lo aveva già vissuto per decenni, grazie alla lenta crescita dei salari orari.

Naturalmente, anche una crescita del reddito annuo dello 0,6 per cento porta, nel corso di decenni, a un aumento dei redditi abbastanza da non essere più considerato completamente stagnante e, soprattutto, questa crescita del reddito per l’ampia classe media è stata notevolmente migliore della crescita dei salari orari evidenziata in la sezione precedente. Per questo motivo, una letteratura revisionista ha sostenuto che l’economia americana sta effettivamente ottenendo risultati molto migliori per gli americani a basso e moderato reddito di quanto generalmente riconosciuto. Tuttavia, dichiarare la performance economica soddisfacente per la vasta classe media americana si basa in gran parte sul presupposto che qualsiasi crescita del reddito superiore a zero sia accettabile.

Questa soglia è troppo bassa per essere un punto di riferimento del successo; persino le economie pianificate centralmente sono riuscite a registrare decenni di crescita del reddito superiore allo zero per i loro cittadini. In questa sezione, definiamo due parametri di riferimento più ragionevoli rispetto ai quali la crescita del reddito della classe media sembra molto meno impressionante. Un punto di riferimento è la crescita del reddito per la classe media ampia rispetto alla crescita media complessiva o alla crescita che l’economia avrebbe potuto realizzarea tutti i nuclei familiari avevano tutti condiviso proporzionalmente questi guadagni (che, è importante ricordare, è stato il caso dei primi tre o più decenni successivi alla seconda guerra mondiale). Un altro punto di riferimento è la crescita del reddito rispetto alle epoche storiche precedenti. Ciò che questo benchmark mostra è che l’aumento della disuguaglianza, trainato dalla stagnante crescita dei salari orari, spiega la stragrande maggioranza della decelerazione della crescita della classe media rispetto ai periodi precedenti.

È innegabilmente vero che la crescita del reddito per la maggior parte degli americani è riuscita a superare la crescita oraria dei salari, ma è difficile sostenere che ciò significhi che un’economia funziona bene per questi americani. Inoltre, le fontidella crescita del reddito che gli ha permesso di superare la crescita oraria dei salari probabilmente opererà molto meno fortemente nei prossimi decenni. Pertanto, garantire una crescita del reddito decente in futuro richiederà di aumentare il ritmo della crescita dei salari orari per la stragrande maggioranza. Queste fonti probabilmente insostenibili includono (1) il significativo aumento delle famiglie delle loro ore di lavoro totali negli ultimi decenni, che ha aiutato la crescita del reddito da lavoro annuale anche di fronte alla crescita dei salari orari quasi piatta; e (2) i trasferimenti pubblici (rete di sicurezza e pagamenti delle assicurazioni sociali) che, combinati con l’invecchiamento della popolazione, hanno aumentato in modo significativo i redditi per gli anziani americani, che a loro volta hanno avuto un effetto molto significativo (e positivo) sull’andamento complessivo del reddito.

Tendenze generali e fonti di disuguaglianza di reddito in aumento

La figura G mostra l’aumento della disparità di reddito americana che è diventata una questione di forte preoccupazione politica. Traccia l’incremento percentuale cumulativo dei redditi medi per tutte le famiglie (ovvero la media complessiva); i quinti di reddito inferiore e medio; famiglie tra l’81 e il 90 ° percentile, il 91 ° e il 95 ° percentile e il 96 ° e il 99 ° percentile; e il primo 1 percento. Abbattere ulteriormente l’1 percento superiore mostrerebbe un aumento altrettanto drammatico della disuguaglianza proprio all’interno di questo gruppo superiore, ma allungherebbe anche l’asse verticale al punto da renderlo quasi illeggibile, quindi per ora esamineremo solo il primo 1 per cento.

FIGURA G

Variazione del reddito familiare annuo reale medio, per gruppo di reddito, 1979-2010

Anno Tutte le famiglie Quinto in basso Quinto medio 81-90% 91-95% 96-99% Top 1 percento
1979/01/01 0,0% 0,0% 0,0% 0,0% 0,0% 0,0% 0,0%
1980/01/01 -3.3% -3.2% -3.6% -2.6% -2.2% -3.8% -4.7%
1981/01/01 -3.5% -5.5% -4.8% -3.4% -2.6% -5.4% -5.3%
1982/01/01 -3.8% -7.1% -7.0% -3.9% -3.9% -5.4% -0.8%
1983/01/01 -3.1% -9.9% -8.6% -2.8% -1.3% -2.4% 8.9%
1984/01/01 2.1% -6.2% -3.5% 3.2% 6.2% 5.5% 20.2%
1985/01/01 3.8% -5.5% -3.2% 2.6% 5.7% 6.8% 28.5%
1986/01/01 11.3% -4.6% -0.6% 8.1% 11.3% 17.2% 68.5%
1987/01/01 7.7% -4.9% -1.5% 9.0% 13.2% 15.7% 36.0%
1988/01/01 12.5% -2.4% 0.2% 10.6% 15.1% 20.2% 70.7%
1989/01/01 13.3% 1.0% 1.4% 12.3% 17.5% 22.3% 59.2%
1990/01/01 12.4% 5.0% 1.5% 10.2% 14.3% 18.4% 52.9%
1991/01/01 9.7% 6.4% -0.5% 8.3% 13.1% 15.7% 36.7%
1992/01/01 12.7% 7.6% 0.2% 9.9% 15.3% 20.3% 55.1%
1993/01/01 13.3% 9.3% 1.1% 11.3% 16.4% 20.8% 49.1%
1994/01/01 14.7% 10.4% 1.4% 13.4% 18.3% 23.5% 53.5%
1995/01/01 19.1% 14.6% 4.6% 16.4% 21.4% 29.7% 70.7%
1996/01/01 23.1% 13.4% 5.8% 18.1% 25.4% 34.4% 87.7%
1997/01/01 27.8% 15.2% 7.3% 20.5% 29.5% 42.9% 115.5%
1998/01/01 33.7% 19.0% 9.6% 24.8% 34.0% 50.1% 143.1%
1999/01/01 39.5% 21.0% 12.4% 28.8% 39.0% 56.2% 163.5%
2000/01/01 41.6% 16.7% 11.6% 30.5% 42.2% 59.5% 187.0%
2001/01/01 34.1% 19.5% 13.0% 28.2% 37.2% 49.4% 126,9%
2002/01/01 28,8% 16,5% 10,6% 26,3% 34,4% 43,4% 100,6%
2003/01/01 30,6% 15,7% 10,5% 27,4% 36,7% 47,7% 112,8%
2004/01/01 38,4% 18,6% 14,4% 32,3% 41,6% 56,6% 153,5%
2005/01/01 45,1% 21,8% 15,7% 34,4% 46,5% 68,2% 205.6%
2006/01/01 49,5% 25,4% 16,2% 37,2% 49,5% 72,6% 229,2%
2007/01/01 53,4% 29,2% 19,7% 39,1% 53.0% 78,1% 244,7%
2008/01/01 41,4% 26,1% 15,3% 35,3% 46,6% 63,0% 178,7%
2009/01/01 34,0% 26,5% 13,7% 32,9% 43,4% 53,5% 118,9%
2010/01/01 37,8% 27,6% 14,1% 33,5% 45,9% 58,9% 153,9%

Cumulative percent change since 1979244.7%53.4%Top 1 percent96–99%91–95%All households81–90%Bottom fifthMiddle fifth-50050100150200250300%1980198519901995200020052010

Nota: i dati sono per un reddito complessivo. Le aree ombreggiate indicano recessioni. Per essere coerenti con le altre misure di entrate e utili in questo documento, utilizziamo CPI-U-RS per sgonfiare questa serie, invece del deflatore delle spese per consumi personali utilizzato da CBO.

Fonte: analisi degli autori del Congressional Budget Office (2013)

Sebbene la figura rappresenti le tendenze nel periodo 1979-2010, la maggior parte di questa sezione si concentra sul periodo 1979-2007, poiché questa scala mostra meglio le tendenze sottostanti verso una maggiore disuguaglianza. Questo perché le tendenze del reddito tra il 2007 e il 2010 sono state guidate dalla Grande recessione e dalla ripresa estremamente lenta. In particolare, il declino del mercato azionario ha portato a notevoli riduzioni dei redditi principali dell’1% nel periodo 2007-2010, in quanto grandi quote di tali redditi sono correlate ai prezzi delle attività.

Nel periodo 1979-2007, i risultati sono sorprendenti. I redditi medi sono cresciuti del 53,4 per cento. I redditi del quinto inferiore delle famiglie sono cresciuti del 29,2 percento, 7 e i redditi del quinto medio sono cresciuti solo del 19,7 percento. Ancor più sorprendentemente, la crescita del reddito delle famiglie tra l’81 e il 90 ° percentile (39,1 per cento) non si è avvicinata particolarmente all’incontro tra i tassi di crescita del reddito medio complessivo , e persino la crescita del reddito medio delle famiglie tra il 91 ° e il 95 ° percentile (53,0 per cento) è stata insufficiente di crescita media. In breve, oltre il 90 percento delle famiglie americane ha registrato una crescita del reddito inferiore alla media nel periodo 1979-2007 .

La crescita del reddito delle famiglie tra il 96 ° e il 99 ° percentile (78,1%) ha superato significativamente la crescita media. E la crescita del reddito dell’1 percento superiore (244,7 percento) è stata quasi cinque volte più rapida della crescita media complessiva.

I dati nella figura G rappresentano un reddito complessivo, inclusi contanti, redditi basati sul mercato (salari, dividendi, rendite, plusvalenze e reddito delle imprese); reddito non in contanti, come i contributi del datore di lavoro ai premi dell’assicurazione sanitaria; e trasferimenti pubblici in contanti e non in contanti come previdenza sociale, buoni pasto, Medicare e Medicaid. Una sostanziale letteratura revisionista negli ultimi anni ha provato a sostenere che queste misure globali di reddito confutano l’idea che l’economia americana stia funzionando male per la stragrande maggioranza delle famiglie americane. Affronteremo un po ‘questo dibattito in una sezione successiva, ma per ora notiamo semplicemente che l’aumento della disuguaglianza americana è estremo anche quando si utilizzano queste misure di reddito globali. Ad esempio, l’1% superiore delle famiglie rappresenta una quota più elevata (34,6%) dell’aumento di $ 38.178media economico complessivo che si è verificato tra il 1979 e il 2007 rispetto al 80 per cento in basso delle famiglie (32,3 per cento).

Ciò che è chiaramente vero, tuttavia, è che l’aumento della disuguaglianza è ancora più estremo quando si concentra strettamente sulla liquidità, i redditi basati sul mercato. Prendi l’ormai famosa serie di dati compilata da Emmanuel Saez e Thomas Piketty che traccia denaro, entrate basate sul mercato delle unità fiscali. Nei dati di Piketty e Saez, l’1 percento superiore delle unità fiscali rappresenta l’84,5 percento dell’aumento del reddito medio tra il 1979 e il 2012. 8

La Figura H mostra gli effetti equalizzanti dei pagamenti di trasferimento mostrando semplicemente la quota dell’1 percento superiore del reddito basato sul mercato (con e senza plusvalenze) rispetto alla quota dell’1 percento superiore del reddito da trasferimento negli ultimi decenni. La quota dell’1 percento in alto del reddito da trasferimento è in realtà leggermente inferiore alla loro quota della popolazione (e ovviamente ben al di sotto della loro quota del reddito totale) ed è stabile nel periodo. La loro quota di reddito basata sul mercato inizia molti multipli al di sopra della loro quota della popolazione e quindi raddoppia all’incirca nel periodo precedente la Grande Recessione (passando dal 9,1% al 20,0%), prima di subire un calo significativo nel 2008 e 2009 e poi dirigersi backup nel 2010.

FIGURA H.

La prima quota dell’1 percento di trasferimenti e reddito basato sul mercato, con e senza plusvalenze, 1979-2010

Anno Trasferire entrate Reddito basato sul mercato, plusvalenze incluse Reddito di mercato, plusvalenze escluse
1979 0,8% 9,1% 7,2%
1980 0,9% 10,0% 8,1%
1981 0,9% 9,8% 7,8%
1982 0,9% 10,4% 8,1%
1983 0,9% 11,0% 8,2%
1984 1,2% 11,3% 8,4%
1985 1,1% 11,7% 8,4%
1986 1,1% 14,1% 8,1%
1987 1,0% 11,6% 9,6%
1988 0,9% 13,6% 11,3%
1989 1,0% 14,0% 11,8%
1990 0,9% 13,5% 11,9%
1991 0,9% 12,2% 11,0%
1992 0,8% 13,6% 12,2%
1993 0,8% 12,8% 11,3%
1994 0,8% 12,8% 11,3%
1995 0,8% 13,6% 11,9%
1996 0,8% 14,2% 11,8%
1997 0,8% 15,4% 12,4%
1998 0,9% 16,3% 12,6%
1999 0,9% 18,4% 14,1%
2000 0,9% 19,2% 14,4%
2001 0,8% 16,1% 13,3%
2002 0,8% 14,7% 12,6%
2003 0,8% 15,2% 12,8%
2004 0,8% 17,0% 13,5%
2005 0,8% 19,3% 14,9%
2006 0,9% 19,8% 15,2%
2007 0,8% 20,0% 15,0%
2008 0,8% 17,7% 14,6%
2009 0,7% 15,1% 13,4%
2010 0,7% 16,7% 14,2%

20.0%16.7%15.0%14.2%0.8%0.7%Market-based income, capital gains includedMarket-based income, capital gains excludedTransfer income19801985199019952000200520100510152025%

Fonte: analisi degli autori del Congressional Budget Office (2013)

La lenta crescita salariale per la stragrande maggioranza causa disuguaglianze

La tabella 3 fornisce alcuni dettagli in più sulla composizione dei redditi dell’1 per cento principali, su come la composizione del loro reddito differisce da quella del reddito complessivo e su come i cambiamenti all’interno e tra le categorie di reddito hanno contribuito all’aumento della quota dell’1 per cento superiore del reddito complessivo . Questa tabella ci aiuta a concentrarci su come i salari stagnanti per la stragrande maggioranza sono la radice dello straordinario aumento della disuguaglianza negli ultimi anni.

TABELLA 3

Decomposizione e variazioni dei principali redditi dell’1%, 1979-2010

Redditi da capitale e da impresa
Totale Indennità di lavoro Affitti, interessi, dividendi Reddito aziendale Guadagni Totale pensioni trasferimenti
Top 1% di share per ogni tipo di reddito
1979 8,4% 3,9% 25,1% 20,1% 54,6% 33,5% 4,7% 0,8%
2007 18,0% 8,6% 42,1% 48,7% 71,3% 58,7% 6,6% 0,8%
2010 14,5% 8,3% 43,0% 51,9% 79,8% 54,0% 7,5% 0,7%
Quota del reddito complessivo rappresentato da ciascuna categoria
1979 100,0% 69,8% 10,1% 4,5% 3,6% 18,2% 3,2% 8,8%
2007 100,0% 60,3% 8,7% 6,2% 8,0% 22,8% 6,3% 10,7%
2010 100,0% 62,9% 6,5% 6,1% 3,4% 16,0% 7,1% 14,0%
All’interno dei contributi *
1979-2007 7.2 3.0 1.6 1.5 1.0 5.2 0.1 0.0
2007-2010 0.6 -0.2 0.1 0.2 0.5 -0.9 0.1 0.0
Tra contributi **
1979-2007 2.4 -0.6 -0.5 0.6 2.7 2.1 0.2 0.0
2007-2010 -4.1 0.2 -0.9 0.0 -3.5 -3.8 0.1 0.0
Variazione totale
1979-2007 16,9% 2,5% 1,1% 2,1% 3,7% 7,3% 0,3% 0,0%
2007-2010 -8,2% 0,0% -0,8% 0,2% -3,0% -4,7% 0,1% 0,0%

* Contributo in percentuale della crescente concentrazione all’interno di ciascuna categoria di reddito all’aumento della quota di reddito superiore dell’1%

** Contributo in percentuale del passaggio da categorie di reddito inferiori a più concentrate all’aumento della quota di reddito superiore dell’1%

Fonte: analisi degli autori del Congressional Budget Office (2013)

La constatazione generale della tabella è che l’aumento della quota dell’1% superiore del reddito complessivo è spiegato sia dal fatto che rivendicano una quota sempre maggiore di ciascuno dei principali tipi di reddito (le loro quote di lavoro e reddito da capitale sono cresciute entrambe) sia dal la quota di tutte le entrate che vanno al capitale e le entrate delle imprese cresce in modo significativo. Questo passaggio dalla retribuzione del lavoro ai redditi da capitale e da affari aumenta la quota di reddito superiore dell’1% poiché i redditi da capitale e da affari maturano in modo sproporzionato all’1% superiore.

Il primo pannello mostra semplicemente la prima quota di reddito dell’1% in vari anni, sia per il reddito complessivo che per le varie fonti di reddito identificate in CBO (2013). Una chiara constatazione è che la quota dell’1% superiore di ogni fonte di reddito, ad eccezione dei trasferimenti pubblici, è aumentata in modo significativo tra il 1979 e il 2007. Particolarmente saliente è che la quota dell’1% superiore del reddito da lavoro è più che raddoppiata, dal 3,9% all’8,6%; in effetti, questo è il singolo fattore esplicativo più grande in questa tabella dietro l’aumento della quota di reddito complessivo dell’1% superiore, spiegando quasi un terzo dell’aumento da solo.

Il pannello successivo mostra la quota di reddito complessivo rappresentata da ciascuna fonte di reddito. La scoperta più sorprendente qui è il grande calo della quota di reddito complessivo della retribuzione del lavoro, che è scesa dal 69,8 per cento nel 1979 al 60,3 per cento nel 2007. Di conseguenza, la quota complessiva del reddito da capitale (trainata principalmente da plusvalenze e reddito da impresa) è aumentata sostanzialmente, da 18,2 percento al 22,8 percento. 9Abbiamo notato altrove (Mishel et al. 2012) che l’aumento della quota di reddito da capitale è guidato in modo schiacciante da un tasso di profitto più elevato, non da un aumento dei rapporti di produzione di capitale. Ciò significa che la maggiore quota di reddito da capitale non sta semplicemente premiando i proprietari di capitali per la maggiore importanza del capitale nella produzione (in quanto non sta svolgendo un ruolo maggiore nella generazione di reddito complessiva), ma è invece guidata interamente da un aumento dei proprietari di capitali di pagamento ricevere per unità di capitale posseduta. Ciò diventa importante nel modo in cui valutiamo le cause dell’aumento nella quota dell’1% superiore.

I prossimi due panel documentano due fonti di aumento delle quote di reddito dell’1% in alto: una quota in aumento dell’1% (o concentrazione ) all’interno di ciascuna fonte di reddito e uno spostamento delle quote di reddito complessive tra le fonti. La crescente concentrazione all’interno delle fonti di reddito potrebbe aumentare le quote dell’1 percento del reddito complessivo se, per esempio, l’1 percento superiore rivendica una quota crescente sia del reddito da lavoro che da quello dei capitali. Lo spostamento delle quote di reddito tra le fonti di reddito può aumentare le quote dell’1% del reddito complessivo se, ad esempio, si verifica uno spostamento nel tempo da fonti di reddito meno concentrate (come il reddito da lavoro) a fonti più concentrate (come il reddito da capitale) .

Il terzo pannello calcola quanta concentrazione crescente all’interno di ciascuna categoria di reddito ha contribuito all’aumento della quota dell’1 percento in aumento tra il 1979 e il 2007. La concentrazione tra i tipi di reddito ha contribuito con 7,2 punti percentuali dell’aumento totale di 9,6 punti percentuali della quota di reddito dell’1 percento in alto, e 3,0 punti percentuali di questo era la concentrazione nel reddito da lavoro. 10

Il quarto pannello calcola quanto lo spostamento tra le categorie di reddito (dalle categorie di reddito meno concentrate a quelle più concentrate, principalmente dal reddito da lavoro a reddito simile al capitale) abbia contribuito all’aumento dell’1 percento superiore del reddito complessivo nello stesso periodo. Mentre le singole componenti sono un po ‘difficili da interpretare, l’effetto totale degli spostamenti tra le categorie di reddito rappresenta 2,4 punti percentuali dell’aumento totale di 9,6 punti percentuali nella quota dell’1% superiore tra il 1979 e il 2007.

Un modo per riassumere ciò che ci dicono questi dati è che la stragrande maggioranza delle famiglie sta perdendo terreno nel rivendicare la propria quota proporzionata della crescita del reddito totale in due modi significativi. In primo luogo, i lavoratori come gruppo stanno perdendo i proprietari di capitale, con il passaggio dal lavoro al reddito da capitale che spiega una parte significativa dell’aumento dell’1% superiore. In secondo luogo, le famiglie della classe media (definite in questo caso come il 99 percento inferiore) sono in grado di rivendicare solo una parte in costante riduzione della fattura salariale complessiva, con i lavoratori più pagati che raddoppiano la loro quota di reddito da lavoro.

A nostro avviso, si tratta semplicemente di due facce della stessa medaglia: una pronunciata riduzione del potere contrattuale collettivo e individuale dei normali lavoratori americani. Se i salari del 99 percento inferiore avessero tenuto il passo con la crescita della produttività per la maggior parte della generazione passata (come hanno fatto nella generazione precedente), allora la maggior parte dell’aumento delle disparità di reddito che abbiamo visto semplicemente non avrebbe avuto spazio per svilupparsi , poiché la concentrazione all’interno dei redditi da lavoro non sarebbe cresciuta e la quota della produzione totale disponibile per essere rivendicata dai proprietari di capitali sarebbe stata significativamente inferiore. 11

Il bilancio delle crescenti disuguaglianze sul tenore di vita per la stragrande maggioranza

La disuguaglianza alimentata dall’ampia stagnazione dei salari è di gran lunga il fattore più determinante del rallentamento della crescita degli standard di vita rispetto alla generazione passata, ed è stata enormemente costosa per l’ampia classe media. Figura I.mostra l’effettiva crescita del reddito dell’ampia classe media (definita come famiglie tra il 20 ° e l’80 ° percentile della distribuzione del reddito) rispetto alla generazione precedente al 2007, e la crescita che avrebbero potuto avere se i loro redditi avessero semplicemente tenuto il passo con la crescita media complessiva (cioè, non aveva ampliato la disuguaglianza in questo periodo). Il cuneo tra questi redditi è essenzialmente una tassa sui redditi della classe media imposta dalla crescente disuguaglianza. Nel 2007 questa imposta implicita era enorme; I redditi della classe media oggi sarebbero circa il 23,4 percento ($ 17.890) più alti se la disuguaglianza – guidata da stipendi salari orari – non si allargasse. Questo confronto chiarisce perché la letteratura revisionista sulla salute economica della classe media che definisce qualsiasi crescita del reddito maggiore di zero come soddisfacente sia così lontana dalla base. Gli Stati Uniti l’economia ha generato enormi quantità di reddito, anche nel periodo post-1979, quando la crescita complessiva ha rallentato. Può certamente fornire una crescita molto più rapida per l’ampia classe media rispetto a quella della generazione passata, e il suo fallimento è una catastrofe economica.

FIGURA I.

Reddito familiare dell’ampia classe media, effettivo e previsto supponendo che sia cresciuto al tasso medio complessivo, 1979-2010

Effettivo proiettata
1979 $ 61,500.85 $ 61,500.85
1980 $ 59,410.80 $ 59,496.24
1981 $ 59,165.77 $ 59,378.47
1982 $ 58,045.20 $ 59,190.13
1983 $ 57,113.42 $ 59,607.40
1984 $ 60,436.44 $ 62,791.97
1985 $ 60,455.80 $ 63,846.45
1986 $ 62,311.33 $ 68,438.53
1987 $ 61,350.34 $ 66,237.78
1988 $ 62,294.69 $ 69,160.78
1989 $ 63,135.03 $ 69,649.78
1990 $ 63,346.74 $ 69,117.33
1991 $ 62,385.30 $ 67,438.64
1992 $ 62,719.35 $ 69,281.92
1993 $ 63,536.81 $ 69,690.99
1994 $ 63,950.92 $ 70,539.98
1995 $ 65,918.30 $ 73,252.34
1996 $ 66,667.39 $ 75,701.52
1997 $ 67,763.61 $ 78,584.99
1998 $ 69,986.27 $ 82,248.14
1999 $ 71,838.84 $ 85,781.89
2000 $ 71,671.22 $ 87,064.80
2001 $ 71,700.18 $ 82,452.42
2002 $ 70,110.64 $ 79,223.47
2003 $ 70,173.65 $ 80,341.96
2004 $ 72,564.81 $ 85,091.74
2005 $ 73,697.74 $ 89,243.02
2006 $ 74,371.55 $ 91,962.80
2007 $ 76,450.81 $ 94,341.19
2008 $ 73,564.59 $ 86,936.24
2009 $ 72,740.58 $ 82,433.72
2010 $ 72,843.79 $ 84,733.87

$94,341$76,451ProjectedActual198019851990199520002005201050,00060,00070,00080,00090,000$100,000

Nota: i dati mostrano un reddito medio del 20 ° -80 ° percentile.

Fonte: analisi degli autori del Congressional Budget Office (2013)

Crescita del reddito per la stragrande maggioranza in prospettiva storica

Il rapido aumento della disuguaglianza iniziato (approssimativamente) nel 1979 non ha solo impedito ai redditi della stragrande maggioranza di crescere più rapidamente della media complessiva, ma è anche la spiegazione dominante del perché la crescita del reddito per la stragrande maggioranza dal 1979 è molto indietro crescita del reddito nella generazione precedente.

Mentre la crescita media del reddito ha effettivamente rallentato nella generazione più recente rispetto al periodo tra il 1947 e il 1979, questo rallentamento generale non spiega la maggior parte della decelerazione della crescita del reddito per la stragrande maggioranza . Invece, l’aumento della disuguaglianza è un fattore più importante.

La figura J fornisce le prove. In ogni blocco di barre, la barra di sinistra mostra la crescita in varie misure di reddito dal 1947 al 1979, mentre la barra centrale mostra la crescita dal 1979 al 2007 e la barra di destra mostra la crescita dal 2007 al 2010.

FIGURA J

Crescita media annua di varie misure di reddito, per periodo

1947-1979 1979-2007 2007-2010
Reddito personale pro capite (NIPA) 2,6% 1,7% -1,3%
Reddito basato sul mercato di cassa pro capite (NIPA) 2,4% 1,3% -2,6%
Reddito pro capite (NIPA) 4,9% 2,6% 7,0%
Contanti, reddito di mercato per il 90% inferiore (Piketty e Saez) 2,1% 0,2% -4,0%

2.6%2.4%4.9%2.1%1.7%1.3%2.6%0.2%-1.3%-2.6%7.0%-4.0%1947–19791979–20072007–2010-50510%Per capitapersonal income(NIPA)Per capita cashmarket-basedincome (NIPA)Per capitatransfer income(NIPA)Cash, market-based income forbottom 90%(Piketty and Saez)

Fonte:  analisi degli autori dei dati di Piketty e Saez (2013, aggiornato) e dell’Ufficio di analisi economica delle entrate nazionali e dei conti dei prodotti (tabella 2.1)

 

Il blocco di barre più a sinistra mostra una crescita del reddito personale pro capite medio. Questo è cresciuto ad un tasso annuo del 2,6 percento nel periodo precedente e poi è rallentato all’1,7 percento nel secondo periodo. Ciò significa che anche senza la ridistribuzione al rialzo rispetto alla generazione passata, la crescita del reddito per la stragrande maggioranza avrebbe rallentato semplicemente perché la crescita media del reddito si era indebolita. Tuttavia, se questa fosse l’unica ragione per rallentare la crescita del reddito della classe media, la classe media americana avrebbe avuto una generazione molto più prospera. Invece, i frutti anche di questa crescita media più lenta hanno ampiamente aggirato la classe media ampia.

Il prossimo gruppo di barre mostra la crescita della liquidità, complessivamente entrate basate sul mercato. Questa componente del reddito personale è cresciuta del 2,4 percento annuo nel primo periodo e dell’1,3 percento annuo nel secondo.

Procedendo a destra, il prossimo gruppo di barre mostra il contributo dei trasferimenti e delle entrate del mercato non in contanti al tasso di crescita complessivo. Questa componente di reddito è cresciuta del 4,9 per cento annuo nel primo periodo e del 2,6 per cento annuo nel secondo periodo. Ciò dimostra che il rallentamento della crescita del reddito di mercato per la stragrande maggioranza post-1979 era estremamente improbabile che fosse compensato da un aumento dei redditi da trasferimento (mentre i trasferimenti hanno continuato a crescere nel secondo periodo, sono cresciuti a un ritmo più lento).

Infine, l’ultimo blocco di barre mostra la crescita di liquidità, entrate basate sul mercato per il 90 percento inferiore in ciascun periodo, utilizzando la serie di dati Piketty-Saez. Il risultato è chiaro: il crollo della crescita della liquidità, i redditi basati sul mercato per la stragrande maggioranza delle famiglie americane ha portato a un marcato rallentamento della crescita del loro tenore di vita ed è improbabile che questo rallentamento della liquidità, crescita del reddito basata sul mercato è stato in qualche modo completamente compensato dalla maggiore crescita dei trasferimenti e dei redditi del mercato non in contanti. Ancora una volta, la crescente disuguaglianza dei redditi basati sul mercato (alimentata da un’ampia stagnazione salariale) è la sola ragione più importante per cui la crescita degli standard di vita per la stragrande maggioranza è rallentata in modo così marcato rispetto all’ultima generazione.

Fonti affidabili di crescita del reddito per la stragrande maggioranza? Tutto tranne i salari orari

Infine, passiamo in rassegna le fonti di crescita del reddito per la classe media ampia dal 1979 e dimostriamo che la crescita dei salari orari ha dato un contributo scarso alla crescita del reddito in questo periodo. La tabella 4 mostra le fonti di crescita del reddito per la classe media ampia per tipo di reddito.

TABELLA 4

Variazione del reddito complessivo medio delle famiglie nel 20 ° -80 ° percentile, per fonte di reddito, 1979-2010 (dollari 2013)

Indennità di lavoro Assicurazione sociale / rete di sicurezza
Totale Stipendi e salari Assicurazione sponsorizzata dal datore di lavoro Totale Capitale e reddito d’impresa pensioni denaro contante Non-cash * Totale
1979 $ 61.432 $ 45.349 $ 2.135 $ 47.484 $ 5.826 $ 2.329 $ 4.506 $ 1.287 $ 5.793
1989 63.133 42.304 2.364 44.667 6454 4.220 5388 2.404 7.792
1995 65.900 42.259 3.056 45.316 5204 5.290 6.138 3.952 10.091
2000 71.715 46.438 2.736 49.174 5.698 6.765 6.063 4.015 10.078
2007 76.474 46.946 3.624 50.569 5343 7.358 7003 6.202 13.204
2010 72.820 42.296 3.344 45.640 3.744 7470 8875 7.091 15.966
Modificare
1979–2007 ($) $ 15.042 $ 1.597 $ 1.489 $ 3.085 – $ 483 $ 5.028 $ 2.496 $ 4.915 $ 7.411
1979–2007 (% della variazione totale) 100,0% 10,6% 9,9% 20,5% -3,2% 33,4% 16,6% 32,7% 49,3%

* Include il valore di Medicare, Medicaid, buoni pasto e altri pagamenti di trasferimento governativi non in contanti

Fonte: analisi degli autori del Congressional Budget Office (2013)

Ciò che spicca immediatamente è la modestia del contributo offerto dal reddito da lavoro (che è la somma di salari e stipendi più l’assicurazione sanitaria fornita dal datore di lavoro). Tra il 1979 e il 2007, la crescita del reddito da lavoro ($ 1,597 in retribuzioni, $ 1,489 in benefici per la salute) può rappresentare solo il 20,5% dell’intero aumento ($ 15,042) del reddito complessivo per la classe media ampia. È fondamentale ricordare che nel 1979, il reddito da lavoro rappresentava il 77,3 percento del reddito familiare totale per la classe media ampia, quindi il fatto che abbia contribuito solo al 20,5 percento della crescita tra il 1979 e il 2007 significa che ha un pugno molto inferiore al suo peso. I trasferimenti, d’altra parte, possono rappresentare essenzialmente la metà della crescita del reddito in quel periodo di tempo (e i trasferimenti non in contanti, che sono dominati da programmi sanitari come Medicare e Medicaid,

Ovviamente, parte della spiegazione di questa enorme importanza dei trasferimenti – la maggior parte dei quali è diretta verso le famiglie più anziane – sono i cambiamenti demografici in questo periodo. La tabella 5 svolge lo stesso esercizio ma esclude le famiglie classificate come anziane e senza figli (in quanto segue, faremo riferimento a questo gruppo come “famiglie non anziane” per brevità). 12 Questo gruppo dovrebbe inclinarsi molto più pesantemente verso coloro che dipendono maggiormente dal loro lavoro per il reddito.

TABELLA 5

Variazione del reddito complessivo medio delle famiglie nel 20 ° -80 ° percentile, per fonte di reddito, escluse le famiglie anziane / senza figli, 1979-2010 (dollari 2013)

Indennità di lavoro Assicurazione sociale / rete di sicurezza
Totale Stipendi e salari Assicurazione sponsorizzata dal datore di lavoro Totale Capitale e reddito d’impresa pensioni denaro contante Non-cash * Totale
1979 $ 64.738 $ 52.624 $ 2.468 $ 55.092 $ 4.794 $ 1.655 $ 2.456 $ 740 $ 3.196
1989 67.481 52.777 2.955 55.732 5.162 3.183 2.393 1.011 3.404
1995 70.586 53.014 3.875 56.889 4510 4.108 2.920 2.160 5.080
2000 76.029 57.606 3.406 61.012 4.917 5.226 2.791 2.083 4.874
2007 80.335 58.410 4503 62.912 5.002 5539 3.341 3.542 6.882
2010 76.640 53.749 4.285 58.035 3.755 5.531 4.945 4.374 9319
Modificare
1979–2007 ($) $ 15.598 $ 5.785 $ 2.035 $ 7.820 $ 208 $ 3.884 $ 885 $ 2.801 $ 3.686
1979–2007 (% della variazione totale) 100,0% 37,1% 13,0% 50,1% 1,3% 24,9% 5,7% 18,0% 23,6%

* Include il valore di Medicare, Medicaid, buoni pasto e altri pagamenti di trasferimento governativi non in contanti

Nota: i dati derivano dalla media ponderata delle famiglie non anziane senza figli e delle famiglie con bambini.

Fonte: analisi degli autori del Congressional Budget Office (2013)

Per questo gruppo di famiglie, il reddito da lavoro fornisce un contributo molto più grande alla crescita del reddito totale rispetto alle generazioni passate. Il reddito da lavoro è salito per questo gruppo di $ 7.820 ($ 5.785 da stipendi e $ 2.035 dall’assicurazione sanitaria fornita dal datore di lavoro), rappresentando il 50,1% dei $ 15.598 nella crescita totale del reddito tra il 1979 e il 2007. Naturalmente, ciò significa ancora che la crescita del reddito da lavoro gravemente sottoperformato, dal momento che il reddito da lavoro rappresentava l’85,1 per cento del reddito familiare totale per le famiglie non anziane nel 1979.

Ancora più importante, la crescita di $ 7.820 nel reddito da lavoro annuale vista dalle famiglie non anziane nell’ampia classe media tra il 1979 e il 2007 è stata trainata in modo schiacciante dall’aumento delle ore di lavoro all’anno anziché dalla crescita della retribuzione oraria.

La tabella 6 mostra la crescita delle ore delle famiglie in età lavorativa nel tempo, una misura che tiene conto delle variazioni del numero di lavoratori per famiglia (incluso un aumento delle famiglie a due persone) e dell’aumento dell’orario di lavoro annuale medio per ciascun lavoratore in la famiglia. Nel 2007, le famiglie dell’ampia classe media lavoravano in media del 9,2% in più (o 290 ore extra) all’anno rispetto al 1979.

TABELLA 6

Contributo delle ore rispetto ai salari orari alla crescita annuale dei salari delle famiglie in età lavorativa, per gruppo di reddito, anni selezionati, 1979-2012 (dollari 2012)

Cambiamenti del periodo
1979 1989 1995 2000 2007 2012 1979-2007 2007-2012 1995-2000
Salari annuali medi reali
Secondo quinto $ 33.471 $ 34.472 $ 33.377 $ 37.580 $ 36.725 $ 32.693 9,3% -11.0% 12,6%
Quinto medio $ 50.279 $ 52.800 $ 51.608 $ 57.501 $ 56.710 $ 52.477 12,0% -7,5% 11,4%
Quarto quinto $ 67.785 $ 73.463 $ 74.156 $ 82.464 $ 82.902 $ 78.831 20,1% -4,9% 11,2%
Media di cui sopra $ 50.512 $ 53.578 $ 53.047 $ 59.182 $ 58.779 $ 54.667 13,8% -7,8% 11,7%
Ore annuali lavorate
Secondo quinto 2.543 2.797 2.811 2.908 2.787 2.663 9,2% -4,5% 3,5%
Quinto medio 3.007 3.273 3.323 3.395 3.335 3.228 10,3% -3,2% 2,2%
Quarto quinto 3.424 3.604 3.688 3.774 3.719 3.602 8,3% -3,1% 2,3%
Media di cui sopra 2.991 3.225 3.274 3.359 3.280 3.165 9,2% -3,5% 2,6%
Retribuzioni domestiche implicite all’ora lavorate
Secondo quinto $ 13.16 $ 12.32 $ 11.87 $ 12.92 $ 13.18 $ 12.28 0,1% -6,8% 8,8%
Quinto medio $ 16.72 $ 16.13 $ 15.53 $ 16.94 $ 17.01 $ 16.26 1,7% -4,4% 9,0%
Quarto quinto $ 19.80 $ 20.38 $ 20.11 $ 21.85 $ 22.29 $ 21.88 11,8% -1,8% 8,7%
Media di cui sopra $ 16.56 $ 16.28 $ 15.84 $ 17.24 $ 17.49 $ 16.81 5,5% -3,9% 8,8%

Contributi alla crescita salariale annuale

Ore lavorate
Secondo quinto  –  –  –  –  –  – 99,0% 40,6% 27,4%
Quinto medio  –  –  –  –  –  – 85,9% 42,7% 19,1%
Quarto quinto  –  –  –  –  –  – 41,1% 63,9% 20,8%
Media di cui sopra 75,3% 49,1% 22,4%
Stipendi orari
Secondo quinto  –  –  –  –  –  – 1,0% 62,2% 70,1%
Quinto medio  –  –  –  –  –  – 14,1% 59,2% 79,2%
Quarto quinto  –  –  –  –  –  – 58,9% 37,2% 77,4%
Media di cui sopra 24,7% 52,9% 75,6%

Nota: le  famiglie in età lavorativa sono quelle guidate da persone di età inferiore ai 65 anni. Le variazioni percentuali sono approssimate prendendo la differenza dei registri naturali dei salari e delle ore.

Fonte: analisi degli autori dei microdati del supplemento sociale ed economico annuale del sondaggio attuale sulla popolazione

Come appena osservato nella discussione sulla Tabella 5, i guadagni annuali della manodopera (compresi i sussidi forniti dal datore di lavoro, che non sono tracciati nei dati salariali mostrati nella Tabella 6) sono aumentati di $ 7.820 tra il 1979 e il 2007 per le famiglie non anziane nella classe media ampia . Ciò ha comportato un aumento del 14,2 per cento dei guadagni annuali, il che implica che l’aumento del 9,2 per cento nelle ore può spiegare circa i due terzi dell’aumento del reddito da lavoro annuale in quel periodo (poiché il 9,2 per cento è circa i due terzi del 14,2 per cento). La compensazione oraria aumentata rappresenta quindi solo il terzo rimanente. Il risultato di questa analisi è che aumenta ogni orai guadagni della manodopera possono rappresentare poco più del 17 percento (un terzo del contributo del 50,1 percento dei guadagni annuali) dell’aumento dei redditi delle famiglie della classe media totale ampia, anche per famiglie in gran parte in età lavorativa, tra il 1979 e il 2007.

Infine, è sbalorditivo quanta parte dei $ 7.820 nella crescita del reddito da lavoro tra il 1979 e il 2007 sia stata trainata dai cinque anni tra il 1995 e il 2000: il 52,7 per cento. Questo periodo alla fine degli anni ’90 è stato, ovviamente, un momento in cui i tassi di disoccupazione hanno raggiunto i livelli più bassi delle generazioni. Questo boom della piena occupazione ha fornito un vero potere contrattuale ai lavoratori attraverso la distribuzione dei salari, che ha portato all’unico periodo di crescita dei salari su ampia base negli ultimi quattro decenni. Inoltre, gli aumenti salariali annuali in questo periodo sono stati trainati principalmente da una maggiore compensazione oraria , non semplicemente da ore più lunghe. In effetti, nei 23 anni tra il 1979 e il 2007 non è cosìincludono i mercati del lavoro stretti della fine degli anni ’90, la crescita annuale del reddito da lavoro è stata in media dello 0,3 percento per la classe media ampia e la compensazione oraria è in realtà leggermente diminuita .

Ci sono molte lezioni importanti da trarre da questo esame. In primo luogo, un ritorno alla piena occupazione dovrebbe essere una priorità politica molto più urgente di quanto non lo sia attualmente. In secondo luogo, e più rilevante per questo progetto, dobbiamo semplicemente trovare il modo di dare ai lavoratori americani un vero potere contrattuale anche in quei periodi in cui non prevale la piena occupazione. Pensa a una lavoratrice che ha iniziato la sua carriera nel 1979: entro il 2013 avrebbe trascorso solo cinque anni dalla sua vita lavorativa di 34 anni in un’economia con una quasi piena occupazione. Affidarsi esclusivamente al raggiungimento e al mantenimento della piena occupazione come strategia per aumentare i salari non sembra di per sé una strada promettente.

Come indicato nella Tabella 5, i restanti contributi importanti alla crescita del reddito totale tra il 1979 e il 2007 per le famiglie non anziane nella classe media ampia sono effettuati da pensioni (24,9 per cento) e trasferimenti (23,6 per cento). È importante notare, tuttavia, che la crescita del reddito pensionistico in questo gruppo ha subito un rapido rallentamento dopo il 2000. Tra il 2000 e il 2010, ad esempio, il reddito pensionistico medio per questo gruppo è cresciuto solo di $ 305, rispetto a una crescita di oltre $ 1.500 tra il 1979 e il 1989 e una crescita di oltre $ 2000 tra il 1989 e il 2000. In breve, qualunque cosa stia guidando la capacità del mercato le pensioni basate su fondi per contribuire alla crescita del reddito per la stragrande maggioranza sembrano perdere slancio.

L’aumento dei trasferimenti potrebbe riflettere una percentuale crescente (sebbene ancora piuttosto piccola) di famiglie con bambini guidati da qualcuno di età superiore ai 65 anni o un aumento di famiglie multigenerazionali con alcuni membri che ricevono trasferimenti destinati a destinatari più anziani (previdenza sociale e / o Medicare). Qualunque sia la causa, le implicazioni rimangono che il trasferimento dei redditi è stata una fonte rara e sproporzionata di buone notizie per i redditi della stragrande maggioranza, e la conservazione almeno (se non l’espansione e l’approfondimento definitivi) di questi redditi dovrebbe quindi essere una priorità politica chiave in movimento inoltrare.

Chiaramente, la causa principale della crescente disuguaglianza e della compressione della classe media è la lenta crescita dei salari orari per la stragrande maggioranza. Le sezioni seguenti descriveranno in dettaglio come la crescita oraria dei salari svolga anche un ruolo da protagonista nell’erosione dei progressi su molti altri aspetti della vita economica, tra cui povertà, sicurezza delle attività di costruzione e pensionamento, mobilità sociale e stabilità macroeconomica.

Sezione tre: la stagnazione salariale blocca i progressi nel ridurre la povertà

Oltre a portare a un marcato rallentamento del tenore di vita dell’ampia classe media, l’incapacità dei salari di crescere per la stragrande maggioranza è anche la ragione principale per cui i progressi nella riduzione della povertà si sono arrestati negli ultimi tre decenni. In effetti, più si osservano le tendenze per il quinto inferiore delle famiglie, più sembrano quelle per la classe media ampia. I lavoratori in basso hanno lavorato più a lungo e sono sempre più istruiti, ma i loro salari orari non sono stati sostenuti dall’aumento della produttività. Per coloro che sono preoccupati per la povertà, la principale priorità politica dovrebbe essere l’aumento dei salari.

Questa sezione inizia spiegando come la disuguaglianza basata sui salari ha portato a un disaccoppiamento della crescita economica e della riduzione della povertà. Dimostra quindi che la riduzione della povertà negli ultimi decenni non è dovuta alla crescita dei salari, ma a una rete di sicurezza sociale migliorata. La sezione illustra quindi l’importanza dei salari per gli standard di vita del quinto fondo prima di esaminare le caratteristiche demografiche dei lavoratori che guadagnano salari a livello di povertà. Conclude mostrando che la disuguaglianza sminuisce la struttura e la demografia della famiglia come motore delle tendenze della povertà.

La crescente disuguaglianza ha disaccoppiato la crescita economica e la riduzione della povertà

La figura K illustra la posta in gioco mostrando come l’aumento della disuguaglianza (guidata da stipendi stagnanti) abbia ridotto la crescita economica e la riduzione della povertà. La crescita economica era associata a significative riduzioni della povertà, ma dagli anni ’70 i benefici della crescita aggregata per l’abbassamento della povertà si sono in gran parte bloccati. Il dato confronta il tasso di povertà effettivo con un tasso di povertà simulato basato su un modello di relazione statistica tra crescita del prodotto interno lordo (PIL) pro capite e povertà che ha prevalso tra il 1959 e il 1973. Il modello prevede una povertà abbastanza accurata nella metà 1970. Da allora, l’ attuale il tasso di povertà ha smesso di scendere e ha invece oscillato ciclicamente entro 4 punti percentuali al di sopra della sua depressione nel 1973.

FIGURA K

Tasso di povertà, reale e simulato, * 1959–2012

Tasso di povertà simulato * Tasso di povertà reale
1959 22,0% 22,4%
1960 21,9% 22,2%
1961 21,8% 21,9%
1962 20,6% 21,0%
1963 19,8% 19,5%
1964 18,6% 19,0%
1965 17,1% 17,3%
1966 15,4% 14,7%
1967 14,9% 14,2%
1968 13,7% 12,8%
1969 13,0% 12,1%
1970 13,3% 12,6%
1971 12,6% 12,5%
1972 11,1% 11,9%
1973 9,4% 11,1%
1974 9,9% 11,2%
1975 10,4% 12,3%
1976 8,7% 11,8%
1977 7,3% 11,6%
1978 5,5% 11,4%
1979 4,7% 11,7%
1980 5,3% 13,0%
1981 4,6% 14,0%
1982 5,9% 15,0%
1983 4,3% 15,2%
1984 1,6% 14,4%
1985 0,1% 14,0%
1986 -1,1% 13,6%
1987 13,4%
1988 13,0%
1989 12,8%
1990 13,5%
1991 14,2%
1992 14,8%
1993 15,1%
1994 14,5%
1995 13,8%
1996 13,7%
1997 13,3%
1998 12,7%
1999 11,9%
2000 11,3%
2001 11,7%
2002 12,1%
2003 12,5%
2004 12,7%
2005 12,6%
2006 12,3%
2007 12,5%
2008 13,2%
2009 14,3%
2010 15,1%

15%0%Actual poverty rateSimulated poverty rate*1960197019801990200020100510152025%

* Il tasso di povertà simulato si basa su un modello della relazione statistica tra crescita del PIL pro capite e povertà prevalente tra il 1959 e il 1973.

Fonte: analisi degli autori dell’indagine sulla popolazione attuale Supplemento sociale ed economico annuale della povertà Tabelle storiche (tabelle 2 e 4), Ufficio di analisi economica Conti nazionali dei prodotti del reddito (tabella 7.1) e Danziger e Gottschalk (1995)

Tuttavia, il tasso di povertà simulato mostra che se il rapporto tra crescita del PIL pro capite e povertà prevalente dal 1959 al 1973 (in cui la povertà calava man mano che il paese, in media, si arricchiva) si manteneva, il tasso di povertà sarebbe sceso a zero in metà degli anni ’80. Pertanto, la prosperità ampiamente condivisa avrebbe potuto portare a una quasi eliminazione della povertà negli Stati Uniti, ma non è così.

Le riduzioni della povertà negli ultimi decenni sono dovute a tasse e trasferimenti, non ai salari

Qualsiasi progressi compiuti nella riduzione della povertà dal 1967 è stata del tutto a causa di una migliore rete di sicurezza sociale e , nonostante di deterioramento dei salari guadagnati da parte delle famiglie a basso reddito. Ciò può essere visto meglio usando una misura globale del reddito che incorpora non solo i redditi basati sul mercato (come il reddito salariale) ma anche il sostegno in natura del governo (come i benefici del Programma di assistenza nutrizionale supplementare [SNAP], le prestazioni sanitarie e le abitazioni) sussidi), trasferimenti di denaro contante (tramite assistenza temporanea per famiglie bisognose [TANF], previdenza sociale, sussidi di disoccupazione, ecc.) e agevolazioni fiscali (ad es. il credito d’imposta sul reddito ottenuto [EITC]). Una misura meno completa, come la misura ufficiale del censimento, non mostrerebbe alcuna riduzione della povertà man mano che SNAP o i crediti d’imposta sul reddito guadagnati si espandono, dal momento che non include tali fonti di reddito.

La figura L mostra sia i tassi di povertà basati sul mercato (i tassi di povertà se i salari erano l’unica fonte di reddito e il governo non ha fornito alcun sostegno) sia i tassi di povertà post-imposta e post-trasferimento (tassi di povertà una volta inclusi i contributi pubblici) per i non popolazione anziana (minori di 65 anni). 13 Nel 1967, i risultati del mercato hanno prodotto un tasso di povertà non anziana del 18,4 per cento, ma la povertà effettiva, quando si contano i programmi di tasse e trasferimenti, era inferiore, il 17,2 per cento, indicando che la rete di sicurezza sociale ha ridotto la povertà di 1,2 punti percentuali. Quarant’anni dopo, nel 2007, il mercato ha prodotto maggiori risultatipovertà (18,9 per cento) tra la popolazione non anziana nonostante l’aumento dell’85,4 per cento della produttività dal 1967. Ma nel 2007 la rete di sicurezza ha abbassato il tasso di povertà dei non anziani di ben 5 punti percentuali, al 13,9 per cento. Questi dati indicano, quindi, che l’intero miglioramento (o, più dell’intero miglioramento) nel ridurre la povertà osservata negli anziani dal 17,2% nel 1967 al 13,9% nel 2007 era dovuto alla rete di sicurezza.

FIGURA L

Tassi di povertà dei non anziani, basati sul mercato e post imposte, post trasferimento, 1967, 2007, 2012

Tasso di povertà basato sul mercato (al lordo delle imposte e del pre-trasferimento) Tasso di povertà post-fiscale e post-trasferimento (misura supplementare di povertà)
1967 18,4% 17,2%
2007 18,9% 13,9%
2012 24,4% 16,1%

18.4%18.9%24.4%17.2%13.9%16.1%Market-based poverty rate (pre-tax and pre-transfer)Post-tax and post-transfer poverty rate (Supplemental Poverty Measure)1967200720120102030%

Fonte: analisi degli autori dei dati forniti da Fox et al. (2014)

A causa della minore attività lavorativa e dei salari più bassi nella Grande recessione, il tasso di povertà dei non anziani con base sul mercato è salito al 24,4 per cento nel 2012, sostanzialmente superiore a quello del 1967. Fortunatamente i nostri programmi di reti di sicurezza sono diventati più forti nella recessione e hanno impedito la povertà effettiva dall’aumento oltre il 16,1 per cento. Tuttavia, è notevole che i risultati economici abbiano generato una situazione nel 2012 in cui quasi una famiglia su quattro non anziana sarebbe stata povera se non ci fosse stato il sostegno del governo, dal 18,4 per cento nel 1967.

Nel complesso, questa cifra dimostra che sebbene la rete di sicurezza abbia fatto qualche progresso verso la riduzione della povertà, il solo sistema fiscale e di trasferimento è inadeguato; sono inoltre necessari guadagni salariali. Senza aumenti salariali orari, il sistema fiscale e di trasferimento deve lavorare sempre più duramente per evitare che i tassi di povertà aumentino.

Un modo in cui il quinto in basso sembra di classe media: i salari sono di fondamentale importanza

Negli ultimi tre decenni e mezzo, i salari e il reddito netto di sicurezza correlato ai salari (da fonti come l’EITC) sono cresciuti di importanza per le famiglie a basso reddito. Questo è perché le loro ore di lavoro sono aumentate e il sostegno del governo attraverso l’assistenza in denaro è diminuito poiché i programmi come TANF sono diventati molto meno generosi.

Figura Mmostra le principali fonti di reddito per le famiglie non anziane nella quinta parte inferiore della distribuzione del reddito dal 1979 al 2010. Mostra che i redditi della quinta parte inferiore dipendono sempre più dai legami con la forza lavoro. I salari, le prestazioni fornite dal datore di lavoro e i crediti d’imposta che dipendono dal lavoro (come l’EITC) costituivano il 69,7% dei redditi del quinto anno non anziani nel 2010, rispetto a solo il 57,5% nel 1979. Mentre le prestazioni statali in natura da fonti come SNAP e Medicaid sono aumentate dal 13,2% di questi redditi del quinto fondo nel 1979 al 18,3% nel 2010, i trasferimenti in contanti come i pagamenti del welfare sono diminuiti di 8,2 punti percentuali (dal 18,7% al 10,5%). Nel bene o nel male, il sistema della rete di sicurezza è chiaramente diventato sempre più legato al lavoro attraverso programmi come l’EITC e il credito d’imposta per minori, che avvantaggia in modo schiacciante le famiglie con guadagni di lavoro. Di conseguenza, gli sforzi per migliorare i redditi delle famiglie a basso reddito devono prevedere sforzi per aumentare i guadagni della manodopera.

FIGURA M

Quota di reddito dei non anziani * quinto inferiore rappresentato da reddito salariale, reddito in natura e trasferimenti di denaro, 1979-2010

Trasferimenti in contanti (ad es. Previdenza sociale, interfaccia utente, TANF) Benefici in natura (ad es. SNAP, Medicaid) Reddito correlato ai salari (salari, benefici e crediti d’imposta [ad esempio, EITC])
1979 18,7% 13,2% 57,5%
1980 19,4% 13,5% 56,6%
1981 19,2% 13,5% 56,9%
1982 20,3% 14,3% 56,0%
1983 20,0% 15,4% 55,1%
1984 17,1% 13,3% 57,6%
1985 17,9% 14,5% 56,8%
1986 17,1% 14,8% 56,5%
1987 17,6% 16,9% 54,5%
1988 17,1% 16,5% 55,1%
1989 15,2% 16,1% 57,5%
1990 14,5% 17,5% 57,8%
1991 14,6% 17,7% 58,2%
1992 14,3% 17,9% 59,6%
1993 14,1% 18,5% 58,1%
1994 13,7% 18,7% 59,6%
1995 11,9% 16,7% 63,4%
1996 11,6% 16,0% 65,1%
1997 10,7% 14,0% 67,5%
1998 9,6% 13,2% 69,8%
1999 9,3% 12,5% 69,1%
2000 9,1% 12,6% 69,1%
2001 8,6% 15,6% 70,2%
2002 9,5% 15,2% 69,5%
2003 9,0% 15,5% 70,1%
2004 8,6% 15,9% 70,1%
2005 7,5% 15,7% 71,7%
2006 6,7% 15,8% 71,9%
2007 6,6% 16,1% 71,3%
2008 7,7% 16,7% 74,3%
2009 10,2% 18,6% 70,3%
2010 10,5% 18,3% 69,7%

57.5%69.7%13.2%18.3%18.7%10.5%Wage-relatedincome(wages,benefits,and taxcredits[e.g., EITC])In-kindbenefits(e.g., SNAP,Medicaid)Cashtransfers(e.g., SocialSecurity, UI,TANF)1/21980199020002010020406080%

* I dati derivano dalla media ponderata delle famiglie non anziane senza figli e delle famiglie con bambini.

Nota:  salari e benefici, trasferimenti di denaro, entrate in natura e crediti d’imposta rappresentano il 98,5 percento di tutti i redditi al lordo delle imposte per la quinta popolazione non anziana nel 2010. L’altro 1,5 percento è costituito da plusvalenze, reddito dei proprietari, altre entrate, interessi e dividendi e altre entrate.

Fonte: analisi degli autori del Congressional Budget Office (2013)

Gli sforzi per migliorare gli standard di vita per il quinto fondo spesso si concentrano intensamente sulla progettazione di trasferimenti pubblici e crediti d’imposta. Tuttavia, mentre i trasferimenti e i crediti d’imposta sono chiaramente importanti per le famiglie nel quinto fondo, è fondamentale riconoscere che questo gruppo dipende dalla retribuzione dal mercato del lavoro per la maggior parte del loro reddito. E, come mostra la tabella 7 , gli aumenti dei salari annuali nella parte inferiore derivavano principalmente da un aumento delle ore lavorate annuali piuttosto che da un aumento dei salari orari.

TABELLA 7

Contributo delle ore rispetto ai salari orari alla crescita dei salari annuali per le famiglie in età lavorativa, per gruppo di reddito, anni selezionati, 1979-2013 (dollari 2013)

Cambiamenti del periodo
1979 1989 1995 2000 2007 2013 1995  2000 2007  2013 1979  2007
Salari annuali medi reali
Tutti $ 61.845 $ 68.199 $ 72.705 $ 81.686 $ 81.567 $ 80.324 11,6% -1,5% 27,7%
Quinto in basso $ 15.114 $ 15.383 $ 14.856 $ 17.697 $ 17.094 $ 15.360 17,5% -10,7% 12,3%
Ore annuali lavorate
Tutti 3.092 3.286 3.317 3.378 3.314 3.253 1,8% -1,9% 6,9%
Quinto in basso 1.716 1.884 1.837 1.977 1.880 1.725 7,4% -8.6% 9,2%
Retribuzioni domestiche implicite all’ora lavorate
Tutti $ 20.00 $ 20.75 $ 21.92 $ 24.18 $ 24.61 $ 24.70 9,8% 0,3% 20,8%
Quinto in basso $ 8.81 $ 8.16 $ 8.09 8.95 $ $ 9.09 $ 8.91 10,1% -2,1% 3,2%

Contributi alla crescita salariale annuale

Ore lavorate
Tutti  –  –  –  –  –  – 15,8% 121,3% 25,0%
Quinto in basso  –  –  –  –  –  – 42,2% 80,7% 74,4%
Stipendi orari
Tutti  –  –  –  –  –  – 84,2% -21,3% 75,0%
Quinto in basso  –  –  –  –  –  – 57,8% 19,3% 25,6%

 

Nota: le  famiglie in età lavorativa sono quelle guidate da persone di età inferiore ai 65 anni. I dati sono intesi come reddito monetario. Le variazioni percentuali vengono approssimate prendendo la differenza dei registri naturali di salari e ore.

Fonte: analisi degli autori dei microdati del supplemento sociale ed economico annuale del sondaggio attuale sulla popolazione

Tra le famiglie in età lavorativa, i guadagni annuali nella quinta parte inferiore sono cresciuti di un modesto 12,3 per cento dal 1979 al 2007, passando da $ 14.898 a $ 16.849. Tuttavia, la maggior parte del miglioramento (quasi tre quarti) era dovuta a più lavoro (aumento delle ore di lavoro annuali), mentre solo una piccola parte del miglioramento (un quarto) era dovuta a maggiori guadagni all’ora lavorati (aumento dei salari aliquote). Ciò significa che tra il 1979 e il 2007 vi è stata una crescita molto ridotta dei guadagni orari dei lavoratori a basso salario.

Tra il 1979 e il 2007, le ore annuali lavorate dalle famiglie in età lavorativa al quinto posto sono aumentate di 165 ore, mentre i salari orari medi (adeguati all’inflazione) del quinto in basso sono aumentati di $ 0,28. Come notato in precedenza, alla fine degli anni ’90 è stato l’unico periodo di crescita salariale sostenuta negli ultimi quattro decenni. Al di fuori di questo periodo, i salari erano stagnanti o diminuivano per i lavoratori a basso salario. Ciò può essere visto confrontando i risultati reali del 1979-2007 con quelli che avrebbero prevalso se non si fosse verificato il boom della fine degli anni ’90. Senza la fine degli anni ’90, le ore annuali dei lavoratori in quinta parte inferiore sarebbero comunque aumentate, sebbene solo di 24 anziché di 165 ore. Al contrario, i salari orari del quinto inferiore sarebbero effettivamente diminuiti di $ 0,57.

In breve, nel corso degli ultimi tre decenni e mezzo, il lavoro e i supporti di lavoro hanno svolto un ruolo sempre più importante nei redditi per quelli in fondo. Allo stesso tempo, la stragrande maggioranza degli aumenti salariali per questo gruppo è dovuta all’aumento delle ore, non all’aumento dei salari orari.

Caratteristiche demografiche dei lavoratori che guadagnano salari a livello di povertà

Esaminare la percentuale di lavoratori che guadagnano stipendi a livello di povertà ci consente di valutare sia la salute del mercato del lavoro a basso salario sia la prevalenza di bassi guadagni. Le cifre N e O presentano, rispettivamente per genere, razza ed etnia, la percentuale di lavoratori che guadagnano meno di $ 11,45 l’ora, il salario orario richiesto da un lavoratore a tempo pieno, per tutto l’anno, per sostenere una famiglia di quattro persone presso il funzionario soglia di povertà. I dati riguardano il periodo 1979-2013.

FIGURA N

Quota di lavoratori che guadagnano salari a livello di povertà, per genere, 1979-2013

Anno Tutti Uomini Donne
1979 27,1% 15,7% 42,1%
1980 29,3% 17,7% 43,9%
1981 29,6% 18,5% 43,4%
1982 28,5% 18,4% 40,6%
1983 32,5% 22,8% 44,1%
1984 31,5% 22,1% 42,8%
1985 31,3% 22,1% 42,0%
1986 29,6% 21,2% 39,5%
1987 28,8% 20,7% 38,2%
1988 30,4% 22,4% 39,5%
1989 30,5% 22,7% 39,2%
1990 30,0% 22,5% 38,4%
1991 29,2% 22,4% 36,8%
1992 31,2% 24,9% 38,1%
1993 30,3% 24,3% 36,8%
1994 30,9% 24,8% 37,6%
1995 31,5% 25,0% 38,7%
1996 30,3% 24,2% 37,0%
1997 28,7% 22,6% 35,4%
1998 27,4% 21,4% 33,9%
1999 26,8% 20,7% 33,4%
2000 25,1% 19,6% 31,1%
2001 23,9% 18,8% 29,6%
2002 23,1% 18,4% 28,2%
2003 24,3% 19,6% 29,4%
2004 24,2% 19,7% 29,2%
2005 24,3% 19,8% 29,3%
2006 23,3% 18,7% 28,3%
2007 26,4% 21,8% 31,4%
2008 26,0% 21,5% 30,8%
2009 25,5% 21,2% 30,0%
2010 26,0% 22,0% 30,2%
2011 28,0% 24,3% 32,0%
2012 28,1% 23,7% 32,8%
2013 27,5% 23,7% 31,5%

42.1%31.5%27.1%27.5%15.7%23.7%WomenAllMen19801990200020101020304050%

Nota: il salario a livello di povertà nel 2013 era di $ 11,45.

Fonte: analisi degli autori dei microdati del gruppo di rotazione in uscita dell’indagine attuale sulla popolazione

AGGIORNATO DA: Figura 4E in The State of Working America, 12a edizione , un libro dell’Istituto di politica economica pubblicato dalla Cornell University Press nel 2012

FIGURA O

Quota di lavoratori che guadagnano salari a livello di povertà, per razza ed etnia, 1979-2013

Anno bianca Nero ispanico
1979 25,1% 37,5% 37,9%
1980 27,2% 40,4% 39,6%
1981 27,6% 39,0% 40,9%
1982 26,5% 38,8% 38,6%
1983 30,3% 43,3% 44,0%
1984 29,2% 42,2% 42,9%
1985 28,8% 41,9% 43,0%
1986 27,1% 39,7% 42,1%
1987 26,3% 38,7% 41,3%
1988 27,7% 40,2% 43,9%
1989 27,5% 40,7% 46,2%
1990 26,9% 40,2% 46,2%
1991 26,2% 39,0% 45,3%
1992 28,0% 41,7% 47,2%
1993 27,0% 40,5% 46,9%
1994 27,3% 41,0% 48,6%
1995 27,6% 41,2% 50,5%
1996 26,3% 41,3% 48,3%
1997 24,5% 38,4% 46,8%
1998 23,4% 35,8% 44,7%
1999 22,6% 35,6% 45,1%
2000 21,1% 31,8% 42,7%
2001 19,9% 31,1% 40,4%
2002 19,2% 29,3% 38,8%
2003 20,4% 30,4% 39,8%
2004 20,1% 30,7% 39,6%
2005 20,0% 33,1% 39,1%
2006 19,5% 29,9% 36,8%
2007 21,9% 34,0% 41,8%
2008 21,7% 34,7% 39,8%
2009 21,4% 32,6% 39,7%
2010 21,7% 32,9% 41,0%
2011 23,4% 36,0% 43,3%
2012 23,1% 36,2% 42,8%
2013 22,5% 35,7% 42,2%

37.9%42.2%37.5%35.7%25.1%22.5%HispanicBlackWhite1980199020002010102030405060%

Nota: le categorie di razza / etnia si escludono a vicenda (vale a dire, bianche non ispaniche, nere non ispaniche e ispaniche di qualsiasi razza). Il salario a livello di povertà nel 2013 è stato di $ 11,45.

Fonte: analisi degli autori dei microdati del gruppo di rotazione in uscita dell’indagine attuale sulla popolazione

AGGIORNATO DA: Figura 4F in The State of Working America, 12a edizione , un libro dell’Istituto di politica economica pubblicato dalla Cornell University Press nel 2012

Come mostrato nella Figura N, oltre un quarto, ovvero il 27,5 percento, dei lavoratori ha guadagnato salari a livello di povertà nel 2013, paragonabili al 27,1 percento che ha guadagnato salari a livello di povertà 34 anni prima nel 1979. Inoltre, le donne hanno molte più probabilità guadagnare salari a livello di povertà rispetto agli uomini. Nel 2013, il 31,5 per cento delle donne ha guadagnato stipendi a livello di povertà, significativamente superiore alla quota degli uomini del 23,7 per cento. Tuttavia, la situazione nel 2013 ha rappresentato alcuni progressi significativi per le donne perché il 42,1 per cento ha guadagnato stipendi a livello di povertà nel 1979. D’altra parte, la percentuale di uomini che guadagnavano salari a livello di povertà è cresciuta dal 15,7 per cento nel 1979 al 23,7 per cento nel 2013.

Come mostrato nella Figura O, la percentuale di lavoratori non bianchi che guadagnano salari bassi è notevole. Nel 2013, il 42,2 per cento dei lavoratori ispanici e il 35,7 per cento dei lavoratori di colore hanno guadagnato salari a livello di povertà, rispetto a meno di un quarto (22,5 per cento) dei lavoratori bianchi. Nel 2013 c’erano più lavoratori in bianco e nero che guadagnavano salari a livello di povertà che nel 2000. L’unico periodo di progressi sostenuti nella riduzione dell’entità dei guadagni a livello di povertà è stato, non a caso, il periodo di fine anni 1990 di persistente bassa disoccupazione e rapida crescita dei salari .

Figura Pillustra la percentuale di lavoratori di sesso maschile e femminile tra i 25 e i 34 anni e tra i 35 e i 44 anni che guadagnano stipendi a livello di povertà (sono le età in cui i lavoratori hanno più probabilità di essere padroni di casa indipendenti e crescere figli). Tra queste fasce di età (e in generale), le donne hanno sempre avuto maggiori probabilità di guadagnare salari a livello di povertà rispetto agli uomini. Tuttavia, negli ultimi tre decenni e mezzo hanno visto alcuni miglioramenti, poiché i loro tassi di salari a livello di povertà sono diminuiti, in particolare tra i 35-44 anni. D’altra parte, gli uomini tra i 25 ei 44 anni hanno visto aumenti precipitosi della percentuale di lavoro con salari così bassi. La quota è più che raddoppiata tra il 1979 e il 2013, con un aumento particolarmente netto tra i giovani.

FIGURA P

Quota di lavoratori che percepiscono salari orari a livello di povertà, per genere e fascia d’età, 1979 e 2013

Genere Età 1979 2013
Uomini 25-34 10,8% 26,1%
Uomini 35-44 7,6% 15,4%
Donne 25-34 33,3% 30,5%
Donne 35-44 36,2% 23,8%

10.8%7.6%33.3%36.2%26.1%15.4%30.5%23.8%1979201325–34Men35–4425–34Women35–44010203040%

Nota: il salario a livello di povertà nel 2013 era di $ 11,45.

Fonte: analisi degli autori dei microdati del gruppo di rotazione in uscita dell’indagine attuale sulla popolazione

La disuguaglianza riduce la struttura e la demografia della famiglia come motore delle tendenze della povertà

Molti non lo saprebbero dal seguire i dibattiti d’élite sulla povertà, ma la disuguaglianza di reddito guidata dai salari è stata un motore molto più grande delle tendenze della povertà dal 1979 rispetto a molte altre influenze che incombono nel dibattito pubblico sulla povertà.

La tabella 8 esamina una serie di fattori comunemente associati ai cambiamenti della povertà negli ultimi tre decenni e mezzo: cambiamenti nella composizione razziale della popolazione americana, nei livelli di istruzione e nella struttura familiare e nella crescita complessiva del reddito e nella disuguaglianza del reddito. La prima riga mostra la variazione in punti percentuali del tasso di povertà in ciascun sottoperiodo mostrato e le righe successive mostrano la quantità (in punti percentuali) di ciascun fattore che ha contribuito a tale cambiamento.

TABELLA 8

Impatto sul tasso di povertà dei cambiamenti economici, demografici e dell’istruzione, periodi selezionati, 1979-2012 (punti percentuali)

1979-1989 1989-2000 2000-2007 1979-2007 2007-2012
Cambiamento reale 1.2 -1.5 1.2 0.8 2.5
Effetto demografico totale -0.2 -0.6 -0.1 -0.8 0.1
Gara 0.4 0.4 0.1 0.9 0.2
Formazione scolastica -1.2 -1.1 -0.4 -2.7 -0.2
Struttura familiare 0.7 0.4 0.3 1.4 0.2
Interazione -0.1 -0.2 -0.1 -0.4 -0.1
Cambiamento economico 1.4 -0.9 1.2 1.7 2.4
Crescita -1.8 -2.1 0.1 -3.8 0.4
Disuguaglianza 3.2 1.2 1.1 5.5 1.9

Fonte: analisi degli autori dei microdati di supplemento sociale ed economico del sondaggio attuale sulla popolazione basati su Danziger e Gottschalk (1995)

Nella figura Q , rappresentiamo graficamente come questi fattori economici e demografici hanno influenzato il tasso di povertà tra il 1979 e il 2012 (l’ultimo anno per il quale sono disponibili dati). Durante questo periodo, il miglioramento dell’istruzione (lavoratori che ottengono più istruzione) e la crescita del reddito complessivo sono stati i due principali fattori di riduzione della povertà, mentre la crescente disparità di reddito è stata il principale fattore di aumento della povertà. Se non fosse per aumentare la disparità di reddito dal 1979, il tasso di povertà sarebbe stato inferiore di 7,4 punti percentuali. In altre parole, nel 2012 il tasso di povertà era superiore di 7,4 punti percentuali rispetto a quanto sarebbe stato se la distribuzione dei redditi non fosse diventata sempre più diseguale dal 1979.

FIGURA Q

Impatto sul tasso di povertà dei cambiamenti economici, demografici e dell’istruzione, 1979-2012

1979-2012
Disuguaglianza 7.4
Crescita -3.4
Formazione scolastica -2.9
Struttura familiare 1.6
Gara 1.1

Percentage points7.4-3.4-2.91.61.1-5-2.502.557.510InequalityGrowthEducationFamilystructureRace

Fonte: analisi degli autori dei microdati di supplemento sociale ed economico del sondaggio attuale sulla popolazione basati su Danziger e Gottschalk (1995)

Relativamente a questi fattori, la composizione razziale della popolazione americana in questo periodo (la crescita delle popolazioni non bianche con maggiori incidenza di povertà) e i cambiamenti nella struttura familiare (la crescita delle famiglie con una madre single) hanno contribuito molto meno all’aumento della povertà, in particolare in anni recenti. Infatti, tra il 1979 e il 2012, il ruolo della disparità di reddito nell’aumentare la povertà (7,4 punti percentuali) è stato quasi cinque volte più importante dei cambiamenti nella struttura familiare (1,6 punti percentuali).

Dalla figura emerge anche che l’aumento del livello di istruzione ha esercitato una pressione al ribasso sul tasso di povertà (2,9 punti percentuali) tra il 1979 e il 2012. Il fatto è che i lavoratori in basso non solo lavorano più a lungo (come indicato nella tabella 7), ma sono anche più istruiti. Figura Rmostra che i lavoratori a basso salario hanno un’educazione di gran lunga maggiore rispetto al 1979. Nel 1979, solo il 56,7% dei lavoratori a basso salario aveva un diploma di scuola superiore, rispetto al 77,5% nel 2013. Di conseguenza, molti più lavoratori a basso salario hanno partecipato a almeno un college o avere un diploma universitario, che il grafico identifica come “college”. Mentre solo il 23,9 percento dei lavoratori a basso reddito nel 1979 aveva avuto qualche esperienza universitaria o un diploma universitario, quel gruppo era cresciuto al 44,2 per cento entro il 2013. Tuttavia, i salari orari dei lavoratori a basso salario non sono migliorati molto in questo periodo di tempo.

FIGURA R

Livello di istruzione raggiunto per i lavoratori a basso reddito, 1979 e 2013

1979 2013
Scuola superiore 56,7% 77,5%
Università 23,9% 44,2%

Percent of low-wage workers56.7%23.9%77.5%44.2%19792013High schoolCollege020406080100%

Nota: i dati si riferiscono al quinto inferiore dei salari. “College” significa frequentare un college o college completato o laurea specialistica.

Fonte: analisi degli autori dei microdati del gruppo di rotazione in uscita dell’indagine attuale sulla popolazione

I lavoratori a basso salario sono più istruiti, più produttivi e lavorano più che mai – eppure i guadagni di un’economia in crescita li stanno passando, a causa dell’insufficiente crescita dei salari orari.

Sezione quattro: i salari sono la radice della sicurezza economica per la stragrande maggioranza

Una crescita dei salari straordinariamente irregolare – in particolare una crescita lenta nella parte inferiore e nella parte centrale – ha contribuito a molte fonti croniche di stress economico oltre alla sua importanza cruciale nel guidare le tendenze nella disuguaglianza del reddito complessivo, nella povertà e nella lenta crescita degli standard di vita per la stragrande maggioranza. Questa sezione collega brevemente le prestazioni salariali alla sicurezza delle attività di costruzione e pensionamento, mobilità economica e stabilità macroeconomica.

Costruzione patrimoniale e sicurezza della pensione

È ormai un fatto ben noto che la grande maggioranza dei pensionati americani – presenti e futuri – probabilmente farà affidamento in modo schiacciante sull’assicurazione sociale pubblica (previdenza sociale, assistenza sanitaria statale e medicaid) per tenerli fuori dalla povertà (vedi Gould e Cooper 2013 ). La stragrande maggioranza non è stata in grado di accumulare attività private, in particolare le attività destinate al finanziamento della pensione, per fornire una fonte di reddito aggiuntiva in pensione (cfr. Morrissey e Sabadish 2013).

Uno dei modi più sorprendenti per illustrare questo è semplicemente quello di guardare alla distribuzione degli utili in patrimonio netto (la migliore misura sintetica della ricchezza) nell’economia americana tra il 1983 e il 2010 (il primo e l’ultimo anno per i quali sono facilmente disponibili misure distributive ), che viene presentato in Figura S .

FIGURA S

Quota della crescita della ricchezza totale maturata da vari gruppi di ricchezza, 1983–2010

Quinto in basso -2,6%
Secondo quinto -1,3%
Quinto medio -1,5%
Quarto quinto 4,3%
80-90% 10,9%
90-95% 16,0%
95-99% 35,9%
Top 1% 38,3%

-2.6%-1.3%-1.5%4.3%10.9%16.0%35.9%38.3%-1001020304050%BottomfifthSecondfifthMiddlefifthFourthfifth80-90%90-95%95-99%Top 1%

Fonte: analisi degli autori di Wolff (2012)

La figura mostra che il 60 percento inferiore delle famiglie (classificate in base alla ricchezza) ha effettivamente perso il patrimonio netto in quel periodo. Le famiglie tra il 60 ° e l’80 ° percentile rappresentavano solo il 4,3% dei guadagni di ricchezza. Le famiglie tra il 95 ° e il 99 ° percentile rappresentavano il 35,9% degli utili patrimoniali, mentre l’1% superiore rappresentava il 38,3% degli utili patrimoniali. In altre parole, il 74,2 percento degli aumenti di ricchezza tra il 1983 e il 2010 è salito ai primi 5 percento.

Parte dell’incapacità della ricchezza di crescere negli ultimi decenni può essere direttamente collegata al calo del potere contrattuale dei lavoratori a basso e medio salario. Come documentato nella sezione sull’andamento delle retribuzioni orarie, i salari e i benefici non salariali dei lavoratori tipici sono cresciuti lentamente nella maggior parte delle generazioni passate. Una componente chiave della compensazione non salariale è, ovviamente, i contributi dei datori di lavoro ai piani pensionistici dei dipendenti e, come abbiamo mostrato in quella sezione, la percentuale di lavoratori con qualsiasipiano pensionistico sponsorizzato dal datore di lavoro è caduto negli ultimi decenni. Ancora peggio, il tipo di piano pensionistico ricevuto dai lavoratori tipici che hanno un piano è cambiato notevolmente nella generazione passata, con piani pensionistici a benefici definiti che diventano molto più rari e piani a contribuzione definita (cioè 401 (k) s) più comuni. Questa modifica costituisce uno spostamento del rischio di reddito pensionistico dai datori di lavoro ai dipendenti. Inoltre, questo cambiamento dovrebbe effettivamente aumentare la ricchezza misurata in set di dati come quello usato per la Figura S; i ratei e risconti futuri derivanti da piani a benefici definiti non sono inclusi come ricchezza in queste indagini, mentre lo sono le attività accumulate in piani a contribuzione definita. Il fatto che la crescita della ricchezza per l’80 percento inferiore sia stata così anemica anche con questo spostamento definitivo che lavora a loro favore è davvero una cattiva notizia.

Un altro baluardo chiave contro le inversioni nella costruzione di attività per le famiglie a basso e moderato reddito sono gli ammortizzatori contro gli shock negativi. Il più importante di questi buffer è l’assicurazione sanitaria. Per la popolazione di età inferiore ai 65 anni, i datori di lavoro rimangono la fonte più importante di copertura assicurativa sanitaria, quindi il ruolo della qualità del lavoro si combina con la capacità delle famiglie a basso e moderato reddito di costruire (e conservare) ricchezza.

Thomas et al. (2013) etichettano tutti i collegamenti basati sul lavoro alla costruzione di attività come “capitale di occupazione”. L’altro chiaro legame tra le tendenze salariali e retributive esaminate nella prima sezione di questo documento e la costruzione di attività è semplicemente che, al fine di costruire attività, le famiglie hanno bisogno di un reddito sufficiente per mantenere un tenore di vita dignitoso e mettere da parte alcuni risparmi. È profondamente sconcertante la frequenza con cui questa intuizione di base viene elusa nei dibattiti su come aiutare le famiglie a costruire beni. Ma se si vede un’enorme concentrazione nel reddito nel tempo, quindi non troppo tempo non dovrebbe sorprendere vedere anche la concentrazione di guadagni di ricchezza, poiché la percentuale di famiglie in grado di consumare abbastanza per uno stile di vita decente e mettere da parte i soldi per le attività la costruzione si restringe.

Cercare di costruire un’agenda per la costruzione di attività che parte dal vincolo della sempre maggiore disparità di reddito è straordinariamente difficile e rischia implicitamente di incolpare l’incapacità di costruire ricchezza sulle famiglie stesse. Anche il calo del tasso di risparmio nazionale complessivo è stato talvolta invocato come prova del fatto che troppe famiglie americane a basso e medio reddito sono state in crisi di consumo negli ultimi decenni e che questa nuova acquisitività sta bloccando le possibilità di creazione di ricchezza. Le prove, tuttavia, certamente non supportano tale interpretazione. Per uno, è chiaro che la stragrande maggioranza del risparmio personale complessivo degli Stati Uniti è detenuta dai ricchi. Questo è facile da vedere semplicemente combinando le quote di reddito delle famiglie benestanti (diciamo, il 5% in alto, che ha richiesto 31. 4 percento del reddito complessivo nel 2007) con i tassi di risparmio molto più elevati riportati da questo stesso gruppo rispetto ad altri (come riportato, diciamo, da Cynamon e Fazzari 2013 o Dynan, Skinner e Zeldes 2004). Chiaramente, qualsiasi grande calo del tasso di risparmio complessivo sarà principalmente una funzione del comportamento modificato di queste famiglie benestanti.

Inoltre, la crescita delle spese per i consumi personali e la conseguente riduzione del tasso di risparmio negli ultimi decenni possono essere interamente spiegate dall’aumento dei costi sanitari (una scoperta di Barbosa et al. 2008). In termini reali, le famiglie statunitensi non stanno spendendo di più in beni di consumo – durevoli o non durevoli – o in qualsiasi altra grande categoria di consumo ad eccezione dell’assistenza sanitaria. Ed è semplicemente l’aumento del prezzo per unità di assistenza sanitaria che ha guidato il forte aumento della spesa per consumi. Questa realtà viola la narrazione che le decisioni di spesa sempre più irresponsabili delle famiglie americane a basso e medio reddito stanno abbassando i tassi di risparmio e impedendo loro di accumulare attività.

Una fonte cruciale di ricchezza basata sui salari: la sicurezza sociale

I dati sulla ricchezza mostrati nella Figura S in precedenza mancano di un aspetto della costruzione di attività americane cruciale per la sicurezza economica delle famiglie a basso e medio reddito: la ricchezza della sicurezza sociale. Weller e Wolff (2005), ad esempio, mostrano una misura della ricchezza della previdenza sociale più che raddoppia la quantità della ricchezza pensionistica complessiva per il vicino pensionato mediano. I legami tra questa ricchezza della previdenza sociale e i risultati del mercato del lavoro per i lavoratori americani sono chiari.

In primo luogo, il beneficio della previdenza sociale dipende dai guadagni salariali durante la sua carriera lavorativa. Più alti sono questi guadagni salariali, maggiore è la ricchezza della previdenza sociale. In secondo luogo, l’influenza primaria negli ultimi decenni che ha eroso la posizione contabile del sistema di sicurezza sociale è semplicemente il fallimento dei salari della stragrande maggioranza nel tenere traccia della crescita della produttività complessiva. L’imposta sulla previdenza sociale si applica solo ai primi $ 117.000 degli utili annuali (nel 2014) e aumenta nel tempo solo all’aliquota mediacrescita salariale. Solo circa il 6 percento dei guadagni ne guadagna di più, ma a causa della crescente concentrazione dei guadagni della manodopera ai livelli più alti della distribuzione, un reddito sempre maggiore della manodopera complessiva si sta accumulando sul massimo imponibile della sicurezza sociale. Al momento dell’ultima grande riforma della sicurezza sociale, nel 1983, il limite era fissato a un punto che ha catturato il 90 percento di tutti i guadagni della manodopera. Entro il 2012, tuttavia, la crescente disuguaglianza all’interno dei redditi salariali ha comportato una riduzione della base imponibile all’83,1% degli utili totali.

Questa erosione della base imponibile della sicurezza sociale – causata direttamente dalla crescente concentrazione dei salari – è responsabile di oltre un terzo dell’attuale deficit attuariale di 75 anni che affronta la previdenza sociale (Bivens 2005). Inoltre, la ridistribuzione del reddito dagli utili salariali al reddito da capitale negli ultimi decenni (come precedentemente dimostrato nella Tabella 3) implica anche una riduzione della base imponibile della sicurezza sociale (poiché il reddito da capitale non è soggetto alle imposte sulla sicurezza sociale). Questo impatto è probabile o meno grande come l’impatto della crescente concentrazione all’interno di guadagni salariali (Bivens 2013a).

Infine, si dovrebbe considerare un’altra connessione tra la crescente disuguaglianza e le prospettive per la creazione di attività: il ruolo del settore finanziario negli ultimi anni nel guidare la disuguaglianza (in particolare ai vertici) e nel ridurre i rendimenti della tenuta di ricchezza per i redditi bassi e medi famiglie. Bivens e Mishel (2013) hanno dimostrato che l’ascesa del settore finanziario è un fattore chiave della disuguaglianza di fascia alta. È importante sottolineare che una fonte chiave di entrate finanziarie in aumento è in gran parte il cuneo che il settore colloca tra i rendimenti che paga ai risparmiatori (o, possessori di ricchezza) rispetto ai tassi che addebita ai mutuatari. Una componente di questo cuneo sono le commissioni di gestione pagate agli istituti finanziari per la gestione dei conti pensionistici 401 (k) dei lavoratori, commissioni che possono assorbire quasi il 30 percento dei rendimenti dei titolari di conti nel corso della vita del conto (vedi Hiltonsmith 2013).

Mobilità economica

I dati recenti raccolti da Miles Corak e resi noti dall’economista Alan Krueger hanno evidenziato una relazione negativa tra mobilità intergenerazionale e disuguaglianza di reddito in un’ampia gamma di paesi. La figura T , basata sui dati di Corak, mostra questa relazione, che Krueger ha etichettato come “la grande curva di Gatsby”.

FIGURA T

Mobilità intergenerazionale e disuguaglianza di reddito in 22 paesi

Nazione Elasticità degli utili intergenerazionali Coefficiente gini
Argentina 0.49 0,458
Australia 0.26 0,352
Brasile 0.58 0,539
Canada 0,19 0.326
Chile 0.52 0.523
Cina 0.6 0,415
Danimarca 0.15 0,247
Finlandia 0,18 0.269
Francia 0.41 0,327
Germania 0,32 0,283
Italia 0.5 0,36
Giappone 0,34 0,249
Nuova Zelanda 0,29 0.362
Norvegia 0,17 0,258
Pakistan 0.46 0,327
Perù 0.67 0.48
Singapore 0.44 0,425
Spagna 0.4 0.347
Svezia 0,27 0.25
Svizzera 0.46 0,337
Regno Unito 0.5 0,36
stati Uniti 0.47 0.408
Mobilità intergenerazionale e disuguaglianza di reddito in 22 paesi

Nota: maggiore è il coefficiente di Gini, maggiore è la disuguaglianza. Maggiore è l’elasticità degli utili intergenerazionali, minore è l’estensione della mobilità.

Fonte: adattamento degli autori di Corak (2012, figura 2)

Questo è stato sensibilmente interpretato come un ammonimento per gli Stati Uniti. Se le relazioni tra paesi mostrate nella figura valgono anche per un determinato paese nel tempo, il forte aumento delle disparità di reddito negli ultimi anni potrebbe portare a forti riduzioni della mobilità intergenerazionale. Per coloro che sono preoccupati per il futuro della mobilità sociale, ciò fornisce ancora un’altra ragione per vedere l’aumento della disuguaglianza di reddito derivante dall’ampio fallimento dei salari orari di aumentare come una tendenza profondamente preoccupante.

Recenti scoperte hanno messo in dubbio l’inevitabilità meccanica della crescente disuguaglianza che soffoca la mobilità sociale. Chetty et al. (2014) hanno scoperto che i giovani adulti che sono entrati nel mercato del lavoro negli Stati Uniti negli ultimi anni (essenzialmente quelli che erano bambini negli anni ’90) hanno le stesse possibilità di aumentare (o abbassare) la distribuzione del reddito dei loro genitori. Tuttavia, troppi hanno preso troppo conforto da Chetty et al. (2014) risultati, sostenendo non solo che possiamo stare tranquilli su qualsiasi legame di disuguaglianza-mobilità, ma anche di prendere i loro risultati come un ribaltamento completo della narrazione che l’economia americana ha ottenuto scarsi risultati per gli americani a basso e medio reddito negli ultimi tempi decenni. Nessuna di queste interpretazioni è giustificata.

Per uno, il Chetty et al. I risultati (2014), un’aggiunta preziosa alle nostre conoscenze sulla mobilità così come sono, non sono l’unica stima empirica delle tendenze della mobilità intergenerazionale. Aaronson e Mazumder (2007) hanno precedentemente stimato un modello di mobilità a forma di U dal 1950, con un aumento per alcuni decenni prima di ricadere in periodi più recenti. Per un altro, il Chetty et al. I risultati (2014) in realtà non misurano direttamente la mobilità intergenerazionale del reddito per l’ultima (cioè la più recente) generazione nel loro campione (quelli nati dopo il 1986) perché questa coorte generalmente non ha ancora alcuna esperienza reale sul mercato del lavoro. Invece, gli studiosi usano la frequenza e la qualità del college come procuratori di reddito. Questo è certamente difendibile, ma sarà interessante vedere come si comportano questi proxy man mano che acquisiamo più dati su questa coorte.

Sappiamo che ottenere un diploma universitario di quattro anni ha offerto sempre meno una garanzia di crescita salariale decente negli ultimi anni. E sappiamo che la dispersione dei salari tra i laureati è aumentata enormemente negli ultimi anni, il che significa che il legame tra reddito e college potrebbe essere attenuato (sebbene questo problema potrebbe essere mitigato dalla loro inclusione della qualità del college e dalla frequenza).

Inoltre, chi può dire che la mobilità non sarebbe effettivamente aumentata negli ultimi decenni ma per l’influenza della crescente disuguaglianza? La “Grande curva di Gatsby” illustrata nella Figura T è implicitamente un avvertimento sulla semplice relazione tra disuguaglianza e mobilità. Questa semplice relazione potrebbe effettivamente reggere, ma la traiettoria generale della mobilità può dipendere da una serie di altre influenze oltre alla disuguaglianza.

Inoltre, dovremmo notare che il Chetty et al. (2014) i risultati che hanno attirato maggiore attenzione riguardano la mobilità relativa : fino a che punto un bambino sale al di sopra o al di sotto del rango percentuale dei suoi genitori nella distribuzione del reddito. Ma si potrebbe anche essere interessati alla differenza nei redditi attesi, ovvero misurare il divario nei redditi dei bambini rispetto ai genitori. E qui Chetty et al. (2014, 3) evidenziano qualcosa di importante: aumentare la disuguaglianzanegli Stati Uniti rispetto alla generazione passata si ha un aumento di quella differenza di reddito attesa perché “il reddito di un bambino dipende più pesantemente dalla posizione dei suoi genitori nella distribuzione del reddito oggi che in passato”. Quindi per coloro che hanno a cuore la mobilità sociale, anche se la crescente disuguaglianza non si traduce nel tempo in una mobilità intergenerazionale relativa inferiore, rende certamente le conseguenze della “lotteria della nascita” più significative in termini assoluti.

Tutto sommato, il Chetty et al. (2014) i risultati danno qualche motivo per sperare che le conseguenze disastrose per la mobilità della crescente disuguaglianza che sono implicite nei risultati della Figura T non siano avvenute. Ma sembra troppo prematuro respingere la possibilità che la crescente disuguaglianza rispetto alla generazione passata non danneggi mai la mobilità sociale.

Infine, dovremmo notare qualcosa di importante sulla mobilità americana non evidenziato da Chetty et al. (2014) ma utilmente notato da Surowiecki (2014): rimane molto basso, misurato rispetto a quasi ogni ragionevole definizione di ciò che deriverebbe da un’economia veramente equa, o (più concretamente) anche rispetto ai nostri coetanei dei paesi avanzati.

La propria posizione economica nell’infanzia determina la propria posizione nell’età adulta in modo sconcertante, e più negli Stati Uniti che in molti altri paesi avanzati. La figura U confronta la probabilità che i figli raggiungano diverse parti della distribuzione degli utili dato un padre a basso reddito. Mostra che negli Stati Uniti, un figlio con un padre a basso reddito ha una probabilità del 66,7 per cento di trovarsi nei due quinti inferiori della distribuzione degli utili e solo una probabilità del 18,1 per cento di essere tra i primi due quinti dei distribuzione degli utili. Osservando i colleghi internazionali degli Stati Uniti – paesi come il Regno Unito, la Norvegia, la Finlandia, la Svezia e la Danimarca – vediamo che i figli di padri a basso reddito hanno maggiori possibilità di salire la scala dei guadagni.

FIGURA U

Probabilità che i figli di padri nella parte inferiore del 20 percento della distribuzione degli utili finiscano nella parte inferiore o nella parte superiore del 40 percento da adulti, per paese

Padre a basso reddito, figlio in fondo al 40 percento Padre a basso reddito, figlio in cima al 40 percento
stati Uniti 66,7% 18,1%
Regno Unito 53,8% 29,6%
Norvegia 51,6% 27,8%
Finlandia 51,2% 28,5%
Svezia 50,1% 28,5%
Danimarca 47,3% 33,3%

66.7%53.8%51.6%51.2%50.1%47.3%18.1%29.6%27.8%28.5%28.5%33.3%Low-earning father, son in bottom 40 percentLow-earning father, son in top 40 percentUnitedStatesUnitedKingdomNorwayFinlandSwedenDenmark020406080%

Fonte: analisi degli autori di Jantti et al. (2006)

Infine, è fondamentale notare che l’esistenza di una certa mobilità non neutralizza gli effetti negativi della disuguaglianza. Per dirla semplicemente, ci sarà sempre una metà inferiore (o tre quarti, o 90 percento) della distribuzione dei salari e dei redditi, anche in un mondo di perfetta mobilità. Una domanda che si pone implicitamente quando esprimiamo preoccupazione per la disuguaglianza è se vogliamo o meno garantire che gli standard di vita di quelli nella metà inferiore aumentino in linea con la crescita economica.

Coloro che preferiscono ignorare la disuguaglianza e concentrarsi esclusivamente sulla mobilità stanno essenzialmente rispondendo “no” a questa domanda. Questa visione convive spesso con la convinzione che la crescente disuguaglianza sia semplicemente il risultato della meritocrazia che premia pienamente le capacità e il talento. Secondo questa visione del mondo, qualsiasi tentativo di aumentare i salari in basso e al di sopra di ciò che è giustificato dalla produttività intrinseca di questi lavoratori creerebbe semplicemente un’inefficienza economica. Un corollario di questa argomentazione secondo cui la meritocrazia determina i risultati salariali è che sebbene la crescita del reddito delle famiglie a basso e moderato reddito come gruppo sia effettivamente molto indietro rispetto alla crescita media complessiva, la nostra economia meritocratica consente a qualsiasi individuomembri di questo gruppo con talento e motivazione per raggiungere standard di vita più elevati. In un senso normativo, ignorare l’aumento della disuguaglianza e concentrarsi semplicemente sulla mobilità sostiene essenzialmente che la disuguaglianza può essere spiegata o dai suoi effetti negativi mediati dall’aumento della mobilità sociale. Ma, naturalmente, la mobilità non è aumentata durante l’ultima generazione. Da un livello basso, nella migliore delle ipotesi, è rimasto semplicemente lo stesso.

In parole povere, ci saranno sempre gradini sulla scala dei salari. Pensiamo che sia socialmente desiderabile garantire che gli americani possano raggiungere un gradino più alto di quello in cui sono nati; in altre parole, la mobilità sociale è buona. È anche vero, tuttavia, che anche coloro che rimangono sui gradini inferiore e medio dovrebbero essere in grado di vivere decentemente e condividere il reddito crescente della nostra economia. Affrontare la crescita dei salari e limitare la disuguaglianza salariale stabilisce gradini sulla scala che sono entrambi raggiungibili e garantiscono una vita dignitosa.

Crescita e stabilità macroeconomiche e la prossima era di deficit cronici della domanda

L’estrema crescita della disparità di reddito complessiva che è stata trainata dalla stagnazione dei salari orari per la stragrande maggioranza minaccia anche una crescita macroeconomica robusta e sostenibile in futuro.

Gli economisti tendono a separare i determinanti della crescita in effetti derivanti dall’utilizzo delle risorse (in particolare il lavoro) ed effetti derivanti dalla crescita della produttività. Le risorse possono essere sottoutilizzate e la crescita economica frenata da una carenza di domanda aggregata rispetto all’offerta potenziale (come è chiaramente avvenuto nell’economia degli Stati Uniti dal 2007). Ci si dovrebbe aspettare che una ridistribuzione del tutto uguale, al rialzo, peggiori questo deficit della domanda, poiché le famiglie al vertice della distribuzione del reddito tendono a risparmiare (piuttosto che a spendere) una quota molto più elevata dei loro redditi. L’aumento dei salari per la stragrande maggioranza potrebbe invertire questa tendenza.

Nel lungo periodo, i tassi di crescita complessivi sono dominati da ciò che accade alla crescita della produttività in tutta l’economia. La maggior parte delle prove sulla crescita a lungo termine e sulla disuguaglianza mostra che la grande ridistribuzione verso l’alto degli ultimi decenni è stata nella migliore delle ipotesi neutra per la crescita complessiva, il che significa che questa redistribuzione verso l’alto ha chiaramente danneggiato la crescita del reddito nella parte inferiore e centrale.

Crescita dei salari come politica chiave per risolvere le carenze della domanda (o “stagnazione secolare”)

Il caso in cui la crescita nel medio e lungo periodo sarebbe rafforzata da una crescita dei salari su ampia base che aumenta le risorse sottoutilizzate sta suscitando molta attenzione. Di recente, Krugman (2013), Summers (2013) e Stiglitz (2014) hanno dato il via a un dibattito sulla “stagnazione secolare”, che viene meglio descritta come insufficienza cronica nella domanda aggregata.

Sostengono che i tassi di interesse estremamente bassi necessari per stimolare la crescita della domanda a seguito delle recessioni del 2001 e del 2008-2009 indicano fortemente che vi sono pressioni deflazionistiche a lungo termine che spingono verso il basso la domanda aggregata. Indicano periodi di decenni di alta disoccupazione o di bassa capacità di utilizzo in molti paesi dell’Europa occidentale e del Giappone come prova che gli economisti sono stati forse troppo fiduciosi che le carenze della domanda sono quasi sempre brevi, sostanzialmente auto-correttive e suscettibili di essere risolte semplicemente dalle banche centrali che abbassano i tassi di interesse a breve termine.

Un sospetto chiave dietro questa pressione al ribasso sulla domanda è l’aumento della disparità di reddito generata dalla lenta crescita dei salari orari per la stragrande maggioranza. Questa lenta crescita salariale ha portato a una quota crescente del reddito complessivo destinata a raggiungere i salari ai vertici della distribuzione e ai proprietari di capitali. È risaputo che i tassi di risparmio per le famiglie ad alto reddito sono molto più alti che per la stragrande maggioranza. Ciò implica che, a parità di condizioni, la ridistribuzione da parte dei lavoratori a basso e moderato salario richiede uno stimolo compensativo per chiedere altrove nell’economia.

Naturalmente, gli eventi reali degli ultimi 15 anni suggeriscono la necessità di una storia più sfumata di questa. Maggiori risparmi derivanti da questa ridistribuzione dovrebbero portare a tassi di interesse più bassi, il che dovrebbe stimolare gli investimenti e portare la domanda al livello precedente. E mentre l’economia americana ha effettivamente visto tassi di interesse straordinariamente bassi negli ultimi dieci anni e mezzo, in genere non sono stati guidati da maggiori risparmi nazionali – in effetti, gli Stati Uniti sono stati un mutuatario netto sostanziale rispetto al resto del il mondo in quel periodo. I candidati ovvi per spiegare perché la ridistribuzione al rialzo non si è presentata come un aumento dei risparmi o una notevole trascinamento della domanda prima della Grande Recessione sono, naturalmente, le bolle di attività nei mercati azionari e immobiliari.

Ma queste bolle sono ora finite e, andando avanti, la potenziale resistenza alla domanda derivante dalla redistribuzione verso l’alto dovrebbe essere presa abbastanza seriamente. Attuare politiche che consentano alle famiglie a basso e moderato reddito (con propensioni molto più elevate di consumare) di guadagnare una quota maggiore della crescita economica sarebbe sicuramente utile per garantire che la domanda insufficiente non continui a limitare la crescita nel prossimo decennio.

Disuguaglianza e crescita a lungo termine

La relazione tra i tassi di crescita complessivi nel lungo periodo (trainati in gran parte dalla crescita della produttività) e la disuguaglianza è una delle più controverse in campo economico e la relazione empirica tra i due non è stata finora stabilita. Tuttavia, troppi in questo dibattito hanno affermato implicitamente che l’azione per migliorare la disuguaglianza deve attendere fino a quando non saranno disponibili prove impareggiabili che l’aumento della disuguaglianza danneggi la crescita complessiva. Questo è chiaramente sbagliato. Finché non si può dimostrare che la crescente disuguaglianza negli Stati Uniti è chiaramente aumentatacrescita complessiva, ha (per definizione) danneggiato i redditi della stragrande maggioranza. E ogni prova offerta di un legame positivo tra crescente disuguaglianza e crescita è straordinariamente debole. Pertanto, gli sforzi politici per invertire la redistribuzione al rialzo della generazione passata hanno maggiori probabilità di favorire la crescita del reddito per la stragrande maggioranza.

La nostra opinione è che ci sono ampie prove che la politica può effettivamente effettuare un tale cambiamento. La prova può essere trovata nel chiaro successo dei cambiamenti politici attuati negli ultimi decenni che miravano a rallentare la crescita dei salari per la stragrande maggioranza inclinando il potere contrattuale lontano dai lavoratori a basso e moderato salario (queste politiche sono spiegate nella sezione seguente). Bivens (2013b) sottolinea che questi cambiamenti politici sono stati spesso difesi, sia contemporaneamente che retrospettivamente, come necessario per aumentare i tassi di crescita economica, che sarebbero stati frenati da politiche (in particolare standard di lavoro e istituzioni) che distribuivano maggiormente la crescita dei salari e il potere di contrattazione ampiamente, ma ha interferito con il funzionamento efficiente dei mercati.

Litigare contro questa interpretazione è, ovviamente, il semplice fatto che nessuna generosità globale di crescita è risultata anche dal vasto accumulo di questi significativi cambiamenti politici e dal conseguente aumento della disuguaglianza. In effetti, i tassi di crescita della produttività sono stati notevolmente più lenti negli ultimi 35 anni rispetto ai primi tre decenni successivi alla seconda guerra mondiale, nonostante la relativa accelerazione alla fine degli anni ’90 e all’inizio degli anni 2000. Invece, l’economia americana ha visto una crescita complessiva più lenta che è stata distribuita in modo molto meno uniforme di prima.

È possibile affermare che il rallentamento della produttività che ha accompagnato le politiche che hanno portato a una disparità di crescita dei salari sarebbe avvenuto anche se tali politiche non fossero state adottate. Ma anche in questo caso, il risultato può essere visto solo come un disastro economico per la stragrande maggioranza – con una crescita del reddito che scende precipitosamente anche se i tassi di crescita complessivi erano sufficienti a fornire loro molto di più. Inoltre, ciò solleva la forte possibilità che nel peggiore dei casi un portafoglio di cambiamenti politici volti a stimolare la crescita dei salari orari per la stragrande maggioranzascarso impatto sui tassi di crescita complessivi. E nessun impatto sulla crescita complessiva combinato con una più ampia distribuzione dei guadagni in tutta l’economia si traduce in una crescita degli standard di vita significativamente più rapida per la stragrande maggioranza. Questa intuizione – che le politiche volte a invertire le ridistribuzioni al rialzo sono neutre nella peggiore delle ipotesi per la crescita economica complessiva – è sostenuta da un numero crescente di studi (vedere Bivens e Mishel 2013 per un sondaggio di questi).

Sommando il caso molto forte secondo cui la crescita dei salari su larga scala aiuterà l’economia a generare crescita della domanda a medio termine con la completa mancanza di prove che le ridistribuzioni al rialzo aiutino la crescita a lungo termine, è chiaro che stimolare la crescita dei salari nella stragrande maggioranza è benefico per la crescita economica.

Sezione cinque: Perché la crescita dei salari ha vacillato per la stragrande maggioranza, e cosa si può fare?

Questo documento ha finora sostenuto che molti aspetti disfunzionali dell’economia americana – aumento della disuguaglianza di reddito, schiacciamento della classe media, tassi inaccettabilmente lenti di riduzione della povertà, insicurezza pensionistica, disuguaglianza di ricchezza, aumento delle quote di profitto, mobilità sociale stagnante e persino la terribile lenta ripresa dalla Grande Recessione – hanno una radice comune: crescita lenta e crescente disuguaglianza dei salari orari per la stragrande maggioranza dei lavoratori americani.

Ciò significa che la comprensione della fonte del rallentamento della crescita oraria dei salari per la stragrande maggioranza e l’identificazione di efficaci leve politiche per invertirla, sono compiti cruciali. Questo è il motivo per cui stiamo introducendo il progetto Raising America’s Pay con questo documento. L’obiettivo di questa iniziativa è fare progressi seri nell’individuare le promettenti leve politiche per aumentare la retribuzione oraria. Ma noteremo per ora la nostra comprensione di ciò che guida i salari stagnanti per la stragrande maggioranza e la crescita diseguale dei salari, e perché riteniamo che sia necessario avere una comprensione più profonda del ruolo principale svolto dalla politica del mercato del lavoro e dalle pratiche commerciali (una frase che utilizzare per catturare standard di lavoro erosi, istituzioni del mercato del lavoro indebolite, nuove pratiche commerciali e i relativi cambiamenti nelle norme).

La saggezza prevalente tra gli esperti e troppi nel mondo delle decisioni politiche è che il rallentamento della crescita oraria dei salari è principalmente dovuto al fallimento delle capacità dei lavoratori americani di tenere il passo con la crescente domanda di abilità stimolata dal cambiamento tecnologico. Occasionalmente (e più recentemente) alcuni hanno identificato la globalizzazione come un altro fattore che impedisce la crescita dei salari per la stragrande maggioranza. La chiara spinta di entrambe queste spiegazioni quando applicate dalla comunità politica è che non potremmo né dovremmo fare nulla per invertire (o addirittura rallentare) queste influenze, se non forse migliorare le capacità della forza lavoro e l’istruzione. Sosteniamo che l’esclusiva attenzione alla globalizzazione e ai cambiamenti tecnologici trascuri l’impatto chiave della politica del mercato del lavoro e delle pratiche commerciali e sottostima la possibilità di modificare la crescita dei salari con una politica migliore.

Questa sezione inizia esplorando una moltitudine di cambiamenti politici che hanno ridotto il potere contrattuale dei lavoratori e rafforzato quello dei proprietari di capitali e dei dirigenti aziendali. Quindi esamina le disparità salariali in punti specifici della distribuzione dei salari per illustrare che questi cambiamenti di politica svolgono ruoli molto più grandi nelle tendenze salariali di quanto comunemente riconosciuto. La sezione si conclude con una valutazione dell’impatto sui salari dei cambiamenti tecnologici, dei deficit di competenze e della globalizzazione.

I determinanti politici della crescita salariale per la stragrande maggioranza

Le cause dei salari stagnanti per la stragrande maggioranza e la crescita diseguale dei salari sono, a nostro avviso, legate a decisioni politiche intenzionali, sia azioni che hanno influenzato negativamente la stragrande maggioranza, sia altre in cui i politici non sono riusciti ad agire a favore della stragrande maggioranza. Il principio di connessione tra loro è che quasi ogni cambiamento di politica ha avuto l’effetto completamente prevedibile di ridurre il potere contrattuale dei lavoratori tipici (individualmente e collettivamente) e di rafforzare la posizione di contrattazione dei proprietari di capitali e dei dirigenti aziendali.

Di seguito viene presentato un quadro per la comprensione dei cambiamenti nei modelli salariali – crescita disuguale complessiva che ha portato a stagnanti salari per la stragrande maggioranza – esaminando prima le decisioni politiche che hanno portato a queste tendenze salariali e poi spiegando come ciascuna di queste politiche ha influenzato il salario struttura (ad esempio, aumentando la disuguaglianza tra i salari di fascia media e bassa).

Il primo cambiamento di politica è quello che ha aumentato in modo significativo gli incentivi per attori economici ben posizionati (come i dirigenti aziendali) ad esercitare più aggressivamente il loro potere contrattuale per aumentare la loro quota di crescita del reddito complessivo: il drammatico calo delle aliquote fiscali più elevate dalla fine degli anni ’70 . Se tali attori hanno effettivamente un tale potere di contrattazione e se valutano i rendimenti della contrattazione aggressiva rispetto alla prospettiva di violare le norme di equità o scatenare una rivolta tra azionisti o colleghi della società, aliquote fiscali marginali più basse fanno sembrare più vantaggiosa la contrattazione aggressiva nonostante il potenziale aspetti negativi.

Piketty, Saez e Stantcheva (2014) hanno dimostrato che il calo delle aliquote fiscali superiori ha aumentato la quota del reddito al lordo delle imposte dell’1 percento superiore e in realtà è statisticamente significativo nel rallentare la crescita del reddito per il 99 percento inferiore. Sostengono che ciò fornisce ulteriori prove di ciò che chiamano il “canale della contrattazione” nel determinare i risultati economici.

Un’altra modifica fiscale che ha avuto impatti non banali sulle tendenze nella distribuzione della crescita dei salari e dei redditi riguarda il trattamento della retribuzione dei dirigenti. Nel 1993, la legge sull’imposta sulle società è stata modificata per consentire alle imprese di dedurre solo i primi $ 1 milione di stipendi esecutivi dalle imposte sul reddito delle società, con un avvertimento importante: i pagamenti superiori alla soglia di $ 1 milione potrebbero continuare a essere detratti come spese finché “Performance-based” (Balsam 2012). Ciò ha portato a un enorme cambiamento nella struttura della retribuzione degli amministratori delegati e dei dirigenti aziendali, con le opzioni su azioni e i bonus relativi al profitto che stanno diventando molto più popolari. Il fatto che questo cambiamento avvenne proprio prima dell’enorme aumento dei prezzi delle azioni alla fine degli anni ’90, ha sostanzialmente garantito un’esplosione della quota dei salari totali guadagnata al vertice attraverso il CEO e la retribuzione dei dirigenti.

Oltre a questi cambiamenti politici chiave che hanno aumentato gli incentivi per esercitare il potere di contrattazione al vertice, una serie di altri cambiamenti politici ha aumentato la capacità di quelli in alto di contrattare in modo più efficace.

Un elemento chiave in questo elenco riguarda la globalizzazione economica. Ma la globalizzazione, contrariamente a come viene spesso discussa da molti nei circoli politici, è profondamente influenzata dalle decisioni politiche americane (vedere l’appendice per ulteriori informazioni al riguardo). Ad esempio, gli accordi commerciali firmati dagli Stati Uniti contengono generalmente ampie protezioni contro le influenze che possono ridurre i tassi di profitto delle multinazionali. In effetti, per citare solo due esempi, le protezioni esecutive per la proprietà intellettuale e contro l’espropriazione (ampiamente definite) sono parti fondamentali di quasi tutti gli accordi commerciali. Eppure le protezioni esecutive contro le influenze che possono nuocere ai salari qui o all’estero (tali protezioni includono standard di lavoro come il diritto di contrattare collettivamente) sono essenzialmente inesistenti. La crescente integrazione globale con i paesi a basso salario ha l’impatto, come previsto dalla teoria economica convenzionale, di ridurre il ritorno al lavoro e aumentare il ritorno al capitale umano e fisico. In altre parole, i lavoratori con salari bassi e moderati sono svantaggiati, mentre i lavoratori con salari alti e ben istruiti beneficiano in modo sproporzionato.

Un’altra influenza chiave è la politica macroeconomica. In modelli di libri di testo perfettamente competitivi per la determinazione dei salari, non vi è spazio per la rigidità macroeconomica dei mercati del lavoro per determinare la retribuzione. Ma le prove hanno più volte dimostrato che il ritmo di crescita dei salari per la stragrande maggioranza dei lavoratori americani è più rapido quando i tassi di disoccupazione sono bassi, con i lavoratori a basso salario che beneficiano più dei lavoratori a medio salario e i lavoratori con salari più alti a beneficio minore. Ciò significa che quando i politici macroeconomici (cioè il Federal Reserve Board) hanno dato la priorità ai bassi tassi di inflazione rispetto ai bassi tassi di disoccupazione negli ultimi decenni, ciò ha avuto effetti profondamente distruttivi sulla crescita dei salari per la stragrande maggioranza.

Un altro fattore trainante delle tendenze salariali e reddituali è stata la politica di regolamentazione, in particolare per quanto riguarda il settore finanziario. La deregolamentazione finanziaria ha influenzato la crescita dei salari per la stragrande maggioranza in diversi modi. In primo luogo, ha scatenato la capacità dei professionisti della finanza di richiedere ingenti affitti semplicemente nascondendo il rischio che dovrebbero gestire. Questo settore ha più che raddoppiato le dimensioni rispetto al resto dell’economia rispetto alla generazione passata, ed è enormemente sovrarappresentato nell’1% superiore dei salari e dei redditi. In secondo luogo, poiché i detentori di ricchezza sono significativamente più avversi all’inflazione rispetto al resto della popolazione, il potere politico della finanza è stato un fattore trainante del passaggio precedentemente notato verso la definizione delle priorità dei bassi tassi di inflazione rispetto ai bassi tassi di disoccupazione. Terzo, l’estensione della deregolamentazione finanziaria ai flussi di capitali internazionali ha impedito ai responsabili politici di affrontare gli squilibri (vale a dire il deficit commerciale degli Stati Uniti) derivanti dai flussi finanziari internazionali. Se i politici avessero fermato il grande afflusso di flussi di capitali da paesi che cercavano di gestire il valore della propria valuta per un guadagno competitivo rispetto agli Stati Uniti negli anni 2000, ciò non avrebbe solo aiutato la crescita dell’occupazione nel settore manifatturiero, ma avrebbe potuto ha privato il settore finanziario del finanziamento a basso costo utilizzato per gonfiare la bolla immobiliare.

Infine, e soprattutto, una serie di cambiamenti in ciò che chiamiamo politica del mercato del lavoro e pratiche commerciali hanno indebolito la crescita dei salari negli ultimi decenni. I due più visibili e ben documentati di questi cambiamenti sono l’abbassamento del valore corretto per l’inflazione del salario minimo federale e la forte erosione della quota della forza lavoro americana rappresentata da un sindacato. Sia il valore del salario minimo sia la densità dell’appartenenza sindacale sono determinanti significativi della distribuzione della crescita salariale degli Stati Uniti, con il salario minimo che spiega circa i due terzi del crescente divario salariale tra lavoratori a basso e medio salario e spiegazioni sindacali indebolite un quinto a un terzo dell’intero aumento della disuguaglianza salariale tra gli anni ’70 e la fine degli anni 2000 (Mishel et al. 2012).

Tuttavia, una serie di altri, cambiamenti molto meno visibili nella politica del mercato del lavoro e nelle pratiche commerciali hanno eroso costantemente la posizione dei lavoratori tipici anche nei confronti dei loro datori di lavoro.

Un esempio è il diritto dei lavoratori di guadagnare premi straordinari per lavorare in orari eccessivi. I regolamenti che regolano quali lavoratori sono esonerati da questo diritto sono stati costantemente svuotati per escludere una quota sempre maggiore della forza lavoro dalla protezione degli straordinari. Un altro esempio (particolarmente scoraggiante) è la difficoltà che alcuni lavoratori (in particolare gli immigrati) hanno semplicemente nel garantire che saranno effettivamente pagati per il lavoro che svolgono (cioè il problema del “furto salariale”).

La politica del mercato del lavoro e le pratiche commerciali e l’erosione degli standard e delle istituzioni del lavoro che aumentano il potere contrattuale dei lavoratori a basso e medio salario sono gravemente sottoesposti come fattori nelle tendenze salariali precedentemente discusse. Di conseguenza, questa categoria sarà al centro del progetto Raising America’s Pay.

Alcune parti di questi standard e istituzioni di lavoro protettivi coincidono con la risposta politica preferita del più ampio centro-sinistra: mantenimento o approfondimento dei programmi di previdenza sociale e rete di sicurezza. Programmi come l’EITC, l’assicurazione contro la disoccupazione, la previdenza sociale, i medicaid, i buoni pasto (cioè SNAP) e il benessere in denaro (cioè TANF) sono straordinariamente preziosi per gli standard di vita della metà inferiore della distribuzione del reddito. Ma è importante riconoscere non solo “l’impatto diretto di questi programmi sui redditi delle famiglie”, ma anche il loro effetto sul potere contrattuale dei lavoratori. Ad esempio, molti di questi programmi rendono le conseguenze di un periodo di disoccupazione meno disastrose e ciò consente ai lavoratori di non semplicemente accettare il primo lavoro offerto anche se è una cattiva corrispondenza per loro (e il datore di lavoro).

Utilizzando specifiche lacune salariali per vedere le impronte digitali della politica nell’influenzare i salari

L’ampia storia raccontata dalle tendenze salariali osservate nella prima sezione è cristallina: gli ultimi 35 anni sono stati per lo più (tranne la fine degli anni ’90) un periodo in cui i salari orari della stragrande maggioranza erano in ritardo rispetto alla produttività dell’intera economia e i progressi nella chiusura i divari salariali di genere e razziali sono stati inesistenti (per i divari razziali) o deludentemente lenti (per i divari di genere).

Tuttavia, non è vero che ogni punto della distribuzione dei salari si è ritirato dai suoi vicini a un ritmo comune. Invece, diversi divari salariali si sono evoluti in schemi distinti. Questa sezione esamina l’evoluzione di questi divari salariali per vedere se discutono a favore o contro una particolare diagnosi delle cause della crescente disuguaglianza salariale. Ciò che troviamo suggerisce fortemente che i cambiamenti politici identificati in precedenza svolgono ruoli molto più grandi nelle tendenze salariali di quanto comunemente concesso, e il ruolo del cambiamento tecnologico è molto più piccolo di quanto comunemente riconosciuto.

Il pannello inferiore della Tabella 9 esamina ciascuno di questi confronti salariali in determinati anni dal 1979 al 2013. Il divario salariale (log) in ciascun periodo può essere interpretato come la differenza percentuale tra i salari in ciascun punto della distribuzione. Ad esempio, il salario al 95 ° percentile era dell’86,9 percento in più rispetto al salario del 50 ° percentile nel 1979. Nel 2013, il divario salariale salì al 115,1 percento, un tasso di crescita medio annuo di 0,83 punti percentuali.

TABELLA 9

Tendenze delle principali differenze tra gruppi salariali e di istruzione, 1979-2013

Variazione media annua
1979 1989 1995 2000 2007 2013 1979-1995 1995-2013 1979-2013
Divari retributivi nell’istruzione *
College / liceo 23,4% 37,8% 42,4% 45,2% 46,2% 49,3% 1.18 0.38 0.76
Laurea specialistica / liceo 32,4% 51,2% 62,2% 64,1% 66,4% 71,4% 1.86 0.51 1.15
College o altro / noncollege 28,9% 41,5% 46,1% 48,2% 49,2% 52,9% 1.08 0.38 0.71
Liceo / meno del liceo 21,0% 23,2% 27,1% 26,9% 25,8% 27,7% 0.38 0.04 0.20
Divari retributivi del gruppo salariale **
50/10 (orario) 57,8% 72,9% 69,4% 66,3% 66,3% 69,1% 0,72 -0.01 0,33
95/50 (orario) 86,9% 94,8% 101,8% 104,4% 110.2% 115,1% 0.93 0.74 0.83
Top 1% / 90th-95th (annuale) *** 122,4% 163,6% 164,1% 188,2% 187,2% 182,4% 2.61 1.08 1.82

* Log gap vuoto basato su modelli corretti per la regressione con controlli del capitale umano tra cui variabili categoriche dell’educazione (grado avanzato, solo college, qualche college, meno di una scuola superiore con scuola superiore omessa), esperienza come quartic, stato civile, razza e regione (4).

** Modifica delle differenze salariali nei punti di log non rettificate

*** I dati per il 2013 non sono disponibili, quindi vengono utilizzati i dati del 2012.

Fonte: analisi degli autori sui microdati del gruppo di rotazione in uscita dell’indagine attuale sulla popolazione; Kopczuk, Saez e Song (2010); e statistiche sui salari dell’amministrazione della previdenza sociale

AGGIORNATO DA: Tabella 4.44 di The State of Working America, 12th Edition , un libro dell’Economic Policy Institute pubblicato dalla Cornell University Press nel 2012

Il divario salariale del 50/10 rappresenta la differenza percentuale tra i salari del lavoratore mediano e i salari nella parte inferiore (decimo percentile) della distribuzione salariale (essenzialmente misurando il divario salariale tra il centro e il fondo). Il divario salariale del 50/10 è aumentato rapidamente dal 1979 al 1989 (soprattutto tra le donne), ma da allora è stato relativamente stabile (vedi Figura V). La tempistica e l’impatto dell’evoluzione di questo divario e il suo maggiore aumento tra le donne suggeriscono immediatamente una causa politica: il rapido ampliamento di questo divario negli anni ’80 ha coinciso con una drammatica erosione del 30% (aggiustata per l’inflazione) del salario minimo federale tra il 1979 e il 1989 Questo erodendo il valore reale del salario minimo è inferiore, in particolare, ai salari delle donne a basso salario. In effetti, una ricerca successiva ha indicato che circa i due terzi della crescita del divario salariale del 50/10 tra le donne dal 1979 al 2009 possono essere spiegati con le tendenze dei salari minimi (Mishel et al., 2012, Tabella 4.41).

FIGURA V

Divario salariale * tra il 50 ° e il 10 ° percentile salariale, ** per genere, 1979–2013

Anno Uomini Donne
1979 2,03700204003064 1,47244661124657
1980 2,06285177056521 1,57206559562858
1981 2,08026389166129 1,50707225580047
1982 2,15275103684973 1,56931654654756
1983 2,19956741543059 1.63905105114979
1984 2.20042346483763 1.70211901191215
1985 2.23263207995456 1.74647775113352
1986 2.28041687943874 1.80226065417733
1987 2.26452612598317 1.87284920371570
1988 2.19189172112190 1.91025776919553
1989 2.11851850391765 1.90456033502860
1990 2.11741286629395 1.88879501424996
1991 2.15096125888934 1.85767802972008
1992 2.16449248138932 1.83753109543479
1993 2.16157814581995 1.84731549634424
1994 2.13730320165489 1.84545015994226
1995 2.11730446024990 1.84178667117980
1996 2.08574125806414 1.85500700393619
1997 2.05871729133583 1.86976683014101
1998 2.07050097567448 1.80996858805478
1999 2.03352630284779 1.78520322780709
2000 2.03056704936185 1.81299066137734
2001 2.03514223035350 1.83041722745626
2002 2.04576304855237 1.83009233308900
2003 2.01509617008048 1.82603088918878
2004 2.00713493632622 1.83900327930650
2005 2.00752280269332 1.86288789268956
2006 2.02390594333546 1.87437749003984
2007 2,05958267441320 1,86721196763521
2008 2,04229305361644 1,86812338098451
2009 2,10670745334338 1,86407053952590
2010 2,07718211682700 1,86211841368530
2011 2,08037755656831 1,87161862276812
2012 2,07841072382601 1,87640851458840
2013 2,05432499975164 1,86659003346067

2.11.9MenWomen198019902000201011.251.51.7522.252.5

* Rapporto tra i salari dei lavoratori con percentuali di guadagno più alte e i salari dei lavoratori con percentili più bassi

** Il salario all’X-percentile è il salario con cui il x% dei salari guadagna di meno e (100-x)% guadagna di più.

Fonte: analisi degli autori dei microdati del gruppo di rotazione in uscita dell’indagine attuale sulla popolazione

In una ricerca precedente (Mishel et al. 2012), abbiamo dimostrato che alti tassi di disoccupazione frenano la crescita dei salari più per i lavoratori nella parte inferiore della distribuzione che a metà e più a metà che in alto. L’eccessiva disoccupazione negli anni ’80 e fino al 1995 ha quindi probabilmente avuto un impatto più negativo sui lavoratori a basso salario rispetto ai lavoratori a medio reddito, specialmente tra gli uomini. Ciò ha anche contribuito alla crescita del divario salariale del 50/10. Concluderemmo che questo divario salariale può essere facilmente spiegato da azioni politiche (o inazione, a seconda dei casi) – in particolare per quanto riguarda il salario minimo e la disoccupazione – senza la necessità di invocare deficit tecnologici o di competenze.

La tabella 9 mostra anche il divario salariale tra l’1 percento superiore dei salariati e gli altri salariati alti (tra il 90 ° e il 95 ° percentile). Il divario anno per anno si può vedere anche nella Figura F, che traccia la crescita salariale dell’1 percento superiore dei percettori e anche di quelli tra il 90 ° e il 95 ° percentile. Questo divario salariale tra i lavoratori con salari molto alti e alti si è ampliato più degli altri principali divari salariali. Come abbiamo dimostrato in precedenza, misurare accuratamente questa fascia alta (in particolare l’1% e oltre) della distribuzione dei salari è fondamentale per comprendere le prestazioni del mercato del lavoro americano rispetto alla generazione passata e qualsiasi conto di ciò che ha causato la disuguaglianza salariale deve includere specificamente un spiegazione di questo divario. La sostanziale crescita del divario salariale al vertice, tra quelle dell’1% superiore e altre persone con alti salari (diciamo, quelli tra i primi 10 per cento) è principalmente il risultato di due fattori: la crescita superlativa dei compensi degli amministratori delegati e degli altri top manager e gli stipendi sempre più elevati di un settore finanziario in espansione (Mishel et al. 2012, Tabelle 4.42 e 4.43). Insieme, questi due fattori hanno rappresentato almeno il 58% della crescita della quota di reddito dell’1% delle famiglie principali e il 67% della quota di reddito aumentata dello 0,1% delle famiglie principali dal 1979 al 2005 (Mishel et al. 2012 , Tabella 4.42).

La crescita del divario salariale al vertice corrisponde strettamente alla crescita del mercato azionario (che riflette le opzioni su azioni realizzate dai dirigenti che sono incluse nei loro salari) e non corrisponde affatto ai cambiamenti nelle disparità salariali dell’istruzione. Pertanto, la disuguaglianza salariale al vertice non può essere prontamente spiegata da storie sulle credenziali e sulla tecnologia dell’istruzione. Ciò suggerisce che le spiegazioni che spiegano il governo societario, la politica fiscale nei confronti della retribuzione dei dirigenti e delle aliquote marginali di fascia alta e la regolamentazione del settore finanziario dovrebbero essere al centro e al centro.

Il divario salariale nella metà superiore della struttura salariale, come esemplificato dal divario salariale 95/50 (illustrato nella figura W ),  ha continuato ad aumentare costantemente durante l’intero periodo tra il 1979 e il 2013, sebbene sia cresciuto più lentamente dopo il 1995. Per il periodo 1979-1995, questo divario salariale del 95/50 sembrava più suscettibile di essere spiegato dalla corsa tra le richieste di competenze basate sulla tecnologia e il livello di istruzione della forza lavoro americana, dal momento che il premio salariale del college è cresciuto rapidamente come il 95 / 50 divari salariali. Ma per tutto il periodo post-1979, e in particolare negli ultimi due decenni, sembra cruciale includere una gamma più ampia di influenze guidate dalle politiche che possano spiegare la crescita di questo divario salariale; dopo il 1995 il divario salariale del 95/50 è cresciuto molto più rapidamente rispetto al premio salariale del college.

FIGURA W.

Divario salariale * tra il 95 ° e il 50 ° percentile, ** per genere, 1979–2013

Anno Uomini Donne
1979 2,16000203377044 2,16696638811092
1980 2,13239253849087 2,17842907673584
1981 2,22267708540181 2,20159240224527
1982 2,28188904863928 2,28063999021255
1983 2,38583577939439 2,25486442893318
1984 2,42626817907785 2,30697817773575
1985 2,51980566875859 2,37222329766906
1986 2,38517655386417 2,36036942701383
1987 2,47505555545088 2,35835497173599
1988 2,52758106800385 2,41848219645524
1989 2,48058540806365 2,44083757522531
1990 2,52732205883967 2,46695987969120
1991 2,55984048310182 2,48755495563991
1992 2,59993346605182 2,52364971566342
1993 2,67169359696726 2,55978093717350
1994 2,72377438038102 2,65283585032004
1995 2,67686870547234 2,67168218773088
1996 2,69996088233505 2,67856814253865
1997 2,74923171623923 2,61539322116621
1998 2,70457316120159 2,65482010217037
1999 2,71305626464836 2,71584116140051
2000 2,77129941881323 2,68553262359794
2001 2,80842115407119 2,70727581855150
2002 2,85211633254439 2,71104136515095
2003 2,89131750264325 2,74245758675623
2004 2,98904858339396 2,74854269425405
2005 2,96743168839806 2,79650740888129
2006 2,97909143927831 2,82498263941306
2007 2,96974372059077 2,81150308534172
2008 3,03328307561370 2,82886564849457
2009 3,10127287934964 2,83282883921280
2010 3,15014199633814 2,90434433590030
2011 3,13875514362642 2,91113738504222
2012 3,31760530901212 2,98678667379792
2013 3,30995325022422 3,02104038332169

3.33.0MenWomen198019902000201022.252.52.7533.253.5

* Rapporto tra i salari dei lavoratori con percentuali di guadagno più alte e i salari dei lavoratori con percentili più bassi

** Il salario all’X-percentile è il salario con cui il x% dei salari guadagna di meno e (100-x)% guadagna di più.

Fonte: analisi degli autori dei microdati del gruppo di rotazione in uscita dell’indagine attuale sulla popolazione

AGGIORNATO DA: Figura 4M in The State of Working America, 12a edizione , un libro dell’Istituto di politica economica pubblicato dalla Cornell University Press nel 2012

Ad esempio, il commercio internazionale è stato un chiaro fattore che ha soppresso i salari nel mezzo della struttura dei salari e ha fornito un leggero impulso al vertice, in particolare dal 1995 (vedi Bivens 2013b). L’emergere di elevati deficit commerciali e l’impennata delle importazioni nei primi anni ’80 ha esercitato forti pressioni sui salari di medio livello. La costante accelerazione delle importazioni dai paesi meno sviluppati ha continuato a esercitare pressioni al rialzo sulla disparità salariale, e questo tipo di scambi probabilmente si manifesta più chiaramente nelle misure salariali 95/50.

L’incapacità dei politici macroeconomici di cercare la piena occupazione per la maggior parte degli ultimi 35 anni (citati in precedenza) è stato un altro fattore che ha risolto il divario salariale del 95/50, poiché l’eccessiva disoccupazione influisce negativamente sui lavoratori con salari di livello medio più che con quelli con salari elevati. L’importanza della disoccupazione per compensare la disuguaglianza è dimostrata dalle tendenze nel periodo 1995-2000 che hanno visto i più bassi tassi di disoccupazione in una generazione: il divario salariale 50/10 è diminuito e il divario salariale 95/50 è cresciuto modestamente rispetto ai primi anni ’90 o Anni ’80 – e soprattutto nessuna pressione inflazionistica sviluppata.

Una parte significativa di questo aumento del rapporto salariale 95/50 è chiaramente associata alla continua erosione dell’unione sindacale, che ha portato non solo a ridurre il potere contrattuale dei sindacati, ma ha anche indebolito la capacità dei sindacati di stabilire norme o standard di lavoro che aumentano i salari di lavoratori non sindacali comparabili. Come notato in precedenza, il declino dei sindacati può spiegare circa un terzo dell’intera crescita della disuguaglianza salariale tra gli uomini e circa un quinto della crescita tra le donne dal 1973 al 2007 (Mishel et al. 2012, Tabella 4.38).

Anche altri fattori politici e istituzionali hanno avuto un impatto. Ad esempio, la deregolamentazione dell’industria alla fine degli anni ’70 e all’inizio degli anni ’80 ebbe effetti drammatici. Fortin e Lemieux (1997) hanno mostrato che il 9% della forza lavoro negli anni ’80 è stata colpita dalla deregolamentazione del settore e che in tali settori c’è stata un’erosione molto più grande di posti di lavoro con salario medio. Secondo le loro stime, tra il 1979 e il 1988, la deregolamentazione ha spiegato circa il 7% dell’aumento della disuguaglianza dei salari maschili, specialmente per quelli al di sopra di una soglia salariale bassa. Anche la privatizzazione del settore pubblico e le riduzioni più recenti dei compensi degli impiegati pubblici e dei diritti di contrattazione collettiva incidono sul divario salariale 95/50.

Nessuna prova del fatto che le richieste di tecnologia e competenze stiano guidando le tendenze salariali

Come abbiamo notato, una storia particolarmente diffusa e conveniente spiega la disuguaglianza salariale come una semplice conseguenza della crescente domanda di competenze e istruzione da parte del datore di lavoro, spesso ritenuta guidata dai progressi della tecnologia. Secondo questa spiegazione, poiché vi è una carenza di lavoratori qualificati o istruiti, il divario salariale tra i lavoratori con e senza titolo universitario si sta allargando. Questa è talvolta definita come una spiegazione del “cambiamento tecnologico basato sulle competenze” della disuguaglianza salariale (poiché si basa sulla tecnologia che porta alla necessità di ulteriori competenze). Tuttavia, nonostante la sua grande popolarità e il suo fascino intuitivo, questa storia delle recenti tendenze salariali spinte sempre più da una corsa tra istruzione e tecnologia non si adatta bene ai fatti, specialmente dalla metà degli anni ’90.

Prima di descrivere in dettaglio alcuni motivi per essere scettici sulla scarsità di istruzione o sulla spiegazione del disallineamento delle competenze in merito alla disuguaglianza salariale, è importante chiarire la questione chiave in discussione sull’interazione tra il rendimento scolastico dei lavoratori statunitensi e i risultati del mercato del lavoro.

Ciò che non viene discusso è il grande miglioramento del rendimento scolastico rispetto alla generazione passata. Tutti riconoscono che l’offerta di lavoratori con credenziali (quelli con una laurea quadriennale) è in effetti cresciuta molto negli ultimi decenni: i lavoratori con istruzione universitaria hanno costituito oltre un terzo della forza lavoro nel 2012, rispetto al 14,6% nel 1973 .

Un’altra importante area di ampio consenso è che la crescita dell’istruzione e delle competenze è un ingrediente chiave della crescita economica generale . Inoltre, fornire maggiore e migliore istruzione agli studenti della classe operaia e svantaggiati è essenziale per aumentare la mobilità sociale verso l’alto. Allo stesso modo, non vi è alcun dibattito a nostro avviso sul fatto che sia economicamente saggio per le persone cercare più istruzione e sviluppo delle competenze; in media, coloro che ottengono più istruzione e competenze faranno relativamente meglio di quelli che non lo fanno. Inoltre, quelli con più istruzione ottengono benefici non economici, come essere più sani e partecipare alla nostra democrazia.

Rimangono tuttavia le principali questioni economiche e politiche su quanto l’aumento della disuguaglianza salariale delle generazioni passate sia stato guidato dai lavoratori americani che hanno perso la “corsa tra tecnologia e istruzione”. La questione economica rilevante è se la domanda di datori di lavoro per i lavoratori con istruzione universitaria ha superato sostanzialmente la crescente offerta di tali lavoratori, aumentando così la disparità salariale complessiva. Noi pensiamo di no. La questione politica rilevante è se ci si può aspettare che livelli di istruzione notevolmente superiori (oltre la crescita attualmente prevista) generino una crescita dei salari relativamente equa e in aumento e se spingerà o meno la crescita dei salari per la stragrande maggioranza vicino alla crescita dell’economia- ampia produttività. Noi pensiamo di no.

Abbiamo già stabilito una base per lo scetticismo secondo cui i deficit educativi hanno determinato una maggiore disuguaglianza salariale, poiché la crescita della disuguaglianza salariale misurata da molte carenze salariali chiave può essere ampiamente spiegata senza riferimento a qualsivoglia carenza di competenze o istruzione. La crescita dei salari all’1% è dovuta all’eccessivo compenso dei dirigenti e agli alti salari in un settore finanziario espanso e non è legato all’istruzione. Allo stesso modo, il divario salariale tra lavoratori a basso e medio salario può essere ampiamente spiegato dai cambiamenti del salario minimo e dalla disoccupazione eccessiva. Inoltre, dal momento che i salari nella parte inferiore e media sono cresciuti allo stesso modo dalla fine degli anni ’80, non sembra esserci alcuna carenza di istruzione speciale nella parte inferiore che trascina verso il basso la retribuzione dei lavoratori a basso reddito.

Si scopre anche che, come accennato in precedenza, i dati dal 1995 sono profondamente in contrasto con l’ipotesi che i divari salariali nell’istruzione abbiano determinato la disuguaglianza salariale tra lavoratori con salario medio e alto (il divario salariale 95/50). La tabella 9 mostra il cambiamento nel divario salariale 95/50 e il divario salariale nell’istruzione (tra quelli con istruzione “universitaria o superiore” e lavoratori non istruiti) dal 1979 al 1995, dal 1995 al 2013, e l’intero periodo. 14 Abbiamo scelto di evidenziare il 1995 perché la crescita dei divari salariali nell’istruzione ha subito un sostanziale rallentamento proprio attorno a quell’anno (e questi divari salariali probabilmente hanno smesso di crescere perché determinanti più importanti di questo divario – globalizzazione e disoccupazione – hanno iniziato a sommergere qualsiasi altro effetto).

La tabella mostra che tra il 1979 e il 1995, il divario salariale 95/50 è cresciuto all’incirca allo stesso ritmo del divario salariale tra tutti i lavoratori con istruzione universitaria e il resto della forza lavoro. Mentre pensiamo che alcuni abbiano interpretato in modo eccessivo questa corrispondenza sostenendo che il divario salariale del 95/50 è stato guidato interamente da un “premio all’istruzione in aumento”, questi divari salariali si sono almeno spostati all’incirca allo stesso ritmo. Ma tra il 1995 e il 2013, la crescita del premio universitario ha subito un sostanziale rallentamento (a 0,38 da 1,08 all’anno), mentre il divario salariale del 95/50 ha continuato ad allargarsi, anche se un po ‘più lentamente (0,74 anziché 0,93 all’anno). Semplicemente, il divario salariale dell’istruzione è cresciuto modestamente negli ultimi anni e la crescita non è stata abbastanza grande da determinare il divario salariale 95/50.

Un altro motivo per essere scettici sul fatto che una domanda tecnologicamente correlata di lavoratori con più credenziali abbia guidato la disuguaglianza salariale è il fatto che i lavoratori con le credenziali chiave – laureati quadriennali – non hanno fatto altrettanto bene, specialmente negli ultimi 10 anni. La Figura X  mostra che i salari orari reali sono diminuiti per quasi il 70 percento della forza lavoro con diplomi quadriennali dal 2000. E i salari del 90 ° percentile dei laureati sono aumentati solo del 4,4 percento dal 2000.

FIGURA X

Crescita dei salari dei laureati, per decile, 2000–2013

 20 ° percentile  50o percentile  70o percentile  90 ° percentile
2000 0,0% 0,0% 0,0% 0,0%
2001 1,9% 1,0% 1,3% 3,5%
2002 1,3% 0,5% 1,0% 2,5%
2003 -0.1% 1,5% 2,5% 3,3%
2004 -2,3% -0,2% 1,7% 3,3%
2005 -2,8% -2,0% 1,9% 5.0%
2006 -1,8% -1,2% 2,8% 4,0%
2007 -1,9% -0,6% 2,9% 5,9%
2008 -0,2% -0,6% 1,7% 6,0%
2009 -1,5% -0,3% 2,3% 6,5%
2010 -3,0% -1,2% 1,6% 5,5%
2011 -4,4% -3,1% -1,2% 2,1%
2012 -7,3% -4,1% -0,7% 4,0%
2013 -6,7% -3,3% 0,4% 4,4%

Percent change since 20004.4%0.4%-3.3%-6.7%90th percentile70th percentile50th percentile20th percentile-10-50510%2000200220042006200820102012

Fonte: analisi degli autori dei microdati del gruppo di rotazione in uscita dell’indagine attuale sulla popolazione

I recenti laureati sono andati particolarmente male negli ultimi dieci anni. I risultati salariali di questi lavoratori con capacità e credenziali recentemente coniate dovrebbero servire da barometro decente sia della forza del mercato del lavoro complessivo, sia della domanda continua di lavoratori con credenziali. La figura Y  mostra le tendenze dei salari dei laureati entry-level per genere (definisce un lavoratore entry-level con uno o sette anni di esperienza).

FIGURA Y

Retribuzioni reali per laureati di sesso maschile e femminile, 1979-2013

ANNO Uomini Donne
1979  $ 21,34  $ 16,88
1980  $                    21.36  $                     16.51
1981  $                    21.07  $                     16.75
1982  $                    21.43  $                     17.31
1983  $                    21.22  $                     17.27
1984  $                    21.77  $                     17.25
1985  $                    22.13  $                     18.07
1986  $                    22.74  $                     18.42
1987  $                    22.50  $                     19.03
1988  $                    23.03  $                     18.94
1989  $                    21.82  $                     18.99
1990  $                    21.93  $                     19.24
1991  $                    21.27  $                     18.66
1992  $                    20.86  $                     18.59
1993  $                    20.91  $                     18.79
1994  $                    20.64  $                     18.31
1995  $                    20.20  $                     18.58
1996  $                    20.44  $                     18.23
1997  $                    21.03  $                     18.54
1998  $                    22.82  $                     19.51
1999  $                    23.25  $                     20.44
2000  $                    24.30  $                     20.71
2001  $                    25.35  $                     21.07
2002  $                    24.68  $                     21.19
2003  $                    23.60  $                     20.49
2004  $                    22.91  $                     20.40
2005  $                    23.53  $                     20.38
2006  $                    23.40  $                     20.30
2007  $                    23.69  $                     20.37
2008  $                    23.54  $                     20.10
2009  $ 23,59  $ 20,28
2010  $ 23,26  $ 19,69
2011  $ 22,46  $ 19,48
2012  $ 22,19  $ 19,23
2013  $ 22,67  $ 19,04

Real hourly wage (2013 dollars)$21.34$20.20$24.30$22.67$16.88$18.58$20.71$19.04MenWomen19801990200020101517.52022.525$27.5

Nota: i  lavoratori entry-level sono definiti con esperienza da uno a sette anni (ovvero lavoratori di età compresa tra 23 e 29 anni).

Fonte: analisi degli autori dei microdati del gruppo di rotazione in uscita dell’indagine attuale sulla popolazione

AGGIORNATO DA: Figura 4Q in The State of Working America, 12a edizione , un libro di Economic Policy Institute pubblicato dalla Cornell University Press nel 2012

I salari di livello base sono diminuiti tra i laureati di sesso femminile e maschile dal 2000 al 2013, il 6,7% tra gli uomini e l’8,1% tra le donne. Ciò significa che i giovani laureati che hanno terminato gli studi negli ultimi cinque anni circa guadagnano molto meno dei loro fratelli e sorelle maggiori che si sono diplomati alla fine degli anni ’90. La scarsa crescita dei salari nell’ultimo decennio è in netto contrasto con il periodo di salari in forte aumento per i laureati di livello maschile dal 1995 al 2000, quando i salari sono cresciuti del 20,3 per cento. Negli ultimi 16 anni, dal 1979 al 1995, il salario orario maschile all’università era sceso di oltre un dollaro.

Pertanto, il periodo di calo dei salari dal 2000 non costituisce l’eccezione alla regola per i giovani laureati maschi. Invece, è ancora una volta la bassa disoccupazione della fine degli anni ’90 che sembra portare a risultati eccezionali, anche per i lavoratori altamente accreditati. Anche con il grande impulso fornito ai loro stipendi alla fine degli anni ’90, entro il 2013 il salario orario dei laureati di livello maschile era di poco superiore di $ 1,00 rispetto al 1979, con un aumento di appena il 6,3 per cento in 34 anni. I salari delle giovani laureate sono cresciuti più fortemente dei salari delle loro controparti maschili nel periodo 1979-2013, ma il loro aumento del 12,8 percento è di gran lunga inferiore alla crescita della produttività complessiva e troppo lento per cancellare il divario tra i loro salari e i salari degli uomini .

Sempre più prove, sia aneddotiche che empiriche, supportano i risultati suggeriti da queste tendenze salariali. Ad esempio, molti hanno riferito di una maggiore prevalenza di laureati che lavorano come stagisti non retribuiti. Sembra un segno sicuro che il cambiamento tecnologico non ha portato a una carenza di lavoratori con titoli universitari se le aziende possono attrarre questi lavoratori gratuitamente. E un recente studio del Federal Reserve Board di New York ha documentato che dal 2000 i laureati sono sempre più impiegati in lavori che non richiedono un diploma universitario (Abel, Deitz e Su 2014).

Cambiamenti tecnologici basati sull’abilità 2.0: Polarizzazione occupazionale

Esiste un’ipotesi modificata di “cambiamento tecnologico orientato all’abilità” secondo la quale la tecnologia sta erodendo posti di lavoro e salari nelle occupazioni di livello medio, ma espandendo opportunità e salari tra le occupazioni a basso e alto salario. Questa tesi sulla “polarizzazione del lavoro” è emersa intorno al 2006 ed è ora popolarmente impiegata insieme alla tesi sulla “corsa tra tecnologia e istruzione”. 15Tuttavia, accumulare prove ora mostra che la polarizzazione del lavoro è sostanzialmente impossibile da rilevare durante l’intero 2000. Dal 2000, l’occupazione nelle occupazioni nella metà superiore della scala salariale non è cresciuta più rapidamente dell’occupazione nella metà inferiore (Mishel, Schmitt e Shierholz 2013). Ciò è confermato dall’analisi diretta (Levy e Murnane 2013, Figura 3) delle professioni classificate come utilizzando ragionamenti astratti non di routine: questi presunti vincitori della digitalizzazione non hanno visto un’espansione dell’occupazione tra il 2000 e il 2006 o dal 2006 al 2009. Inoltre, non esiste forte legame tra il ritmo della crescita dell’occupazione e la crescita dei salari in un’occupazione, lasciando le tendenze dell’occupazione occupazionale incapaci di spiegare la disuguaglianza salariale (Mishel, Schmitt e Shierholz 2013). Anche quelli in scienza, tecnologia, ingegneria,

Il fatto è che ci sono sorprendentemente poche prove dirette e solide che il cambiamento tecnologico, i disallineamenti di competenze, la carenza di competenze e il divario educativo hanno molto a che fare con la recente crescita della disuguaglianza salariale. Dato che questa ipotesi un tempo dominante ora sembra avere sempre meno dati a supporto, altre spiegazioni relative al ristagno della crescita oraria dei salari per la stragrande maggioranza dei lavoratori americani dovrebbero ricevere maggiore attenzione.

Sezione sei: il progetto Raising America’s Pay: dove dovrebbero andare i lavori futuri

Come mostra l’analisi precedente, una quota crescente della crescita del reddito complessivo negli ultimi tre decenni e mezzo è passata alla già benestante e la crescita dei salari orari per la stragrande maggioranza è stata sostanzialmente stagnante per gran parte di questo periodo. Ciò è in netto contrasto con i tre decenni successivi alla seconda guerra mondiale, quando la crescita del reddito era ampiamente condivisa. Questa crescente disuguaglianza ha suscitato un recente interesse nel perchéquesto spostamento si è verificato. Pensiamo che il ruolo delle decisioni politiche intenzionali debba apparire molto più ampio nei dibattiti accademici e politici sulla disuguaglianza, e in particolare prenderemo atto dei cambiamenti politici che hanno ostacolato la crescita dei salari orari per la stragrande maggioranza dei lavoratori americani dalla fine degli anni ’70. Questa analisi suggerisce un percorso per ricercatori e responsabili politici sinceramente preoccupati di fermare l’aumento della disuguaglianza e generare una crescita su vasta scala della retribuzione oraria.

Triage salariale: infine ingegnerizzare un completo recupero dalla Grande Recessione

La prima priorità dovrebbe essere il ripristino del mercato del lavoro almeno per la sua salute prima della Grande Recessione. Dalla fine ufficiale della Grande Recessione a metà del 2009, la scelta politica più evidente che sta aumentando la disuguaglianza salariale è l’abbraccio del Congresso all’austerità fiscale, che ha rallentato le prospettive di una piena ripresa. Come mostrato nella Figura Z , tra il 2009 e il 2013 i salari reali sono diminuiti per l’intero 90 percento inferiore della distribuzione dei salari. Quando le opportunità di lavoro sono deboli come lo sono stati in ripresa in atto, non è solo in cerca di lavoro che soffrono di lavoro conanche i lavori fanno molto più male. Il fatto che ci siano molti più lavoratori senza lavoro rispetto a quelli disponibili significa che i datori di lavoro possono ottenere e trattenere i lavoratori senza offrire significativi aumenti salariali. Ma la Figura Z dimostra anche che, sebbene tutti i lavoratori vedano una lenta crescita salariale quando le condizioni del mercato del lavoro sono scarse, l’effetto è più drammatico più in basso nella distribuzione dei salari. Ad esempio, i salari sono diminuiti del 6,4 per cento per il lavoratore del 20 ° percentile tra il 2009 e il 2013, ma sono diminuiti “appena” dell’1,9 per cento per il lavoratore dell’80 ° percentile. Questo è un modo chiave in cui un mercato del lavoro debole aggrava la disuguaglianza.

FIGURA Z

Variazione percentuale dei salari orari reali in varie parti della distribuzione dei salari, 2009-2013

2009-2013
10o percentile -4,2%
20 ° percentile -6,4%
30o percentile -5,4%
40o percentile -4,7%
50o percentile -3,6%
60 ° percentile -3,7%
70o percentile -3,0%
80th percentile -1,9%
90 ° percentile -0,7%
95o percentile 1,1%

-4.2%-6.4%-5.4%-4.7%-3.6%-3.7%-3.0%-1.9%-0.7%1.1%0-7.5-5-2.52.5%10thpercentile20th percentile30th percentile40th percentile50th percentile60th percentile70th percentile80th percentile90th percentile95th percentile

Fonte: analisi degli autori dei microdati del gruppo di rotazione in uscita dell’indagine attuale sulla popolazione

La crescita lenta dei salari non è solo un problema indotto dalla recessione

Ma, come documentato in precedenza, la crescita oraria stagnante dei salari per la stragrande maggioranza dei lavoratori americani non è emersa solo dopo la Grande Recessione: l’aumento della disuguaglianza ha bloccato la crescita delle famiglie a basso e medio reddito per la maggior parte dei tre decenni che hanno portato al La grande recessione. Questo aumento della disuguaglianza è stato guidato da una serie di decisioni politiche intenzionali. Molte di queste decisioni riguardavano settori che a prima vista potrebbero sembrare distanti dai risultati del mercato del lavoro, ma che in realtà hanno effetti potenti sul potere contrattuale dei lavoratori americani.

Ad esempio, per gran parte del periodo, i politici macroeconomici – in particolare la Federal Reserve – semplicemente non hanno dato la priorità ai bassi tassi di disoccupazione, per paura che tali bassi tassi avrebbero innescato un’inflazione accelerata.

Gli accordi commerciali hanno armonizzato in modo affidabile le protezioni per gli interessi aziendali fino ai più alti standard, ma in genere non hanno fornito alcuna protezione contro una corsa al ribasso sugli standard del lavoro. Altri aspetti della politica economica internazionale – in particolare l’incapacità di mantenere un valore competitivo del dollaro USA – hanno anche ridotto la domanda di lavoro per la stragrande maggioranza.

Il calo delle aliquote fiscali superiori, il trattamento fiscale preferenziale di stock option e bonus, i fallimenti nel governo societario e la deregolamentazione della finanza si sono tutti combinati per aumentare l’incentivo e la capacità degli attori economici ben posizionati di rivendicare grandi affitti economici rispetto alla generazione passata (vedi Bivens e Mishel 2013).

Aumentare la retribuzione americana migliorando la politica del mercato del lavoro e le pratiche commerciali

Per quanto importanti siano le retribuzioni di tutte le politiche di cui sopra, il progetto Raising America’s Pay si concentrerà intensamente su un’altra categoria di cambiamenti politici che sono di vitale importanza per la crescita futura dei salari, ma che hanno ricevuto troppa poca attenzione da ricercatori e responsabili politici: cambiamenti nella politica del mercato del lavoro e nelle pratiche commerciali che hanno spostato il potere contrattuale dai lavoratori a basso e moderato salario ai proprietari di capitali e ai dirigenti aziendali.

Un vantaggio chiave di questa attenzione alla politica del mercato del lavoro e alle pratiche commerciali non è solo che è stato indebitamente ignorato nella maggior parte delle analisi delle tendenze salariali fino ad oggi, è anche che standard di lavoro rafforzati e le istituzioni possono fornire aumenti salariali ai lavoratori anche durante periodi di debolezza condizioni del mercato del lavoro , quando il loro potere contrattuale individuale è significativamente ridotto.

L’inversione dei cambiamenti distruttivi nella politica del mercato del lavoro e nelle pratiche commerciali comprende un’ampia varietà di politiche, grandi e piccole, tutte spinte dalla nostra economia verso una crescita dei salari più ampia.

Questi includono cose come l’aumento del salario minimo, che, in termini adeguati all’inflazione, è attualmente di oltre il 25% al di sotto del suo picco nel 1968, nonostante una forza lavoro a basso salario che è molto più anziana e più istruita. Richiede anche un aggiornamento del diritto del lavoro, che non si è avvicinato per stare al passo con l’aggressività dei datori di lavoro notevolmente aumentata nella lotta agli sforzi organizzativi sindacali. Potrebbe includere una spinta all’applicazione drammaticamente erosa della vigente legislazione sul lavoro per contrastare il “furto salariale”, una pratica purtroppo dilagante (in particolare tra le comunità di immigrati vulnerabili) nel mercato del lavoro a basso salario (Bernhardt et al. 2009). Potrebbe significare innalzare la soglia salariale per l’esenzione dalle norme sugli straordinari del Fair Labor Standards Act, a cui è stato permesso di scendere a un livello inferiore al reddito di povertà per una famiglia di quattro persone. Potrebbe significare porre fine all’errata classificazione errata dei dipendenti come appaltatori indipendenti quando ciò danneggia il loro tenore di vita.

Altre questioni includono la fornitura di più strade per i dipendenti per sfidare i datori di lavoro attraverso azioni giudiziarie (un diritto continuamente ridotto negli ultimi decenni) e l’applicazione delle norme del lavoro del governo. Fornire standard di lavoro dignitosi per i lavoratori ospiti (in particolare consentendo loro di cambiare i datori di lavoro) e portare i lavoratori privi di documenti nel mercato del lavoro formale, dove gli standard sono più elevati e applicati, servirebbe ad aumentare i salari. Devono inoltre essere affrontate le pratiche commerciali come il subappalto e il franchising, che rimuovono i fattori chiave di bassi salari e insicurezza del lavoro (grandi aziende come WalMart o McDonald’s) dal campo di applicazione delle norme o dall’organizzazione dei lavoratori.

Il progetto Raising America’s Pay mira a esaminare i cambiamenti nella politica del mercato del lavoro e le pratiche commerciali come queste, nonché esaminare quali altri cambiamenti sono avvenuti negli ultimi decenni (o quali miglioramenti della politica del mercato del lavoro e delle pratiche commerciali non sono avvenuti, come congedo familiare) che hanno potenzialmente danneggiato le prospettive di crescita salariale per la stragrande maggioranza dei lavoratori americani.

Politica fiscale / di trasferimento e “predistribuzione”: un portafoglio sbilanciato per aumentare i redditi

Al livello più elementare, ci sono essenzialmente due modi principali per invertire la redistribuzione verso l’alto dei salari e dei redditi documentata in questo rapporto.

Uno è semplicemente ri ridistribuire attraverso tasse e trasferimenti, con l’assicurazione più forte sociali (per esempio, ampliato sicurezza sociale), conti pensionistici garantiti, il miglioramento della Affordable Care Act, una forte rete di sicurezza, e sussidi salariali espansi come l’imposta sul reddito guadagnato credito. Pagare per questo in gran parte con aliquote fiscali marginali significativamente più elevate per quelli con redditi elevati avrebbe l’effetto positivo aggiunto di ridurre l’incentivo per la ricerca di affitti al top.

Un altro binario si concentrerebbe sulle politiche che incidono sui salari che i lavoratori ricevono nel mercato del lavoro , pre- tasse e trasferimenti. Alcuni hanno etichettato questo brano come incentrato sulla “predistribuzione” (ad esempio, Hacker 2011). Ciò significa affrontare direttamente le scelte politiche menzionate in precedenza che hanno portato alla distorsione dei salari, mirando alla piena piena occupazione, rendendo le regole della globalizzazione più eque per i lavoratori, cambiando il governo societario per riformare i mercati del lavoro non competitivi per i dirigenti delle imprese e cambiando la politica e le imprese del mercato del lavoro pratiche per sostenere i salari dei lavoratori.

Abbiamo bisogno di entrambe le tracce. Mentre sosteniamo l’approfondimento del sistema fiscale e di trasferimento che aumenta i redditi per gli americani a basso e moderato reddito quando possibile, se non si fa nulla per cambiare le politiche che hanno portato all’aumento della disuguaglianza salariale, sembra certo che la disparità di reddito continuerà ad aumentare . Ciò deriva logicamente dal fatto che se la crescente disuguaglianza continua a reprimere la crescita oraria dei salari per la forza lavoro a basso salario, allora ci troveremmo nella posizione insostenibile di aver bisogno di più crediti d’imposta e più trasferimenti ogni anno per mantenere semplicemente la disuguaglianza del reddito al netto delle imposte stabile, figuriamoci invertendo in qualche modo il reddito ascendente degli ultimi decenni e la ridistribuzione dei salari.

Inoltre, oltre alle assicurazioni sociali di ampia portata come Social Security e Medicare, le tasse e i trasferimenti sono più adatti ad aiutare le famiglie a basso reddito. Tuttavia, il problema dei salari stagnanti e della crescente disuguaglianza non è qualcosa che ha colpito solo i poveri americani. Il vasto mezzo della distribuzione dei salari ha anche visto stipendi orari stagnanti rispetto all’ultima generazione, poiché i vantaggi della crescita della produttività sono stati catturati da coloro che erano al vertice. Ad esempio, il credito d’imposta sul reddito guadagnato è un programma importante che fornisce sussidi salariali ai lavoratori a basso reddito che vivono in famiglie a basso reddito e dovrebbe essere ampliato. Tuttavia, è difficile immaginare un’espansione che potrebbe compensare il fatto che, tutto sommato uguale, l’ intero fondo del 90 percentodei salari ora guadagnerebbe il 15,1 percento in più di salari ogni anno se la disuguaglianza salariale non fosse aumentata dal 1979. 16 Affrontare tale divario richiederà di arrestare o invertire la distorsione dei salari di mercato.

Infine, vi sono pochi motivi per ritenere che l’ingerenza nella distribuzione dei salari al lordo delle imposte e dei trasferimenti sarebbe particolarmente dannosa per l’efficienza economica o la crescita. Ampie ricerche hanno dimostrato che il mercato del lavoro nella vita reale non si comporta come un mercato spot perfettamente competitivo per un bene omogeneo. Al contrario, il potere contrattuale è un fattore determinante per i salari e le politiche che aumentano il potere dei lavoratori a basso e moderato reddito spesso lo fanno senza ricadute negative. Ciò può essere visto più chiaramente nella letteratura ormai enorme che mostra che l’aumento del salario minimo non ha alcun impatto evidente sull’occupazione. Gli effetti maligni di molti interventi sul lavoro previsti nei modelli più semplici dei mercati del lavoro: siano essi salari minimi legislati, protezioni del mercato del lavoro, maggiore generosità dell’indennità di disoccupazione, alti livelli di centralizzazione della contrattazione salariale si trovano molto raramente nei dati reali. Questo significa che i politici possono sempre e ovunque presumere di averlocarta bianca per legiferare sulla struttura dei salari? Sicuramente no. Ciò significa che i mercati del lavoro sono molto più flessibili di quanto si aspettino i modelli più ingenui.

Queste due tracce dovrebbero invece essere considerate fortemente complementari: la traccia “tasse e trasferimenti” compensa l’impatto della distorsione dei salari di mercato, mentre la traccia delle “retribuzioni di mercato”, arrestando o invertendo in primo luogo la distorsione dei salari di mercato, significa che le tasse e i trasferimenti non avranno un rialzo così pesante.

Conclusione

Nel complesso, si può affermare che la crescente disuguaglianza e la deludente crescita degli standard di vita per la stragrande maggioranza hanno chiare radici politiche. Speriamo che il progetto Raising America’s Pay contribuisca a svelare ulteriormente queste radici e fornirà una tabella di marcia per una diversa direzione politica, che mira a stimolare, non a rallentare, la crescita oraria dei salari per la stragrande maggioranza.

Speriamo anche che rivelare le radici politiche della disuguaglianza e della compressione della classe media si dimostrerà abilitante per i sostenitori che cercano di invertire queste tendenze. Se la disuguaglianza e la compressione della classe media fossero semplicemente lo sfortunato risultato di forze economiche inesorabili (come i mutamenti della tecnologia), la portata delle risposte politiche sarebbe molto più ristretta. Ma poiché queste tendenze sono state invece causate da un intero spettro di cambiamenti politici che si sono accumulati nel corso della generazione passata, ciò significa che non è necessario realizzare l’inversione di queste tendenze in un colpo solo. Invece, ci saranno numerose possibilità per coloro che vorrebbero vedere i lavoratori americani ottenere aumenti salariali regolari per far sentire la loro voce. La campagna dei lavoratori dei fast food per un salario di sussistenza è una di queste opportunità. E il recente annuncio che l’amministrazione Obama spingerà per espandere le protezioni degli straordinari è un altro. In breve, non ci sarà una sola vittoria sulla spinta per aumentare la retribuzione americana. Piuttosto, ci può essere solo una campagna costante e sostenuta su una serie di fronti per fare progressi su questo tema cruciale.

– Gli autori ringraziano  Jules Bernstein e Linda Lipsett  per il loro supporto a questa ricerca.

–  Gli autori ringraziano gli assistenti di ricerca EPI Alyssa Davis , Will Kimball e Hilary Wething ; Programmatore di dati EPI Jin Dai ; e l’editore EPI Michael McCarthy per i loro preziosi contributi a questo rapporto.

Riguardo agli Autori

Josh Bivens è  entrato nell’Istituto di politica economica nel 2002 ed è attualmente direttore della ricerca e della politica. Le sue principali aree di ricerca includono macroeconomia, assicurazioni sociali e globalizzazione. Ha scritto o co-scritto tre libri (tra cui  The State of Working America, 12a edizione ) mentre lavorava all’EPI, ne ha editato un altro e ha scritto numerosi articoli di ricerca, anche per riviste accademiche. Appare spesso nei media per offrire commenti economici e ha testimoniato diverse volte prima del Congresso degli Stati Uniti. Ha conseguito il dottorato di ricerca. dalla nuova scuola per la ricerca sociale.

Elise Gould è  entrata a far parte di EPI come economista nel 2003 ed è direttore dell’istituto per la ricerca sulle politiche sanitarie. Le sue aree di ricerca comprendono l’assicurazione sanitaria sponsorizzata dal datore di lavoro, la disuguaglianza e la salute, la povertà, la mobilità economica e l’esclusione fiscale del datore di lavoro. È coautore di  The State of Working America, 12a edizione . In passato, è autrice di un capitolo sulla salute in  The State of Working America 2008/09;  è stato coautore di un libro sulla copertura assicurativa sanitaria durante la pensione; pubblicato in luoghi come  The Chronicle of Higher Education ,  Challenge Magazine e  Tax Notes;  e scritto per riviste accademiche tra cui  Health Economics , Affari sanitari, Journal of Aging and Social Policy, Risk Management & Insurance Review, Prospettive di salute ambientale e  International Journal of Health Services . Ha conseguito un master in affari pubblici presso l’Università del Texas ad Austin e un dottorato di ricerca. in economia presso l’Università del Wisconsin a Madison.

Lawrence Mishel , economista riconosciuto a livello nazionale, è stato presidente dell’Economic Policy Institute dal 2002. In precedenza è stato il primo direttore della ricerca EPI (a partire dal 1987) e in seguito è diventato vicepresidente. È coautore di tutte le 12 edizioni di The State of Working America . Ha conseguito un dottorato di ricerca. in economia presso l’Università del Wisconsin a Madison, e i suoi articoli sono apparsi su una varietà di riviste accademiche e non accademiche. Le sue aree di ricerca sono l’economia del lavoro, la distribuzione dei salari e dei redditi, le relazioni industriali, la crescita della produttività e l’economia dell’istruzione.

Heidi Shierholz è entrata a far parte dell’Istituto di politica economica come economista nel 2007. Ha studiato e parlato ampiamente sull’economia e sulla politica economica in quanto colpisce le famiglie a medio e basso reddito, in particolare per quanto riguarda l’occupazione, la disoccupazione, la partecipazione della forza lavoro, l’indennità, disuguaglianza di reddito e ricchezza, giovani lavoratori, assicurazione di disoccupazione e salario minimo. Shierholz è coautore di  The State of Working America, 12a edizione, è un collaboratore frequente di emittenti radiofoniche e radiofoniche, è regolarmente citato in organi di stampa e media online ed è stato più volte chiamato a testimoniare al Congresso su questioni relative al mercato del lavoro. Prima di entrare in EPI, Shierholz ha lavorato come assistente professore di economia all’Università di Toronto. Ha conseguito un dottorato di ricerca. in economia presso l’Università del Michigan ad Ann Arbor.

Appendice: perché la globalizzazione è influenzata dalla politica e non rende impossibile generare una crescita dei salari per i lavoratori americani

Dopo la tecnologia, la globalizzazione viene spesso citata come un altro fattore fondamentale per la disuguaglianza salariale che non può o non deve essere affrontata direttamente dai responsabili politici, tranne forse attraverso la compensazione delle variazioni di imposte e trasferimenti.

Questo è in realtà un sorprendente cambiamento rispetto a quello che è stato quasi il consenso tra gli economisti tradizionali, non più di dieci anni fa, secondo cui la globalizzazione non dovrebbe essere accusata di contribuire in modo significativo alla disuguaglianza. E questa affermazione che il commercio non stava guidando le tendenze salariali mantenute anche se la logica del suo non effetto è completamente invertita.

È necessario uno sfondo molto breve. Quasi tutto il dibattito sull’impatto del commercio sulla disuguaglianza viene condotto utilizzando una variante del modello commerciale di Heckscher-Ohlin (HO). In questo modello, poiché l’economia degli Stati Uniti è abbondante nel capitale (sia umano che fisico), le crescenti opportunità di commercio, in particolare con partner commerciali più poveri, porteranno gli Stati Uniti a specializzarsi nella produzione ad alta intensità di capitale mentre importano merci ad alta intensità di lavoro . Questo passaggio dalla produzione ad alta intensità di lavoro a quella ad alta intensità di capitale dovrebbe aumentare i rendimenti di capitale e ridurre i ritorni di manodopera, aggravando le disparità. Ma per anni gli economisti hanno in gran parte ritenuto che questo effetto HO da manuale non fosse significativo nel determinare l’andamento dei salari negli Stati Uniti, anche se la ragione del suo fallimento non è cambiata radicalmente.

Nel 1993, ad esempio, il titolo di un documento coautore del noto teorico del commercio Jagdish Bhagwati etichettò i timori che il commercio potesse guidare la disuguaglianza salariale un episodio di “Marx che colpisce ancora”. In questo documento, Bhagwati e Dehejia sostengono che il commercio non ha aggravato la disuguaglianza salariale perché i beni prodotti dagli Stati Uniti e quelli prodotti dai nostri partner commerciali più poveri erano sostanzialmente non competitivi. Cioè, se gli Stati Uniti non producessero calzature, un aumento della potenziale offerta globale di scarpe (diciamo, perché la Cina è entrata a far parte del sistema commerciale mondiale) non danneggerebbe (anzi non potrebbe) i salari americani.

Nel 2008, Robert Lawrence del Peterson Institute sosteneva in un libro che il commercio non aveva ancora un impatto significativo sulla disuguaglianza salariale americana, ma questa volta l’argomentazione dipendeva in gran parte dall’affermazione secondo cui gli Stati Uniti e i paesi più poveri (in particolare la Cina) commerciavano indietro e così via che erano così simili nel modo in cui venivano prodotti, non vi era alcun impatto significativo sulle richieste di fattori relativi derivanti da questo commercio, e quindi nessuna pressione sulla disuguaglianza salariale.

Quindi, in meno di 20 anni le importazioni apparentemente si sono trasformate da sostanzialmente non in competizione con la produzione americana ad essere esattamente identiche alla produzione americana. Ma mai nel mezzo le importazioni differenziate sono state in concorrenza con i beni statunitensi e hanno influenzato i salari statunitensi.

Ora, tuttavia, la globalizzazione viene regolarmente invocata dagli economisti come una forza esogena e fondamentale che guida la disuguaglianza e che non può essere affrontata direttamente dalla politica. Quest’ultima interpretazione è errata per tre motivi. Per prima cosa, la politica condiziona assolutamente l’impatto della globalizzazione sui risultati statunitensi. Per un altro, gran parte dell’impatto della globalizzazione sui salari americani non deriva semplicemente dai canali HO in base ai quali il commercio influenza l’offerta e la domanda in mercati del lavoro perfettamente competitivi; invece, la globalizzazione spesso serve semplicemente a ridurre il potere contrattuale dei lavoratori statunitensi. Infine, garantiamo che una parte dell’impatto della globalizzazione potrebbe non essere affrontata direttamente in modo ottimale attraverso modifiche alla politica economica internazionale, ma sosterrebbe che tali impatti richiedono una risposta da parte dell’assicurazione sociale e dei trasferimenti – e (soprattutto) che l’entità della compensazione richiesta è molto più grande di quanto generalmente riconosciuto in questo dibattito.

La politica condiziona gli impatti della globalizzazione

Sembra chiaro che gran parte del danno arrecato dall’integrazione globale è causato, o almeno notevolmente amplificato, attraverso le regole che governano questa integrazione (regole stabilite sia dai trattati commerciali internazionali sia dalle politiche applicate da organizzazioni internazionali come l’Organizzazione mondiale del commercio e il Fondo monetario internazionale). La maggior parte dei trattati commerciali, ad esempio, contiene centinaia di pagine di protezioni esplicite e applicabili per gli investitori internazionali e spesso include l’armonizzazione delle protezioni degli investitori fino al livello più protettivo. I partner commerciali degli Stati Uniti, ad esempio, devono adottare standard per la proprietà intellettuale e la protezione del copyright che si avvicinano (o talvolta addirittura superano) i livelli statunitensi. Questo è ottimo per azionisti e dirigenti di aziende farmaceutiche, software e di intrattenimento, ma non offre alcun vantaggio alla maggior parte dei partner commerciali statunitensi. Al contrario, non esistono sostanzialmente tutele applicabili negli accordi commerciali per gli interessi del lavoro né negli Stati Uniti né nei paesi partner commerciali.

Un altro esempio è la politica dei tassi di cambio, che può essere un potente amplificatore degli impatti della globalizzazione. Il dollaro statunitense sopravvalutato degli ultimi due decenni ha ridotto i prezzi delle importazioni statunitensi, agendo quasi come un accordo commerciale di riduzione delle tariffe sugli steroidi.

La globalizzazione incide sul potere contrattuale, non solo sulla domanda e l’offerta relative

Gran parte dell’impatto della globalizzazione sui salari americani probabilmente non corre semplicemente attraverso i canali HO sopra identificati. Invece, la globalizzazione influenza i salari attraverso la sua influenza sul potere contrattuale di diversi gruppi di lavoratori. In questo caso, se la globalizzazione sta effettivamente influenzando il potere di contrattazione piuttosto che la domanda e l’offerta di lavoro relative in mercati del lavoro competitivi, la gamma di potenziali opzioni politiche per rispondere a questa riduzione della contrattazione è notevolmente ampliata. Ad esempio, si può semplicemente aumentare il potere contrattuale dei lavoratori attraverso altri canali.

Anche gli impatti sui libri di testo della globalizzazione sono grandi e richiedono un risarcimento

Infine, garantiamo che parte dell’impatto della globalizzazione sulla disparità salariale americana proviene effettivamente dai canali tradizionali HO. In questo modello, il calo dei prezzi per una produzione in concorrenza con le importazioni (tutto il resto uguale) ridurrà i salari pagati ai lavoratori in tutta l’economia che lavorano in settori in concorrenza con le importazioni e che assomigliano ai lavoratori in settori in concorrenza con le importazioni in aspetti importanti come l’istruzione e Esperienza lavorativa. Cioè, i paesaggisti con un diploma universitario inferiore a quattro anni potrebbero non perdere il posto di lavoro a causa della maggiore concorrenza nella produzione tessile, ma i loro salari possono essere depressi dovendo competere con lavoratori tessili licenziati che hanno un college inferiore a quattro anni gradi per i lavori rimanenti aperti a quelli con queste credenziali.

Nel caso di danni causati dalla globalizzazione derivanti dai canali HO, siamo ampiamente d’accordo con quello che è un ampio consenso di centro-sinistra: dovrebbero essere previsti compensi per i lavoratori dalla parte sbagliata dei flussi commerciali globali. Noteremo che questa compensazione è generalmente di un ordine di grandezza (almeno) più ampio di quanto comunemente offerto nella politica, ma almeno ottiene la giusta dinamica. 17 Un meccanismo ovvio per fornire questo risarcimento è attraverso un’assicurazione sociale più profonda e forse più ridistributiva.

Concorderemmo anche che, a questo proposito, la risposta ottimale alla disuguaglianza indotta dal commercio attraverso questo canale tradizionale non sembra necessariamente molto diversa dalla risposta ottimale alla disuguaglianza indotta dal cambiamento tecnologico. Notiamo, tuttavia, che la nostra lettura delle prove indica che l’impatto del commercio anche solo attraverso questo canale è probabilmente maggiore di quello del cambiamento tecnologico. Inoltre, in linea di principio, la distorsione ex ante del cambiamento tecnologico, e quindi il suo impatto sulla disuguaglianza, non è prevedibile. Ci sono stati chiaramente periodi in cui il cambiamento tecnologico probabilmente favoriva i lavoratori meno accreditati rispetto ai proprietari di capitale umano e fisico. L’impatto dell’integrazione globale attraverso il canale HO tradizionale è, tuttavia, completamente prevedibile: man mano che gli Stati Uniti si integrano sempre più con un’economia globale molto più povera, il ritorno al lavoro puro cadrà e aumenteranno i rendimenti al capitale (umano e fisico).

Alla luce di tutte queste considerazioni, la disuguaglianza guidata dalla globalizzazione richiede strumenti analitici e risposte politiche molto diverse da quelle considerate in risposta alla disuguaglianza generata dal cambiamento tecnologico.

Note finali

1.  Come notiamo più avanti nel documento, quelle che chiamiamo famiglie “non anziane” sono in realtà tutte le famiglie  tranne  quelle classificate come “anziane e senza figli”. Come spieghiamo in quella sezione, pensiamo che questa sia un’abbreviazione accettabile.

2. Le misure salariali e compensative esaminate nella figura A sono state prese da dati disponibili al pubblico prodotti dall’Ufficio di statistica del lavoro (BLS) e dall’Ufficio di analisi economica (BEA). La tabella 1 utilizza microdati del Current Population Survey (CPS).

3. L’ andamento dei salari ispanici è probabilmente influenzato dai cambiamenti nella composizione, con più ispanici immigrati nell’ultimo periodo.

4. Dobbiamo notare che i cambiamenti compositivi sono probabilmente più importanti nell’influenzare le tendenze tra i gruppi razziali ed etnici di quanto non siano anche attraverso altre misure salariali.

5. La compensazione oraria è derivata dal gonfiare i salari medi di produzione / lavoratori senza supervisione dall’Ufficio delle statistiche del lavoro Statistiche attuali sull’occupazione in base a un rapporto tra retribuzione e salario. Il rapporto retribuzione salariale viene calcolato dividendo la retribuzione totale media (salari e stipendi più benefici) per la maturazione media salariale e salariale di tutti i dipendenti a tempo pieno e part-time dall’Ufficio nazionale di analisi economica delle entrate e dei prodotti interattivo tabelle.

6. Le prestazioni sanitarie fornite dal datore di lavoro in questa tabella sono ridotte utilizzando un deflatore dei prezzi specifico per l’assistenza medica. Lo facciamo perché il deflatore normale che utilizziamo in questo documento – CPI-U-RS – non include il valore dell’assistenza sanitaria fornita dai datori di lavoro, e quindi sarebbe il modo sbagliato di sgonfiare le prestazioni non salariali.

7. La crescita del reddito nella quinta parte inferiore è sostanzialmente sostenuta nei dati CBO dal rapido aumento dei costi dell’assistenza sanitaria. Poiché queste famiglie ricevono una grande percentuale del loro reddito complessivo da trasferimenti relativi all’assistenza sanitaria (Medicare e Medicaid) e poiché questi trasferimenti tendono ad aumentare in linea con i costi totali dell’assistenza sanitaria (che sono aumentati molto più rapidamente rispetto ad altri prezzi), questo aumenta i redditi nominali del quinto in basso in modo significativo.

8. I dati Piketty e Saez sono leggermente più aggiornati rispetto ai dati CBO; per gli anni tra il 1979 e il 2010, l’1 percento superiore rappresenta l’82,9 percento dell’aumento del reddito medio e tra il 1979 e il 2007 l’1 percento superiore rappresenta il 59 percento dell’aumento.

9. L’aumento di 1,6 punti percentuali del reddito d’impresa tra il 1979 e il 2007 è probabilmente dominato dalla crescita dei pagamenti di dividendi ai proprietari di società S, rendendo questa categoria di reddito un po ‘più “simile al capitale” di quanto spesso si apprezza. Solo tra il 1991 e il 2007, i dividendi ai proprietari di società S sono aumentati di oltre il 2 percento del prodotto interno lordo totale degli Stati Uniti.

10. Dobbiamo notare una certa cautela nell’interpretazione del grande contributo offerto dalla compensazione del lavoro a queste tendenze: una grande percentuale della compensazione del lavoro delle famiglie con il reddito più alto è probabilmente dovuta alle opzioni e ai bonus esercitati, entrambi molto più legati a sviluppi nei mercati dei capitali che nei mercati del lavoro. Freeman, Blasi e Kruse (2011), ad esempio, notano che nel 2006 circa $ 65,1 miliardi di indennità di manodopera erano in realtà il risultato di stock option esercitate, mentre Jaquette, Knittel e Russo (2003) hanno stimato che il totale “spread spread” (l’esercizio di stock option non qualificate) è stato di $ 126 miliardi nel 2000 e di $ 78 miliardi nel 2001, a seguito del calo del mercato azionario.

11. Ciò presuppone, naturalmente, che la crescita del reddito complessivo nel periodo non sia influenzata dalla distribuzione del reddito. In precedenti lavori (Bivens e Mishel 2013) sosteniamo che non vi sono prove a sostegno delle preoccupazioni che una distribuzione più equa della crescita del reddito nella generazione passata avrebbe in qualche modo ostacolato i tassi di crescita medi.

12. Vi è una piccola parte delle famiglie con bambini guidati da un capofamiglia di età superiore ai 65 anni e ci sono anche più di 65 membri di nuclei familiari guidati da un capofamiglia di età inferiore ai 65 anni (famiglie multigenerazionali, ad esempio). Detto questo, pensiamo che la combinazione del gruppo non anziano, senza figli, con tutte le famiglie con i bambini, debba inclinarsi pesantemente (anche se un po ‘meno nel tempo) verso le famiglie che devono fare affidamento sui redditi da lavoro per la stragrande maggioranza del loro reddito familiare totale.

13. Dovremmo notare che anche se avessimo usato la misura di povertà supplementare più inclusiva della Figura L per intraprendere l’esercizio statistico che abbiamo eseguito nella Figura K, il tasso di povertà oggi sarebbe ancora pari o quasi a zero in assenza di crescenti disuguaglianze.

14. La Tabella 9 presenta gli spazi vuoti nel modulo “registrato” e le modifiche agli spazi vuoti sono cambiamenti nei punti di registro. Lo facciamo perché le lacune salariali relative all’istruzione sono stimate utilizzando le regressioni con i salari registrati come variabile dipendente e la coerenza ha richiesto il calcolo delle altre lacune salariali come lacune salariali. I risultati sono in qualche modo diversi se tutti i divari vengono convertiti in differenziali percentuali, ma nessuna delle nostre conclusioni cambierebbe. Viene effettuato un test più completo che esamina il contributo della variazione tra i gruppi e all’interno dei gruppi alla variazione complessiva della varianza dei salari, utilizzando una semplice equazione dei salari. Le variabili dell’istruzione sono di gran lunga i controlli più importanti. Nel periodo 1979-1995 la variazione tra i gruppi spiega il 55 percento della variazione totale tra gli uomini ma può solo spiegare il 24 percento della variazione per il periodo 1995-2007.

15. Alcuni analisti (vedi Brynjolfsson e McAfee 2014) impiegano entrambi anche se queste narrazioni sono in conflitto. In particolare, la narrativa sull’istruzione dice che più istruzione si ha, meglio si farà con la tecnologia moderna nel periodo post-1979. In effetti, quelli con il minor livello di istruzione / abilità hanno ottenuto risultati comparabili a quelli con competenze e istruzione di livello medio dalla fine degli anni ’80, come dimostra il divario salariale del 50/10. La narrativa sulla polarizzazione suggerisce che i salari di quelli in basso faranno meglio di quelli nel mezzo, l’opposto della narrativa educativa. Un divario salariale stabile del 50/10 è incompatibile anche con la polarizzazione.

16. Questo calcolo è basato sui dati della Figura I. Calcola i salari annuali reali molto più alti per il 90 percento inferiore se il 90 percento inferiore avesse visto la stessa crescita salariale della media complessiva tra il 1979 e il 2012.

17. Per quanto riguarda l’entità della compensazione richiesta per gli impatti degli scambi commerciali, vedere Bivens (2008).

Riferimenti

Aaronson, Daniel e Bhashkar Mazumder. 2007. Mobilità economica intergenerazionale negli Stati Uniti, 1940-2000 . Documento di lavoro della Federal Reserve Bank of Chicago 2005-12. http://www.chicagofed.org/webpages/publications/working_papers/2005/wp_12.cfm

Abel, Jaison, Richard Deitz e Yaquin Su. 2014. “I neolaureati stanno trovando buoni lavori?” Questioni attuali in economia e finanza , vol. 20, n. 1. Federal Reserve Bank di New York. http://www.newyorkfed.org/research/current_issues/ci20-1.html

Balsam, Steven. 2012. Imposte e compensi esecutivi . Economic Policy Institute, Briefing Paper No. 344. http://www.epi.org/publication/taxes-executive-compensation/

Barbosa-Filho, Nelson, Codrina Rada von Arnim, Lance Taylor e Luca Zamparelli. 2008. “Cicli e tendenze nei flussi finanziari netti degli Stati Uniti”. Journal of Post Keynesian Economics , vol. 30, n. 4, 623-648.

Bernhardt, Annette, Ruth Milkman, Nik Theodore, Douglas Heckathorn, Marabai Auer, James DeFilippis, Ana Luz Gonzalez, Victor Narro, Jason Perelshteyn, Diana Polson e Michael Spiller. 2009. Leggi infrante, lavoratori non protetti: violazioni delle leggi sull’occupazione e sul lavoro nelle città americane . Centro per lo sviluppo economico urbano, Progetto nazionale per l’occupazione, Istituto UCLA per la ricerca sul lavoro e l’occupazione. http://www.unprotectedworkers.org/index.php/broken_laws/index

Bhagwati, Jagdish e Vivek Dehejia. 1993. Commercio più libero e salari dei non qualificati: Marx colpisce ancora? American Enterprise Institute. Documento di discussione n. 672.

Bivens, Josh. 2005. Problemi di finanziamento risolvibili della previdenza sociale: la carenza di fondi non è inevitabile . Economic Policy Institute, Issue Brief No. 207. http://www.epi.org/publication/ib207/

Bivens, Josh. 2008. Vince tutti, tranne la maggior parte di noi: cosa ci insegna l’economia sulla globalizzazione . Washington, DC: Istituto di politica economica.

Bivens, Josh. 2011. Failure By Design: una storia dietro la rottura dell’economia americana . Un libro dell’Istituto di politica economica. Itaca, New York: Cornell University Press.

Bivens, Josh. 2013a. “Altre implicazioni fiscali di una quota di reddito in aumento del capitale”. Working Economics (blog di Economic Policy Institute), 2 gennaio. Http://www.epi.org/blog/fiscal-implications-rising-capital-share-income/

Bivens, Josh. 2013b. America the Unequal: origini e impatti di una rivoluzione politica . Demos, New Economic Paradigms e Rockefeller Foundation (testo che accompagna la conferenza New Economic Paradigms). http://www.demos.org/sites/default/files/publications/Bivens.pdf

Bivens, Josh e Lawrence Mishel. 2013. “La retribuzione dei dirigenti aziendali e dei professionisti finanziari come prova degli affitti nei primi 1 percento di entrate”. Journal of Economic Perspectives , vol. 27, n. 3, 57-78.

Blasi, Joseph, Douglas Kruse e Richard Freeman. 2011. “Il capitalismo condiviso aiuta le migliori aziende a fare ancora meglio?” Documento preparato per il seminario della British Academy “The Economics of Share Ownership and Gainsharing: Findings and Policy Implications”. Center for Economic Performance, London School of Economics.

Brynjolfsson, Erik e Andrew McAfee. 2014. Corsa contro la macchina: in che modo la rivoluzione digitale sta accelerando l’innovazione, promuovendo la produttività e trasformando in modo irreversibile l’occupazione e l’economia. Digital Frontier Press.

Bureau of Economic Analysis (Dipartimento del Commercio degli Stati Uniti) Reddito nazionale e contabilità dei prodotti. Vari anni. Tabelle nazionali delle entrate e dei prodotti [tabelle dei dati]. http://bea.gov/iTable/iTable.cfm?ReqID=9&step=1

Bureau of Labor Statistics (Dipartimento del Lavoro degli Stati Uniti) Programma degli indici dei prezzi al consumo. Vari anni. Tutti i consumatori urbani: Chained Consumer Price Index (CPI) [database]. http://bls.gov/cpi/

Bureau of Labor Statistics (Dipartimento del Lavoro USA) Programma attuale delle statistiche sull’occupazione. Vari anni. Occupazione, ore e guadagni – Nazionale [database]. http://www.bls.gov/ces/#data

Bureau of Labor Statistics (Dipartimento del Lavoro degli Stati Uniti) Programma di produttività e costi del lavoro. Vari anni. Produttività e costi del settore principale e produttività e costi del settore [database]. http://www.bls.gov/lpc/#data . (Dati non pubblicati forniti dallo staff del programma su richiesta dell’EPI.)

Bureau of Labor Statistics (Dipartimento del Lavoro degli Stati Uniti) Indagine nazionale sulla remunerazione – Tendenze dei costi dell’occupazione. Vari anni. Costi del datore di lavoro per indennizzo dei dipendenti [comunicato stampa economico]. http://www.bls.gov/ect/home.htm

Chetty, Raj, Nathaniel Hendren, Patrick Kline ed Emmanuel Saez. 2014. Dov’è la terra delle opportunità? La geografia della mobilità intergenerazionale negli Stati Uniti . National Bureau of Economic Research, Working Paper No. 19844.

Congressional Budget Office (CBO). 2013.  La distribuzione del reddito familiare e delle imposte federali, 2010 . http://www.cbo.gov/sites/default/files/cbofiles/attachments/44604-AverageTaxRates.pdf

Corak, Miles. 2012. “Disuguaglianza di generazione in generazione: il confronto tra Stati Uniti”. Economics for Public Policy (blog), 12 gennaio. Http://milescorak.com/2012/01/12/here-is-the-source-for-the-great-gatsby-curve-in-the-alan-krueger -speech-at-the-centro-di-american-progress /

Microdati del supplemento sociale ed economico annuale della popolazione attuale. Vari anni. Indagine condotta dall’Ufficio del censimento per le statistiche dell’Ufficio del lavoro [file di microdati leggibili automaticamente]. Washington, DC: US Census Bureau. http://www.bls.census.gov/cps_ftp.html#cpsmarch

Supplemento sociale ed economico annuale dell’indagine sulla popolazione attuale. Tabelle storiche della povertà [tabelle dati]. Vari anni. http://www.census.gov/hhes/www/poverty/data/historical/people.html

Microdati del gruppo di rotazione in uscita per l’indagine sulla popolazione attuale. Vari anni. Indagine condotta dall’Ufficio del censimento per le statistiche dell’Ufficio del lavoro [file di microdati leggibili automaticamente]. Washington, DC: US Census Bureau. http://www.bls.census.gov/cps_ftp.html#cpsbasic

Cynamon, Barry e Steven Fazzari. 2014. Disuguaglianza, grande recessione e ripresa lenta. Foglio di lavoro. http://papers.ssrn.com/sol3/papers.cfm?abstract_id=2205524

Danziger, Sheldon e Peter Gottschalk. 1995. America Unequal . New York: Russell Sage Foundation; Cambridge, Mass .: Harvard University Press.

Dynan, Karen E., Jonathan Skinner e Stephen P. Zeldes. 2004. “I ricchi risparmiano di più?” Journal of Political Economy , vol. 112, n. 2, 397-444. https://www.dartmouth.edu/~jskinner/documents/DynanKEDotheRich.pdf

Fortin, Nicole M. e Thomas Lemieux. 1997. “Cambiamenti istituzionali e crescente disuguaglianza salariale: esiste un legame?” Journal of Economic Perspectives, vol. 11, n. 2, 75-96.

Fox, Linda, Irwin Garfinkel, Neeraj Kaushal, Jane Waldfogel e Christopher Wimer. 2014. Fare guerra alla povertà: tendenze storiche della povertà usando la misura supplementare della povertà . National Bureau of Economic Research, Working Paper No. 19789. http://www.nber.org/papers/w19789.pdf

Gordon, Robert. 2012. La crescita economica degli Stati Uniti è finita? L’innovazione vacillante si confronta con i sei venti contrari . National Bureau of Economic Research, Working Paper No. 18315. http://faculty-web.at.northwestern.edu/economics/gordon/Is%20US%20Economic%20Growth%20Over.pdf

Gould, Elise e David Cooper. 2013. Sicurezza finanziaria degli anziani americani a rischio: proposte modifiche alla sicurezza sociale e Medicare potrebbero rendere la maggior parte degli anziani “vulnerabili dal punto di vista economico”. Economic Policy Institute, Briefing Paper No. 362. http://www.epi.org/publication/economic-security-elderly-americans-risk/

Hacker, Jacob. 2011. Le basi istituzionali della democrazia della classe media . Rete politica. http://www.policy-network.net/pno_detail.aspx?ID=3998&title=The+institutional+foundations+of+middle-class+democracy

Hiltonsmith, Robert. 2013. The Draeding Savings Drain: The Hidden Excessive Costs of 401 (K) s . Demo http://www.demos.org/sites/default/files/publications/TheRetirementSavingsDrain-Demos_0.pdf

Jacquette, Scott, Matthew Knittel e Karl Russo. 2003. “Tendenze recenti nelle opzioni su azioni”. Ufficio di assistenza tecnica, documento di lavoro n. 89. Dipartimento del tesoro degli Stati Uniti.

Jäntti, Markus, Knut Røed, Robin Naylor, Anders Bjørklund, Bernt Bratsberg, Oddbjørn Raaum, Eva Osterbacka e Tor Eriksson. 2006. L’eccezionalismo americano sotto una nuova luce: un confronto tra la mobilità degli utili intergenerazionali nei paesi nordici, il Regno Unito e gli Stati Uniti . Documento di discussione dell’Istituto per lo studio del lavoro (IZA) Serie n. 1938. http://ftp.iza.org/dp1938.pdf

Kopczuk, Wojciech, Emmanuel Saez e Jae Song. 2010. “Disuguaglianza di guadagno e mobilità negli Stati Uniti: prove dai dati di sicurezza sociale dal 1937.” The Quarterly Journal of Economics , febbraio. http://elsa.berkeley.edu/~saez/kopczuk-saez-songQJE10mobility.pdf

Krugman, Paul. 2013. “Stagnazione secolare, miniere di carbone, bolle ed estati di Larry.” The Conscience of a Liberal (un blog del New York Times ), 11 novembre. Http://krugman.blogs.nytimes.com/2013/11/16/secular-stagnation-coalmines-bubbles-and-larry-summers/

Lafer, Gordon. 2013. L’attacco legislativo ai salari e agli standard di lavoro americani, 2011-2012 . Economic Policy Institute, Briefing Paper No. 364. http://www.epi.org/publication/attack-on-american-labor-standards/

Lawrence, Robert Z. 2008. Blue-Collar Blues: il commercio è da incolpare per l’aumento della disuguaglianza del reddito negli Stati Uniti?  Washington, DC: Peterson Institute Press.

Levy, Frank e Richard Murnane. 2013. Ballando con i robot: abilità umane per il lavoro computerizzato . Terza via, relazione sul programma economico. http://www.thirdway.org/publications/714

Mishel, Lawrence e Heidi Shierholz. 2013. Un decennio di stipendi piatti: la barriera chiave per la prosperità condivisa e una classe media in aumento . Economic Policy Institute, Briefing Paper No. 365. http://www.epi.org/publication/a-decade-of-flat-wages-the-key- barrier-to-shared-prosperity-and-a-rising- classe media/

Mishel, Lawrence, Heidi Shierholz e John Schmitt. 2013. Non dare la colpa ai robot: valutare il lavoro Polarizzazione Spiegazione della crescente disuguaglianza salariale. Documento di lavoro dell’Istituto di politica economica per la ricerca economica e politica. http://www.epi.org/publication/technology-inequality-dont-blame-the-robots/

Mishel, Lawrence, Josh Bivens, Elise Gould e Heidi Shierholz. 2012. The State of Working America, 12a edizione . Un libro dell’Istituto di politica economica. Itaca, New York: Cornell University Press.

Morrissey, Monique e Natalie Sabadish. 2013. Quaderno sulla disuguaglianza di pensionamento: come la rivoluzione 401 (k) ha creato pochi grandi vincitori e molti perdenti . Istituto di politica economica. http://www.epi.org/publication/retirement-inequality-chartbook/

Piketty, Thomas ed Emmanuel Saez. 2003. “Disuguaglianza di reddito negli Stati Uniti, 1913-1998”. Quarterly Journal of Economics , vol. 118, n. 1, 1-39 (tabelle e cifre aggiornate al 2012 in formato Excel, settembre 2013). http://elsa.berkeley.edu/~saez/pikettyqje.pdf

Piketty, Thomas, Emmanuel Saez e Stefanie Stantcheva. 2014. “Tassazione ottimale dei migliori redditi: una storia di tre elasticità”. American Economic Journal: Economic Policy, vol. 6, n. 1, 230-271.

Salzman, Hal, Daniel Kuehn e B. Lindsay Lowell. 2013.  Lavoratori ospiti nel mercato del lavoro statunitense altamente qualificato: un’analisi dell’offerta, dell’occupazione e delle tendenze salariali . Economic Policy Institute, Briefing Paper No. 359. http://www.epi.org/publication/bp359-guestworkers-high-skill-labor-market-analysis/ .

Amministrazione della previdenza sociale. Statistiche salariali. Vari anni. Statistiche salariali [database]. http://www.ssa.gov/cgi-bin/netcomp.cgi

Stiglitz, Joseph. 2014. “Stagnazione economica per design”. Social Europe Journal . http://www.social-europe.eu/2014/02/economic-stagnation/

Summers, Lawrence. 2013. “Risposte politiche alle crisi”. Un forum del Fondo monetario internazionale. Osservazioni orali fornite presso la sede del Fondo monetario internazionale, 8 novembre. Http://www.imf.org/external/np/res/seminars/2013/arc/index1.htm

Surowiecki, James. 2014. “Il mito della mobilità”. The New Yorker , 3 marzo. Http://www.newyorker.com/talk/financial/2014/03/03/140303ta_talk_surowiecki

Thomas, Hannah, Janet Buguslaw, Sara Chaganti, Alicia Atkinson e Thomas Shapiro. 2013. Capitale del lavoro: come il lavoro costruisce e protegge la ricchezza e la sicurezza della famiglia . Community-Wealth.org, The Leveraging Mobility Series. http://community-wealth.org/content/employment-capital-how-work-builds-and-protects-family-wealth-and-security

Weller, Christian E. e Edward N. Wolff. 2005. Reddito di pensione: il ruolo cruciale della previdenza sociale . Un libro dell’Istituto di politica economica. http://www.epi.org/publication/book_retirement_income/

Wolff, Edward. 2012. Analisi inedita dell’indagine della Federal Reserve sulle finanze dei consumatori preparata nel 2012 per l’Istituto di politica economica.

Futures Dow Jones: forte rialzo del mercato azionario; Azioni Tesla a 500 $

Guerra Commerciale Stati Uniti Cina ultime notizie

Investimenti migliori nel 2020 Idee per Investire Soldi in modo Sicuro

Prezzi di Smartphone in Aumento a Natale con i Nuovi Dazi di Trump

Migliori Azioni da Comprare: Trump e i Mercati Finanziari

Guerra Commerciale USA CINA ultime novità

Azioni Apple e Futures Dow Jones Oggi

Black Friday: Auricolari Apple in Cima ai Desideri

Investimenti Più Redditizi: Azioni da Tenere per Decenni

Come il Fisco Sta Controllando i Conti Correnti degli Italiani

Aumentare gli Stipendi: una sfida di politica economica fondamentaleultima modifica: 2020-02-15T20:01:53+01:00da arrigosarti
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento